Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Il vino sigillo d’amore e mai di odio e violenza

La dedica di Linda Laura Sabbadini,vincitrice del Premio Casato Prime Donne 2013. Rimarrà  nei vigneti di Brunello  della cantina al femminile di Donatella 

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini, Prima Donna 2013, è stata scelta come simbolo del contrasto alla violenza che uccide, umilia, degrada 10 milioni di donne in Italia. Il 93% in più rispetto ai casi denunciati, una moltitudine sofferente su cui il Premio Casato Prime Donne 2013 ha cercato di riaccendere i riflettori, chiedendo norme di prevenzione più efficaci e una campagna di sensibilizzazione che sostenga le vittime e le spinga a denunciare la violenza.

Ecco il testo dettato dalla Direttrice ISTAT che, nel 2006, provocò uno choc nel nostro Paese diffondendo i numeri delle donne abusate.

 

 

 

 

————————————————————————————————————————————————
Montalcino è un luogo di elevata civiltà italiana, culla di una tradizione millenaria di convivenza armoniosa, di quell’intesa fra l’opera dell’uomo e la natura di cui le donne sono depositarie e maestre, e il vino un simbolo pacifico e festoso. Che il vino sia dunque sigillo d’amore, mai di odio e violenza, offerto a tutti dalle mani sapienti delle donne, come l’augurio perfetto che risuona nei versi della poetessa Mariangela Gualtieri:

Sii dolce con me.
Maneggiami con cura.
Abbi la cautela dei cristalli
con me e anche con te.
Quello che siamo
è prezioso più dell’opera blindata nei sotterranei
e affettivo e fragile. La vita ha bisogno
di un corpo per essere e tu sii dolce
con ogni corpo…

da “Bestia di gioia”

Punti di Vista Montalcino Casato Prime Donne

Carlotta, Giuditta e Annibale Parisi Punti di Vista Montalcino

Accanto alla dedica di Linda Laura Sabbadini è stata realizzata da Carlotta, Giuditta e Annibale Parisi un’istallazione artistica dal titolo emblematico “Punti di vista” che sviluppa, in forma metaforica e onirica, il tema della diversa percezione del mondo da parte delle donne.
Il Casato Prime Donne, la cantina che organizza il premio assegnato quest’anno a Linda Laura Sabbadini, è interamente al femminile. Un caso unico in Italia, un esempio e un monito al mondo del vino dove le donne hanno ancora scarse opportunità di carriera.

——————————————————————————–

2008-2009 Donne, lavoro e ricatti sessuali Per approfondire: ISTAT “Le molestie sessuali

Metà delle donne in età tra i 14 e i 65 anni (10 milioni 485 mila, pari al 51,8 per cento) hanno subito, nell’arco della loro vita, “ricatti sessuali sul lavoro o molestie in senso lato come pedinamento, esibizionismo, telefonate oscene, molestie verbali e fisiche”

L’ambiente lavorativo, dopo la strada, è al secondo posto tra quelli in cui le donne rischiano di subire molestie.

I ricatti sessuali sul posto di lavoro riguardano 842 mila donne, il 5,9 %, di quelle fra 14 e 65 anni. I ricatti sono avvenuti

Decameronero "laLut"

Decameronero "laLut" la violenza sulle donne al tempo di Boccaccio

all’assunzione (247mila donne) o per mantenere il posto o avanzare di carriera (243 mila donne). Il 31,2 % delle donne interessate da casi di prepotenza e abusi, ha subito vere e proprie molestie mentre il restante 68,8 % della casistica è stato ricattato sessualmente.

488mila donne cui all’ingresso nel mondo del lavoro è stata chiesta una “disponibilità sessuale. Le vittime hanno prevalentemente un titolo di studio elevato, fra i 35 e i 54 anni e spesso vivono sole.

L’81,7 % delle donne che subisce un ricatto sessuale non ne parla con nessuno. Solo il 18,3% di coloro che hanno subito ricatti nel corso della vita, ha raccontato la sua esperienza ad amici e familiari o ai colleghi sul posto di lavoro (10,6 %).

Quasi nessuna delle vittime ha denunciato l’episodio alle forze dell’ordine, nella maggior parte dei casi perché si ritiene che non abbiano modo di intervenire.

57,2 % delle donne che hanno subito ricatti ha cambiato volontariamente lavoro o ha rinunciato alla carriera, il 2,5 % è stata licenziata, il 3,3 % ha continuato a lavorare nello stesso posto, il 2,7 % si è messa in malattia, mentre nel 3,8 % dei casi non vi è stato alcun esito.

 

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

1 Comment

  1. home furniture mart Reply

    I precisely needed to thank you so much once more. I do not know the things that I might have created in the absence of the entire pointers contributed by you directly on such a area of interest. It was actually an absolute hard problem in my opinion, nevertheless taking note of your skilled technique you treated the issue forced me to cry with fulfillment. I will be grateful for this advice and as well , believe you find out what a great job you happen to be accomplishing training the mediocre ones via your blog. I am sure you haven’t come across all of us.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account