Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Storia del panforte sexy e ricetta del panforte Margherita

Il dolce di Natale a Siena è il panforte nella versione sexy “panpepato” e nella versione creata per la Regina Margherita di cui vi regalo la ricetta

Panforte-Margherita_fatto_in_casa_con_ingredienti

Panforte-Margherita_fatto_in_casa_con_ingredienti

Tanti, ma tanti anni a Siena fa dicevano che il panforte “panpepato” << univa le famiglie>> perché la sua virtù afrodisiaca faceva superare le crisi matrimoniali. Vera o non vera questa capacità del panforte causò persino qualche incidente di alto livello. Pare infatti che la visita nella città del Palio della Regina Margherita di Savoia sia stata preceduta da un sopralluogo del suo ciambellano che aveva, fra l’altro, l’incarico di scegliere i piatti destinati al “real palato”. Quando seppe delle virtù afrodisiache del panpepato lo escluse subito dai menù e i senesi, mortificati dal veder disprezzato il più celebre e prelibato dei loro dolci, decisero di farne una versione più “casta” che fu battezzata panforte Margherita in onore della sovrana.

Alla Fattoria del Colle il panforte viene preparato dalla pasticcera e servito appena fatto durante le feste di Natale e soprattutto il Cenone di Capodanno.

Ingredienti:
600 g di canditi di cedro e arancia 300 g di mandorle e 200 g di nocciole tostate, 200 g di miele di acacia, 150 g di

panforte Margherita1

panforte Margherita1

zucchero, 3 uova, 100 g di zucchero di vaniglia, 5 fichi secchi, 150 g di farina, 30 g di cannella, zenzero, noce moscata, pepe, carta da forno e ostie (comprare in farmacia)

Preparazione:

Mettere in un tegame con il doppio fondo il miele e lo zucchero e scioglierli a fuoco bassissimo rimestando continuamente. E’ il momento di aggiungere  cannella, noce moscata, zenzero e pepe nero. Dopo circa 15 minuti il composto è spumeggiante e ambrato. Mentre si raffredda un pochino, frantumare grossolanamente la frutta secca in un mortaio. Mescolare noci e mandorle con i canditi tagliati a cubetti, la farina e infine i fichi secchi tagliati a pezzi. Montare a neve l’ albume di tre uova e unitelo alla frutta mescolando fino a formare un impasto omogeneo. A questo punto il composto di miele e zucchero ormai piuttosto denso, dovrà essere aggiunto al composto mescolando con forza per dare omogeneità all’ impasto. E’ il momento di foderare con carta da forno la teglia rotonda ponendo delle ostie sul fondo dopo averle ammorbidite col burro o acqua.

Panforte-artigianale_con_VinSanto

Panforte-artigianale_con_VinSanto

Mettere l’impasto del panforte nella teglia richiede una certa energia perché è opportuno pressarlo bene. Per valutare la dimensione della teglia tenere presente che l’impasto deve essere alto circa 3 cm. Cuocere il panforte in forno per 30 minuti a 150°C.
Togliere lo stampo e la carta da forno solo dopo che il panforte si è raffreddato, a quel punto potrà essere cosparso di abbondante zucchero di vaniglia.

Consigli golosi di Donatella Cinelli Colombini

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account