Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Violante la pepatissima cinellicolombiniJr finisce gli anni

Violante 31 anni e una vita a grande velocità fra aeroporti, presentazioni di vino e amici. Ma c’è qualcosa che forse pochi sanno: perché si chiama così

Violante moda e vino

Violante moda e vino

Di Donatella Cinelli Colombini Brunello Casato Prime Donne

Violante porta il nome della più grande governatrice donna di Siena. Mentre ero incinta avevo letto una biografia di questa donna intelligente volitiva e sorprendente e mi era piaciuta l’idea di dare il suo nome a mia figlia. Per la verità io e mio marito Carlo rimanemmo indecisi fino all’ultimo, non avevamo voluto sapere il sesso del bambino che stava per nascere anche se speravamo in una femmina e questo ritardò ogni decisione. I nomi in ballo erano Elisa e Violante. Il cognome

Violante Beatrice di Bavaria Gran Principessa di Toscana

Violante Beatrice di Bavaria Gran Principessa di Toscana

di mio marito è Gardini e quindi la bambina si sarebbe chiamata Elisa Gardini, quasi a scimmiottare la presentatrice televisiva Elisabetta Gardini che a quell’epoca era molto conosciuta. La cosa ci sembrò decisamente di cattivo gusto e decidemmo per Violante.
Quando era piccola alla domanda <<come ti chiami>> rispondeva <<Tante>> poi gli amici cominciarono a chiamarla VIO, nomignolo che le è rimasto per sempre. Per anni ha rimproverato noi genitori di aver scelto un nome così raro e difficile. <<Quando chiedono come mi chiamo e rispondo “Violante”  mi dicono  “si ma di nome come ti chiami?” perché pensano che sia un cognome come Luciano Violante>>. Solo di recente, con la fama di personaggi come Violante Placido, lei ha cominciato ad apprezzare la circostanza di avere un nome storico, raro e dal suono bellissimo.

Violante Gardini prepara la Notte da spiaggia

Violante Gardini prepara la Notte da spiaggia

In effetti portare il nome di Violante Beatrice di Baviera, per una nata a Montalcino, in terra di Siena, è sicuramente di buon auspicio. Violante era una principessa tedesca ma anche nipote del re di Francia e dunque capace di creare ottime relazioni politiche per il Granducato di Toscana. Colta e sportiva, arrivò a Firenze a 14 anni per sposare Ferdinando dè Medici, un uomo più vecchio e soprattutto malato di sifilide. Dopo essere rimasta vedova fu mandata a reggere la città di Siena (1717-1731) dove ha lasciato una traccia indelebile e superiore a ogni altro governante. Fu Violante a stabilire il regolamento del Palio ( corteo storico, corsa con 10 cavalli che percorrono per 3 volte il giro della piazza), e i confini delle Contrade che sono ancora oggi in vigore. Il bando di Violante del 1729 è

Moneta celebrativa Beatrice di Baviera

Moneta celebrativa Beatrice di Baviera

costantemente citato a Siena come un caposaldo dell’attuale struttura cittadina.
Ultima chicca: nell’ospedale di Montalcino, dove Violante è nata il 22 agosto 1984, una lapide ricorda la visita di Violante Beatrice di Baviera e, speriamo in futuro ci sarà, anche un’altra che ricorda la nostra …. C’è tuttavia una grande differenza fra la Gran Principessa di Toscana e la nostra Violante: quella aveva un nasone orribile mentre Vio ha un delizioso nasino alla francese!

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account