Forum

Carvinea una stella dell’enologia in un’antica masseria

Ignazio Anglani ci mostra la splendida Masseria Carvinea dove ha iniziato a lavorare dividendo le sue giornate con il Consorzio Puglia Best Wine

Carvinea Masseria Pezza d'Arena

Carvinea Masseria Pezza d'Arena

Carvinea nasce dalla passione di Beppe di Maria per i grandi vini e le grandi sfide. Salentino di Francavilla Fontana a vent’anni va a Milano per tornare in Puglia nel 1978 e gestire concessionari Volkswagen e Audi, poi Lexus ed infine Porsche. Un uomo di successo con la passione delle auto che tuttavia sente un legame profondo con il suo passato e la sua terra. Nel 2000, Beppe, si imbatte, per puro caso, nella Masseria Pezza d’Arena nelle campagne di Carovigno a 3 km dal mare e nei pressi del Parco di Torre Guaceto. Costruita nel Cinquecento ed antica proprietà dei principi Dentice di Frasso, era in terribile abbandono.
Quella di riportare la masseria al suo antico splendore diventa per Beppe di Maria una sfida in grande. Il restauro procede nel rispetto delle strutture storiche, usando metodi e materiali tradizionali e …. alla fine l’antica nobiltà dei muri torna fuori con un’eleganza tutta nuova. Al nome storico aggiunge Carvinea che fa riferimento al nome medioevale di Carovigno, e vuole sottolineare la rinascita dalle radici più antiche e solide.
Il vino è una parte integrante di questa sfida che guarda in alto. Intorno ai muri in pietra ci sono i vigneti coltivati come giardini e all’interno della masseria nascono grandissimi vini sotto l’attenta direzione di uno dei maggiori enologi del mondo Riccardo Cotarella. L’azienda è associata al Movimento turismo del vino e presto sarà aperta al pubblico.Unica nota triste la morte di Ico, lo splendido cane da caccia di Beppe di Maria che correva felice in questo splendido luogo e purtroppo è

Rosato Carvinea e Beppe di Maria

Rosato Carvinea e Beppe di Maria

venuto a mancare negli ultimi giorni.
Carvinea è totalmente votata alla qualità. 9 ettari piantati nel 2002 producono solo 50 quintali d’uva per ettaro da cioè mediamente 1 bottiglia di vino per ogni pianta. La conduzione dei vigneti è biologica. Sono coltivati vitigni classici pugliesi come Negroamaro, Primitivo e Fiano insieme a viti che hanno ottenuto buoni risultati in Puglia come il Montepulciano e l’Aglianico e il francese Petit Verdot. Ad essi si aggiungerà presto un nuovo vitigno: l’Ottavianello, per ora è in fase di sperimentazione, con primi risultati molto incoraggianti.
Un lavoro lungo e attento che è stato ripagato subito da premi importanti: la medaglia d’oro al Concorso Nazionale dei Rosati del 2013, i Tre Bicchieri del Gambero Rosso per 4 anni di fila e i 5 Grappoli di Bibenda al Sierma WRT.
Sierma è un vino senza solfiti aggiunti. WRT sta per Wine Research Team è un progetto che raggruppa 26 aziende italiane coordinate da Riccardo Cotarella. Insieme a lui lavorano al progetto due docenti dell’Università della Tuscia – Riccardo Valentini e Fabio Mencarelli- ed il biologo Cesare Catelli. Su tutte le bottiglie che aderiscono alla sperimentazione è riportata la frase “La vite ed il vino accompagnano l’uomo nel suo cammino di Civiltà. La passione e la ricerca scientifica contribuiscono a superare limiti a volte impensabili”.

Vendemmia 2014 a Carvinea

Vendemmia 2014 a Carvinea

Carvinea produce 35.000 bottiglie divisi fra 11 vini: il bianco Lucerna, il rosato Merula Rosa, i rossi Lunachiena, Merula, Sorma, Frauma, Sierma, Negroamaro, Primitivo e l’elegante Metodo Classico Brut Rosè.
Alcuni hanno nomi tipicamente salentini: Sierma, letteralmente mio padre, viene dalle antiche tradizioni del dominus latino, cioè il sire della casa. Frauma e Sorma rispettivamente mio fratello e mia sorella nel dialetto locale. Merula significa il merlo.
Carvinea ha voglia di crescere per diventare una stella dell’enologia mondiale. Un progetto ambizioso e stimolate per me che ho iniziato a lavorarci da qualche giorno. La mia sarà un’attività estremamente varia: commerciale e marketing, pubbliche relazioni e progetti europei, social media e eventi, accoglienza turistica … un lavoro enorme e tanto entusiasmo!

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini 

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account