Forum

I migliori 5 Champagne assaggiati quest’anno

I rosé si accaparrano l’intero podio con Ruinart Dom Ruinart rosé 2002, Laurent Perrier Alexandra 2004 rosé e Louis Roederer Cristal Rosé 2004

dom-ruinart-rose

dom-ruinart-rose-vintag-

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

La lista dei migliori 100 Champagne viene dal “Fine Champagne magazine” una pubblicazione consacrata alle bollicine francesi di cui vengono esaltate la finezza e la longevità. Il vincitore è scelto dopo un assaggio bendato di oltre 1.000 campioni. Il giudizio è dunque esclusivamente organolettico e non tiene conto dell’età, del prezzo e del prestigio delle bottiglie. La classifica è iniziata nel 2010 e vede in lizza le più prestigiose maison con bottiglie che costano cifre davvero ragguardevoli insieme ad altre più commerciali.

Laurent-Perrier

Laurent-Perrier-Range-featured-580×220

Dall’analisi dei giudizi si riscontra una predilezione dei giudici per Champagne con almeno 10 anni di età. Nella pagina introduttiva, questi degustatori, insistono molto sul momento dell’assaggio rispetto all’evoluzione del vino perché molte bottiglie hanno bisogno di un lungo periodo di tempo per raggiungere la massima qualità. Questo potrebbe spiegare la forbice fra il loro giudizio e quello delle grandi riviste americane che, spesso, hanno degustato gli stessi vini molti anni fa.
Ecco i 5 migliori lasciando a voi la consultazione del the tasting book – 100 best Champagne per scoprire la lista completa di questi vini da favola

Louis Roederer Cristal Rosé

Louis Roederer Cristal Rosé

Primo classificato Ruinart Dom Ruinart rosè 2002 costa da 160 € a oltre 300 $ a seconda di dove viene comprato. E’ stato affinato in cantina per dieci anni prima della commercializzazione e promette altri dieci anni di durata, se conservato disteso a 8°C di temperatura. Viene da una grande vendemmia ed è fatto con 85% di Chardonnay e 15% di Pinot Noir. I rating dei grandi giornali di vino sono buoni ma non stratosferici: 93/100 dal Wine Advocate e 92/100 dal Wine Spectator.
Al secondo posto Laurent Perrier Cuvée Alexandra Brut 2004 rosé che ha un prezzo più uniforme: dai 220 € ai 300$ . Anche in questo caso si tratta di un vino di lunga vita che potrà essere bevuto con piacere fino al 2030. Ha una personalità molto singolare perché ha caratteri maschili di struttura e intensità insieme alla femminilità del suo colore e delle sensazioni sensoriali. Il Wine Spectator gli attribuisce 93/100 definendolo “Fresco e minerale”

Ruinart Dom Ruinart 2004

Ruinart Dom Ruinart 2004

Medaglia di bronzo a Louis Roederer Cristal Rosé 2004 costa intorno a 400€ ed è fatto con Pinot Noir 55% e Chardonnay 45%. La stessa etichetta con la vendemmia 2002 aveva vinto la classifica dello scorso anno.
Segue Ruinart Dom Ruinart 2004 a base di Chardonnay e con un prezzo davvero più abbordabile poco superiore ai 100€. Ha due bei punteggi su Wine Advocare e Wine Spectator rispettivamente con 96 e 95 centesimi
5° classificato Charles Heidsieck Vintage Rosé 1999 questo è decisamente il meno caro della cinquina con un cartellino di circa 50€ e un brutto voto di Robert Parker che lo ha assaggiato sette anni fa e gli ha dato 87/100.

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account