Forum

Le cantina star del turismo del vino

Sono le cantine e i produttori italiani più famosi del mondo i luoghi dove ogni wine lover vorrebbe entrare e proprio per questo sono anche le più inaccessibili

Sassicaia

Sassicaia

Di Donatella Cinelli Colombini esperta in turismo del vino

Continuiamo la nostra panoramica sulle cantine italiane aperte al pubblico e parliamo dei luoghi cult, quelli che producono i vini da mito destinati alle tavole dei miliardari, degli attori famosi, delle rock star e dei wine lover  più esigenti. Non mi riferisco però ai produttori come Bruno Giacosa oppure Quintarelli che ottengono altissime  quotazioni nelle aste dei vini di lusso ma sono noti soprattutto ai collezionisti e grandi esperti di vino.

Mi riferisco a vini come Sassicaia, Gaja, Biondi Santi, Ornellaia …  Quando

Gaja

Gaja

Madonna è stata intervistata nel programma tv “Che tempo che fa”, il giornalista Fabio Fazio le ha offerto una bottiglia di Sassicaia, lei l’ha presa in mano e l’ha riconosciuta immediatamente. Questo è un vino da mito

SASSICAIA

La Doc Bolgheri Sassicaia è l’unica denominazione italiana interamente compresa in una sola azienda, la Tenuta San Guido: 2.500 ettari di cui 75 a vigneto.

Cantina Sassicaia

Cantina Sassicaia

E’ insomma un piccolo mondo a se.

Si trova a 13 km dal mare, sulla costa fra Livorno e Grosseto.  L’arrivo è uno dei più spettacolari al mondo per il viale di 5 chilometri reso celebre da Giosuè Carducci  -I cipressi che a Bolgheri alti e schietti/ Van da San Guido in duplice filar/ Quasi in corsa giganti giovinetti/ Mi balzarono incontro e mi guardar-

Tutto è mito in questo posto di straordinaria bellezza: le stalle dei cavalli purosangue razza Dormello Olgiata la scuderia del famoso Ribot,  il castello di Bolgheri costruito nel XIII secolo dai Della Gherardesca, la famiglia del Conte Ugolino descritto da Dante mentre mangia i figli nella prigione in cui è condannato a morire di fame,  l’Oasi che nel 1959 fu la prima area privata protetta  in Italia ed è rifugio di moltissime specie di animali selvatici.  Persino il ristorante ha quel sottile fascino, fatto di eleganza e semplicità, che caratterizza i luoghi della grande aristocrazia toscana.

La nuova cantina del Sassicaia è progettata dall’architetto  Agnese Mazzei  vicino a

Sassicai architetto Agnese Mazzei

Sassicai architetto Agnese Mazzei

quella bruttina degli anni sessanta.  E’ una costruzione  in mattoni, bassa e quasi invisibile nella vegetazione. Colpisce il contrasto fra l’esterno molto tradizionale e l’interno con le scale in cristallo e acciaio.

Sassicaia è un mito in bottiglia.  I primi vigneti  di  Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc  furono piantati dal Marchese Mario Incisa della Rocchetta  nel 1944 e per anni dettero un vino usato esclusivamente per il consumo privato. La prima annata commercializzata fu la 1968 e da quel momento inizia una ascesa inarrestabile che negli ultimi mesi ha visto Sassicaia crescere nelle aste dei vini di

Sassicaia

Sassicaia

lusso mentre i First Growth francesi arrancavano.

Essere accettati per una visita alla cantina del Sassicaia è piuttosto difficile, ma non tutti escono soddisfatti e i giudizi su TripAdvisor sono bassi. Ricordo che anch’io ebbi la stessa reazione quando arrivai davanti a Pétrus  … ma ora capisco la grandezza di quella semplicità.

 

GAJA

E’ il produttore italiano più famoso nel mondo. Nel 2015 gli è stato assegnato il   “Lifetime Achievement Wine Star Award” da Wine Enthusiast.

Gaja

Gaja

Angelo Gaja, il re del Barbaresco, vuole essere l’ultimo produttore italiano ad avere un sito web. Anche questo  è un segno evidente della  forza del suo brand e del carattere esclusivo dei suoi vini.

Gaja è sempre stato contrario al turismo del vino benchè abbia delle cantine capolavoro. Cà Marcanda a Bolgheri (progettata da Giovanni Bo) e Santa Restituta a Montalcino (pieve del 650 D,C.), entrambe in Toscana, associano modernità e cultura, trasgressione e amore per la terra. Quella di Barbaresco, nella sua terra d’origine è la cantina principale, fondata dal suo bisnonno nel 1859. E’ la più legata al territorio e al passato ma la bottaia è un

Angelo-Gaja

Angelo-Gaja

capolavoro moderno con tetto a gradoni e sculture a presidiare la scala .

Una cantina  segreta, neanche  in Google ci sono molte fotografie.  Forse anche per questo tutti i wine lovers del mondo chiedono di visitarla. La pressione è fortissima e Angelo ha fatto una scelta generosa e coraggiosa. Mette un filtro potente alle visite e chiede un biglietto di ingresso costosissimo ma poi dona tutto in beneficenza.

 

 

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account