Forum

Papa Francesco: permesso, grazie, scusa

Le  Donne del vino all’udienza papale, un amore travolgente arriva da quest’uomo che parla al cuore e traduce il Vangelo nei gesti della vita quotidiana

Donne del vino all'udienza del Papa

Donne del vino all’udienza del Papa

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Papa Francesco parte dal brano dell’Apocalisse di San Giovanni che viene letto all’inizio dell’udienza << Gesù bussa alla nostra porta e ci chiede il permesso di entrare, non ci impone la sua presenza. Così anche in famiglia bisogna coltivare la buona educazione, non come un’osservanza formale che nasconde l’indifferenza, ma come la radice del volersi bene, del pensare ai bisogni degli altri>>. Il Papa legge la catechesi che ha preparato ma

Donne del vino all'udienza del Papa

Donne del vino all’udienza del Papa

spesso l’interrompe commentandola a braccio <<Ringraziare è importante. C’è chi lo scambia per un segno di debolezza, invece l’abitudine alla gratitudine significa dare valore a ciò che si riceve. Il cristiano che non ringrazia ha dimenticato la lingua di Dio>> Come è vero! La gratitudine fa vedere il lato buono del prossimo, così come il perdono <<Chiedere scusa rende degni del perdono e capaci di perdonare>>

Papa Francesco sul sagrato di San Pietro

Papa Francesco sul sagrato di San Pietro

ha detto il Papa. Dieci minuti di predica che sono arrivati dritti al cuore e sono stati poi tradotti in tutte le lingue. Alla fine Papa Francesco ci chiede di ripetere con lui le tre parole <<permesso, grazie, prego>> e un’altra raccomandazione <<mai finire la giornata senza fare la pace>>
Ci sentiamo più ricchi dopo averlo ascoltato e desiderose di conservare a lungo questi insegnamenti nei nostri cuori. Dopo l’udienza noi Donne del Vino siamo stremate, scottate e desiderose d’acqua. La

Donne del Vino dal Papa

Donne del Vino dal Papa

mattinata è stata davvero lunga. Punto di incontro alle 7,30 in piazza del Sant’Uffizio con batticuore iniziale per la difficoltà di arrivare in tempo a causa delle transenne che incanalano tutti i pellegrini nel labirinto introno a Piazza San Pietro. Io che non sono abituata a simili alzatacce e ho un pessimo senso dell’orientamento (sono dislessica) conto sulle Donne del vino toscane che sono con me e soprattutto su Marzia Morganti.

Donne del vino toscane dal Papa

Donne del vino toscane dal Papa

Quando finalmente superiamo il controllo di sicurezza scopriamo che l’udienza è all’aperto e che nessuna di noi è attrezzata per stare tre ore al sole. Niente acqua, ombrellini, cappelli … Anzi quasi tutte sono in “alta uniforme” tacchi, abiti da cerimonia, tailleur blù e c’è persino chi ha in borsa la veletta di pizzo per coprirsi la testa. Invece tutti intorno ci sono i gruppi delle parrocchie organizzati molto meglio: jeans, magliette, cappellini, bandiere e soprattutto acqua. Dopo due ore le Donne del vino hanno in testa di tutto: sacchetti di plastica, foulard legati a turbante, io tengo fermo con gli occhiali un fazzoletto

Bottiglia delle Donne del vino di Gerardo Sacco per il Papa

Bottigia delle Donne del vino di Gerardo Sacco per il Papa

di carta con la porcellina Peppa.
Dopo l’udienza il Papa si ferma a lungo con gli ospiti seduti sul sagrato. Fra loro c’è la Presidente Elena Martusciello che ha portato una bottiglia donata dall’orafo Gerardo Sacco. La giornata delle Donne del Vino in Vaticano continua con la visita ai Musei mentre per me si conclude. Porto a casa la benedizione di Papa Francesco e la ferma volontà di mettere in pratica le sue parole <<permesso, grazie, scusa>>

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account