Forum

L’università di Salerno dove nascono i futuri rural managers

Al Master in Wine business dell’Università di Salerno diretto dal bravissimo Giuseppe Festa per ritrovare il piacere di insegnare turismo del vino

Università-Salerno-Master-in-Wine-Business-2016

Università-Salerno-Master-in-Wine-Business-2016

Di Donatella Cinelli Colombini

L’Università di Salerno punta sempre più in alto, scalando la classifica degli atenei italiani ma anche allargando la propria offerta formativa e persino sfidando Napoli. Ed ecco che la storica facoltà di Agraria di Portici, la prima d’Italia, non è più l’unico corso di laurea in agraria della Campania perchè Salerno mette in campo un rivale. Inizio col botto: l’obiettivo era di 70 iscrizioni e ne sono arrivate oltre il doppio al punto da rimandare a casa un bel numero di aspiranti manager agricoli. Un successo oltre le previsioni che carica di entusiasmo il nuovo

Università-di-Salerno-Wine-Business-lezione-turismo-del-vino

Università-di-Salerno-Wine-Business-lezione-turismo-del-vino

corpo docente fermamente deciso a rispondere alle nuove esigenze del mondo rurale dove sono più importanti di prima il management e il marketing. Una strategia poco diffusa negli atenei italiani ancora troppo concentrati sulle produzioni agricole, ma che a Salerno ha già espresso il Master in Wine Business diretto dal Professor Giuseppe Festa. Un corso giunto, quest’anno, alla quinta edizione e capace di dare agli studenti gli strumenti per gestire le cantine in modo aggiornato. Teoria e pratica in parallelo, quello che tutti chiedono e pochissimi fanno nelle università italiane. Lezioni più tecniche insieme a testimonianze dal mondo produttivo e degustazioni in collaborazione con i Sommelier AIS, un accordo con Slow Food per gettare un

Giuseppe-Festa

Giuseppe-Festa

occhio sulle culture alimentari di altri Paesi …. Insomma un approccio formativo fuori dagli schemi classici con temi molto diversi nella stessa lezione e aule di eccellente livello: corsisti vivaci, attenti e prontissimi a verificare subito le informazioni su internet e commentarle con intelligenza. La mia lezione sul turismo del vino si unisce ad altre due sullo stesso soggetto arrivando a un numero di ore complessivo che non ha eguali negli altri master italiani. Una scelta che rimanda alle competenze del bravissimo Giuseppe Festa estensore del Rapporto annuale sull’enoturismo dell’Associazione Città del vino.
Come di consueto la mia lezione all’Università di Salerno si conclude a tavola.

Casa-de-nonno-13-Mercato-San-Severino

Casa-de-nonno-13-Mercato-San-Severino

Questa volta l’amico Giuseppe porta me e mio marito Carlo a Casa del nonno tredici nella frazione di Sant’Eustachio di Mercato San Severino. Si tratta di un’eccellenza della ristorazione campana; è ricavato in locali storici di grande suggestione come una cantina sotterranea con pozzi e gallerie che conducono a dispense colme di una salsa di pomodoro che fa letteralmente impazzire.
Questa è la Campania che tutti vogliamo: un’Università da 40.000 studenti che continua a crescere in qualità e quantità formativa, una ristorazione che trova nella tradizione la radice di una gastronomia capace di entusiasmare la clientela più esigente e insieme amici come Giuseppe Festa che uniscono creatività, talento e gioia di vivere. Alla fine sono talmente entusiasta che decido di mandare agli studenti una parte del libro sul marketing delle cantine aperte che sto per pubblicare. E’ una scelta coraggiosa ma sono certa che ne valga la pena!

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account