Forum

Trento DOC e Franciacorta i fratelli diversi

Un modo diverso di fare marketing che sembra premiare la Franciacorta mentre il Trento Doc appare meno brillante dietro la stella Ferrari

Matteo Lunelli e Robert De Niro

Matteo Lunelli e Robert De Niro

Di Donatella Cinelli Colombini, Montalcino, Brunello

Confesso di essere partita da una predilezione per il Franciacorta di essere poi diventata una fan del Trento DOC. Ne bevo spesso, soprattutto d’estate, alternandolo con lo Champagne che mio marito Carlo si procura da piccole ma ottime maison.
Per questo seguo con un certo interesse le azioni di marketing delle bollicine rimanendo sempre abbagliata dalle iniziative dei cugini d’Oltralpe che, per dimensione e effetto glamour, sono realmente al top. La commistione con moda, gioielli e cosmetici del gigante del lusso LVMH crea una tendenza e un locomotore inarrivabile. Mettiamoci il cuore in pace e guardiamo i due maggiori territori dello spumante in attesa che Alta Langa e Oltrepò Pavese affianchino al loro ottimo potenziale qualitativo una politica di immagine in grado di farle brillare.

Ca del Bosco Franciacorta

Ca del Bosco Franciacorta

Parto dal bellissimo articolo di Luciano Ferraro (quell’uomo è un mago del giornalismo) su DiVini blog del Corriere della Sera, dal titolo intrigante De Niro e il Perlé Zero, la scalata trentina. La scalata trentina indica la creazione di vigneti Ferrari ad alta quota e della produzione del Perlé Zero, non la scalata del Consorzio Trento DOC. L’articolo parla degli spumanti Ferrari alla cerimonia di consegna degli Emmi Awards a Los Angeles e della vittoria allo Champagne and Sparkling Wine World Championships. Due successi che sono il sogno di qualunque cantina, le porte del paradiso. Pare che Robert De Niro abbia detto a Matteo Lunelli «È lei mister Ferrari? La voglio conoscere, in un film ho recitato attorniato dal suo vino».Che colpo ragazzi, questo significa far fare un salto di immagine al brand ma a tutte le bollicine con la stessa denominazione. Ma il Trento DOC segue la scia? L’Istituto che coordina la denominazione elenca nel sito moltissimi eventi ma poche azioni realizzate direttamente e soprattutto poche “iniziative clamorose”.

Trento Doc

Trento Doc

Aprendo il sito di Franciacorta unione di passioni si viene letteralmente travolti dai video. Belli, talmente belli, da sembrare leggermente pubblicitari. Tuttavia l’effetto è convincete e coinvolgente, viene voglia di andare a Brescia e mettersi a tavola con un bicchiere di Franciacorta in mano. Anche il sito di Bellavista è molto ricco di video mentre quello di Ca del Bosco, l’altro super brand della Franciacorta, è meno emozionale e più informativo.
Nell’insieme i lombardi hanno un programma più audace e glamour appaiono più giovani. Soprattutto l’effetto è corale e con il festival che avviene ogni anno a settembre, coinvolge tutto il territorio con un mix di gastronomia d’eccellenza, musica, feste e ovviamente bollicine. Non si avverte quella distanza fra la star internazionale Ferrari e il resto del Trento DOC.

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account