Forum

Turismo del vino a Bolgheri con sorpresa

Arriva con l’Arcobaleno d’estate in Toscana e sulla Costa degli etruschi c’è la “Notte Blu”. Parte da qui l’avventura di vino di Ignazio e Violante a Bolgheri
Visto per voi da Ignazio Anglani

Ignazio Anglani e Violante Gardini Davanti a San Guido

Ignazio Anglani e Violante Gardini Davanti a San Guido

Il tour mio e di Violante Gardini (la Cinelli Colombini Jr.) comincia citando il Carducci “Davanti a San Guido” e “I cipressi che a Bólgheri alti e schietti Van da San Guido in duplice filar”

Il viale cantato dal poeta c’è ancora e silenziosamente ci affascina. A San Guido, in quelle che sembrano antiche stalle di cavalli (ma il famoso Ribot abitava qui?) ha sede la Strada del Vino Costa degli Etruschi dove c’era una piccola degustazione, o meglio potremmo dire 1 assaggio dei vini della Strada stessa. Esperienza agro-dolce: purtroppo per noi, ma anche per tutti i wine lovers, scopriamo che tenute più famose sono chiuse.

Non abbiamo quindi potuto visitare San Guido dei Marchesi Incisa della Rocchetta, che grazie alla passione per i vini francesi e all’amicizia di Elie de Rothschild ha iniziato ad impiantare vitigni internazionali a Bolgheri ed hanno creato il Sassicaia. Nato nel 1944, fu messo in commercio nel 1968 come vino da tavola ed è diventato ora DOC Bolgheri con la sottozona Sassicaia. Questo vino è stato il primo a battere i francesi con lo stesso uvaggio, è una bandiera della grande enologia italiana.

Era chiusa anche Ornellaia, bella, elegante e sempre pronta verso l’innovazione e la cultura. Un interesse testimoniato anche dalla serie limitata “Vendemmie d’Artista” che dal 2006 propone ai collezionisti bottiglie disegnate dai maggiori pittori e scultori internazionali. Non dimentichiamo che qui nasce uno dei maggiori capolavori vinicoli: Masseto che ha recentemente sbancato le aste dei vini di tutto il mondo.A Guado al Tasso, la tenuta bolgherese della famiglia Antinori, era aperta la “Bottega”, ma purtroppo non il resto della

Giovanni Chiappini e le sue figlie

Giovanni Chiappini e le sue figlie

azienda che oltre agli splendidi vini -Guado al Tasso ed il nuovo Matarocchio (un Cabernet Franc in purezza), ha un centro equestre seguito da Allegra Antinori.

A Bolgheri si potrebbe scrivere un trattato di vini, cavalli e grandi famiglie!

Visto che le aziende con i nomi più celebri erano chiuse, su consiglio della Strada del vino siamo da Giovanni Chiappini …. Ottimo consiglio!

Circa 23 ettari nel cuore della DOC Bolgheri. Chiappini ha il cancello d’ingresso accanto a Ornellaia (beato lui!) sulla strada bolgherese. Ha un agriturismo ed anche un viale d’ingresso con i classici cipressi in duplice filar. Siamo accolti dal signor Giovanni e da sua moglie come se fossimo degli amici e ci raccontano anche delle figlie. La loro nuova cantina è quasi pronta, per metà interrata e per metà panoramica. E’ bellissimo vedere negli occhi di un produttore la felicità di essere sul punto di realizzare il suo sogno.

Guado dè germogli 2009 Chiappini

Guado dè germogli 2009 Chiappini

Giovanni Chiappini viene da una famiglia di agricoltori ed ha deciso di dedicarsi solo al vino perché nella vigna e in cantina riesce meglio a dar valore al suo lavoro e puntare alla qualità, cosa che purtroppo risulta più difficile nella filiera ortofrutticola. Crede in un’agricoltura sana, senza l’utilizzo massiccio di prodotti di sintesi.

Abbiamo degustato due DOC Bolgheri: Ferruggini e Felciaino. Io preferivo il primo più semplice, tenuto prevalentemente in acciaio con un’alta percentuale di Sangiovese, oltre che Cabernet s. e Syrah. Invece Violante preferiva il secondo più complesso, maturato in barriques, composto per metà da Cabenet s. e poi Merlot ed un saldo di Sangiovese. Entrambi invece trovavamo eccellente il DOC Bolgheri Superiore Guado de’ Gemoli a base di Cabenet 80% e Merlot 20%, che

Bolgheri

Bolgheri

insieme alla grande complessità risultava fresco e sapido anche grazie ai venti marini tipici della zona. Non è un caso il 2009 di questo vino abbia avuto da Monica Larner, quando era a Wine Enthusiast, ben 100/100!

Non poteva mancare la visita a Bolgheri! Bellissimo … il castello con all’interno un borgo antico, è curato in ogni dettaglio, pieno di ristoranti, enoteche e negozi dove il celebre vino locale è re incontrastato.

Con questa visita ci siamo resi conto ancora una volta di quanto la qualità, la compattezza, la

giusta promozione e le informazioni facciano la differenza per la promozione di un territorio!

 

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account