Guido Amedeo Ghiara e il suo racconto alla Fattoria del Colle

Senese, classe 1991, Guido Amedeo Ghiara, pubblica racconti sulla Toscana che assomigliano a un diario ottocentesco. Questo è sulla Fattoria del Colle

Guido-Amedeo-Ghiara-Summer-in-Thuscany-alla-Fattoria-del-Colle

Guido-Amedeo-Ghiara-Summer-in-Thuscany-alla-Fattoria-del-Colle

Di Guido Amedeo Ghiara

I colori della Toscana, a Summer in Tuscany 
“Trequanda, fattoria del Colle Cinelli Colombini “

Il giorno successivo zio Brando decise di prendere con se Astrid ed andare alla Spa di Donatella Cinelli Colombini a Trequanda, nella Fattoria del Colle, dove era possibile fare massaggi all‘olio d oliva e il bagno nel il vino. Si sarebbero presi il week end libero, nipote e zio. Dopo tutto un pò di relax ci voleva. Il  grande amore di Brando sarebbe arrivato nel giro di poche settimane, la vita avrebbe potuto cambiare in un istante oppure rimanere tutto com’era, ma la vita è così. Certe cose le scopriamo solo vivendo e bisogna rischiare per ottenere ciò che vogliamo.

Fattoria-del-Colle-area-relax

Fattoria-del-Colle-area-relax

A zio Brando frullavano mille pensieri per la testa ma ora era il momento di rilassarsi e lasciarsi coccolare da un massaggio all’ olio extravergine di oliva sorseggiando un bicchiere di vino rosso “Cenerentola“ della cantina del posto, ed era anche di un’ottima annata.
Zio Brando ad un certo punto ruppe il silenzio rilassato in cui erano sprofondati e chiese: “Astrid a quale scuola vorresti iscriverti se rimanessi qui? “

Astrid rispose “Credo il liceo artistico… vorrei finire gli studi lì “.

Lo zio commentò  “Parla con tua mamma e tuo babbo, ci vuole un pò per l’ iscrizione … comunque ricordati che se loro non si dovessero trasferire qui puoi vivere tranquillamente alla villa con me e nonna Angela, tanto come hai visto, lo spazio c’è .. e poi mi piace questo fatto che ci supportiamo psicologicamente a vicenda“. Leggi tutto…

Comprare grandi vini con Bitcoin

La criptovaluta ha ora anche le sue enoteche dove con Bitcoin è possibile comprare un Domaine de la Romanée-Conti Romanée-Conti Grand Cru 

Bitcoin-vendita-vino-InBitcoin

Bitcoin-vendita-vino-InBitcoin

Donatella Cinelli Colombini, Toscana, Montalcino
La grande finanza tradizionale critica pesantemente i Bitcoin definendoli “veleno per topi” e gli Hacker attaccano le piattaforme usate per le transazioni, per questo la criptovaluta ha perso il 50% del suo valore dall’inizio dell’anno ma nonostante ciò il business legato alla moneta virtuale è immenso. Oggi un Bitcoin vale intorno a 7.000 Dollari ma a dicembre 2017 era arrivato a valerne 22.000.
Bisogna ricordare che il Bitcoin è un sistema di pagamento virtuale e altamente volatile, creato nel 2009 da un anonimo inventore, noto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Il sistema è estraneo al controllo delle banche centrali e persino del fisco visto che tutte le intermediazioni sono anonime.
Fa strano comprare il vino con Bitcoin ma ormai è possibile usarli per acquistare qualunque cosa: da un biglietto aereo a un soggiorno in beauty farm e a Zurigo, nella Svizzera delle banche dal 2016, è possibile pagare in bitcoin persino alcuni servizi pubblici, tra cui la sanità e i trasporti.
La cosa impressionante è il modo con cui i Bitcoin siano diventati la moneta di acquisto per i vini da investimento. Uno spassosissimo articolo di Don Kavanagh pubblicato su Wine Searcher, dà un intero elenco di vini esclusivi da acquistare con Bitcoin. Petrus, Lafite Rothschild, Château d’Yquem, Henri Jayer Cros Parantoux per arrivare a Bruno Giacosa. Nomi così celebri da lasciarmi il dubbio che si tratti di uno scherzo, di stampo anglosassone. Leggi tutto…

Con polimeri magnetici l’odore di peperone se ne va

Arriva dall’Australia la scoperta sui polimeri magnetici che riescono a eliminare la metossipirazina che causa lo sgradevole odore di peperone nel Cabernet 

David-Jeffery-scoperte-sull'odore-di-peperone-nel-Cabernet

David-Jeffery-scoperte-sull’odore-di-peperone-nel-Cabernet

Di Donatella Cinelli Colombini, Orcia Doc, Fattoria del Colle

Sparisce il volgarissimo odore di peperone e rimangono gli altri aromi più raffinati. Questa è la grande novità della scoperta di David Jeffery dell’Università di Adelaide. Il problema dell’odore erbaceo affligge gran parte dei Cabernet provenienti da zone troppo fredde oppure da vendemmie poco felici. Da tempo gli enologi cercano il modo di neutralizzarlo con macerazioni a e trattamenti termici pre fermentativi …… Ma nessun dei metodi conosciuti fin ora risolveva il problema in modo indolore, anzi presentava “effetti collaterali” indesiderati come, ad esempio, il sentore di cotto. Altri tentativi usando film di acido polilattico (PLA), bentonite, trucioli di rovere, trucioli di rovere deodorizzato e carbone attivo, si sono dimostrati deludenti.
L’odore di peperone, nasce da un componente dell’uva che i chimici chiamano 3-alchil-

Cabernet Sauvignon

Cabernet Sauvignon

2-metossipirazine (MP) e specificamente il 3-isobutil-2-metossipirazina (IBMP). Fa parte dei caratteri varietali di Cabernet Sauvignon e Sauvignon Blanc ed è rilevabile con estrema chiarezza quando supera la concentrazione di 15ng al litro.
Il livello di MP dipende dalla maturazione dell’uva cioè dalla sua esposizione alla luce solare e dalla temperatura nell’ultima fase prima della raccolta. Uve vendemmiate troppo presto oppure poco mature a causa della posizione dei vigneti sono ricche di metossipirazzine. Leggi tutto…

Addio al nubilato con vini, profumi e massaggi sexy

Un Brunello creato per il matrimonio,  imparare i segreti dei profumi da seduzione, farsi coccolare da massaggi sexy … ecco l’addio al nubilato in fattoria

Fattoria del Colle, sala massaggi e vinoterapia

Fattoria del Colle, sala massaggi e vinoterapia

Fattoria del Colle, quasi un borgo con 400 anni di storia, la villa, la cappella, i parchi, le piscine, i meravigliosi panorami …. E poi i grandi vini rossi delle due cantine, Brunello, Chianti superiore e DOC Orcia oltre ai piatti tipici dai sapori intensi: pici al sugo di nana, prosciutto di cinta senese, peposo, scottiglia …

Piccole gioie di una terra antica, la Toscana più autentica e intatta.

In questo contesto l’addio al nubilato prende un carattere intimo e quasi segreto. La sposa e le sue amiche (minimo 4 persone) vivranno un’esperienza diversa da ogni altra e decisamente divertente. Impareranno a preparare il panforte-panpepato, il dolce senese coperto di pepe nero che fino da epoca immemorabile veniva usato per risvegliare l’ardore amatorio.

addio-al-nubilato-Profumeria artistica-Gloria-del-Dottore

addio-al-nubilato-Profumeria artistica-Gloria-del-Dottore

33849132_1988260354526671_7791444676401168384_n

Ecco le nostre amiche alle prese con la creazione delle etichette per le bottiglie di Brunello degli sposi. Si tratta di vini importanti che hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti  internazionali e sono prodotti al Casato Prime Donne di Montalcino, la cantina della stessa proprietà della Fattoria del Colle. Con le etichette personalizzate i Brunello acquistano il valore di pezzi unici con cui la coppia potrà festeggiare gli anniversari importanti del futuro.

Poi c’è la zona benessere da usare in esclusiva per un percorso che liberi la mente e il corpo dalla tensione: sauna, bagno turco, docce emozionali, due Jacuzzi (una esterna e una interna) saletta per i massaggi di coppia e la vasca di ginepro per la vinoterapia. Espertissimi terapisti aiuteranno un’azione rigenerante favorita dall’ambiente romantico e curato in ogni dettaglio. Leggi tutto…

Il vino “fai da te” come esperienza esclusiva

BottleUP, Blend and bottled Wine studio, Crea il tuo vino e la mia degustazione Enologo per un giorno … le bottiglie diventano pezzi unici fatti su misura

Assaggi del Piccolo enologo

esperienza con il vino- Enologo per un giorno- Fattoria del Colle Toscana

Di Donatella Cinelli Colombini, agriturismo, Toscana, Fattoria del Colle

Fai il tuo vino e imbottiglialo, sarai felice. Dopo i vigneti sui grattacieli, le cantine di città, ora cresce la moda del vino “fai da te” e delle etichette uniche per eventi eccezionali.
Si chiama Bottle UP e propone etichette personalizzate realizzate una per una con colori e pennelli, da applicare su bottiglie di birrerie artigianali o piccole cantine familiari. Servono per matrimoni, ricorrenze aziendali, doni importanti ….
Poi ci sono le esperienze con il vino personalizzate come quella proposta da “Blend and bottled Wine studio” letteralmente mescola, cioè fai il taglio e imbottiglialo. Si

Bottle UP esperienze col vino bottiglie e etichette personalizzate

Bottle UP esperienza col vino bottiglie e etichette personalizzate

trova nella città più cool d’Europa: Barcellona, la città dei giovani, della festa perenne e persino piuttosto trasgressiva visto che è la capitale della Catalogna indipendentista. Queste proposte esprimono il bisogno di esperienze partecipate con il vino, la ricerca di oggetti esclusivi, cioè di cose uniche che un tempo erano riservate a super milionari. Un bisogno che si manifestava inizialmente solo con la partecipazione ai corsi da Sommelier e le visite in cantina, poi ha avuto un’evoluzione nei wine tour della vendemmia, nelle urban winery o nella coltivazione di viti sui tetti dei grattacieli. Nessuno spera di fare dei capolavori enologici in situazioni del genere ma, soprattutto le cantine cittadine, sono diventate delle vere destination dove i wine lover pagano, letteralmente pagano, per lavorare al tavolo di cernita delle uve oppure alla macchina di imbottigliamento. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account