Tag Archive

Tag Archives: Cenerentola

Arcobaleno d’Estate domenica 18 nell’Orcia DOC

Domenica 18 giugno brindisi Arcobaleno d’Estate alla Fattoria del Colle con merenda contadina, visite, panorami, racconti e grandi assaggi di vino Orcia

Arcobaleno d'Estate.2017-Fattoria-del-Colle-Doc-Orcia- Cenerentola-e-Leone-Rosso

Arcobaleno d’Estate.2017-Fattoria-del-Colle-Doc-Orcia- Cenerentola-e-Leone-Rosso

Domenica 18 giugno per la prima volta i due progetti: Arcobaleno d’Estate e Toscana Ovunque Bella si uniranno in tanti appuntamenti nella regione. Gli organizzatori hanno eletto evento clou della giornata quello di Trequanda alla Fattoria del Colle in virtù della bellezza della location ma soprattutto per il fatto che sono coinvolti ben 3 comuni (Trequanda, Pienza e Montalcino), ognuno dei quali racconterà la propria storia inedita.

Una domenica in campagna come ai vecchi tempi, alle 17 alla Fattoria del Colle sulle colline che guardano le Crete senesi e la Val ‘Orcia in occasione di Arcobaleno d’Estate 2017. Donatella Cinelli Colombini vi aspetta per mostrarvi la villa costruita dai suoi antenati nel 1592 – sala degli stemmi, cucina storica, camera del Granduca, Cappella di San Clemente- e poi scendere in cantina fino nell’eremo dove ora conserva il suo Brunello antiquario, nella bottaia del vino Orcia e nella vinsantaia. Al termine una merenda contadina con salame e cacio pecorino davanti al meraviglioso panorama. Leone rosso e Cenerentola Orcia Doc accompagneranno i racconti, come nelle veglie di un tempo.

Arcobaleno d'Estate 2017

Arcobaleno d’Estate 2017

Storie antiche come quella del Granduca Pietro Leopoldo che durante i suoi viaggi, per verificare la bonifica della Valdichiana, incontra la Contessina Isabella dai lunghi capelli e dallo sguardo languido. I due vivono una storia d’amore avventurosa con il sovrano che cade in un fosso e viene fortunosamente ripescato. La questione prende i caratteri dello scandalo quando viene raccontato in un opuscolo intitolato “La Pellegrina” che la polizia granducale sequestra e distrugge. Il problema della privacy del sovrano viene risolto alla Fattoria del Colle, un luogo segreto e romantico, dove avvengono i successivi incontri del granduca donnaiolo e della sua amante. In gran fretta l’edificio viene abbellito costruendo una camera per gli incontri galanti ma la storia d’amore finisce presto. Leggi tutto…

Un raffinatissimo concerto con brindisi sabato 20 a San Quirico

Sabato alle 18 a San Quirico d’Orcia, per ascoltare 8 brani musicali e poi brindare con Cenerentola Doc Orcia e altri vini della Fattoria del Colle

Concero-20-maggio-San-Quirico-Casa.dell'Abate-Naldi

Concero-20-maggio-San-Quirico-Casa.dell’Abate-Naldi

Vi aspettiamo il 20 maggio alle 18 nella Casa dell’Abate Naldi – via Dante Alighieri 24- San Quirico d’Orcia da Vittorio e Lorenza Cipolla che ci accoglieranno con il consueto calore.

Il programma della serata fa parte di Musica negli Horti e prevede un recital di ALTRIO con Katrina Emtage flauto, Alda Dalla Lucche saxofono, Alessandra Garosi pianoforte. Suoneranno 8 brani di musica classica moderna e contemporanea composti da donne di tutto il mondo.

Sanchimento-IGT-Toscana-2016

Sanchimento-IGT-Toscana-2016

IMG_2091Dopo il concerto ci sarà un brindisi di Rosa di Tetto e Sanchimento IGT Toscana 2016 oltre a Cenerentola DOC Orcia 2013.
Tre vini prodotti alla Fattoria del Colle di Donatella Cinelli Colombini in una cantina con un organico di sole donne per festeggiare tre musiciste donne che interpretano musiche scritte da donne.
Una serata tutta al femminile dunque! Una festa in onore della creatività, del talento e della cultura in rosa che si prospetta piacevole e intensa. Spero che la trascorreremo insieme
Programma
VIVIENNE OLIVE
Short Fantasy on “Lulay Lulla”
ELLEN SHWINDT
Trio per flauto saxofono e pianoforte
Adagio, Giocoso, Allegretto, Allegro Moderato Leggi tutto…


Grandi cantine siciliane vanno forte

  • Pubblicato in Forum

Le 28 grandi cantine siciliane valgono 356,5 milioni di Euro +4,42% in un anno. I migliori utili per Cusumano, Donnafugata e Barone Montalto

Le-grandi-cantine-siciliane-vanno-forte

Le-grandi-cantine-siciliane-vanno-forte

Di Donatella Cinelli Colombini, Orcia Doc, Cenerentola

E’ la prima indagine regionale sulla scia di quelle nazionali di Mediobanca e di Anna Di Martino. E’ pubblicata da Cronache di Gusto in un dettagliatissimo articolo che vale la pena di essere letto.
Lo studio mostra le performance economiche delle grandi cantine siciliane, cioè delle 28 imprese enologiche che sviluppano il grosso del business e soprattutto dell’export siciliano. Sono solo il 3,5% delle 800 aziende imbottigliatrici dell’isola ma hanno un business di 356,5 milioni di Euro e segnano un + 4,42% fra il 2014 e il

Marsala-Cantine- Florio-esterno-notte

Marsala-Cantine- Florio-esterno-notte

2015. Esse commercializzano il vino ottenuto dalla propria uva insieme a uva e vino di piccole imprese prive o quasi prive di rete commerciale. Quelle esaminate dal Professor Sebastiano Torcivia sono insomma i locomotori dell’economia enologica siciliana.
E che locomotori!
Ho conosciuto il Professor Torcivia qualche anno fa ricavandone un’ottima impressione e in effetti lo studio appare molto ben fatto e esauriente. Torcivia è il coordinatore del Master Universitario di Primo livello “Manager delle aziende del settore vitivinicolo” dell’Università degli Studi di Palermo. Leggi tutto…

Orcia 7° Doc toscana più citata nei giornali esteri

  • Pubblicato in Forum

Klaus Davi presenta la classifica delle denominazioni toscane più citate dalla stampa estera: sorpresa l’Orcia Doc è 7° evviva!

Donatella-Cinelli-Colombini-Anteprime-di-Toscana

Donatella-Cinelli-Colombini-Doc -Orcia-Anteprime-di-Toscana

Di Donatella Cinelli Colombini, Fattoria del Colle, Orcia Doc Cenerentola

Nessun vino ha un territorio più bello dell’Orcia e pochissimi hanno il privilegio di presentarsi al pubblico in palazzi straordinari come quello Chigi di San Quirico d’Orcia creato per Papa Alessandro VII che invece non ci venne mai. In questa cornice da sogno c’è la sede ONAV di Siena con una sala da degustazione perfettamente allestita dove, la Doc Orcia spera di veder nascere la sua wine class. Un progetto di valenza turistica che, il 12 febbraio, viene attivato nei confronti di 30 buyer esteri di 13 nazionalità. L’incoming di questi operatori è realizzato da PromoFirenze per conto della Regione Toscana all’interno di Buy Wine, che giunto alla settima edizione, è la più grande iniziativa di internazionalizzazione del vino in Toscana.

Orcia-Cenerentola-a-BuyWine-degustazione-Piccole-DOC

Orcia-Cenerentola-a-BuyWine-degustazione-Piccole-DOC-Toscane

<<Si tratta di una grande opportunità per le piccole cantine dell’Orcia che possono avvicinarsi ai mercati esteri e persino portare gli importatori in visita nella propria realtà produttiva >> spiegano dal Consorzio vino Orcia un’associazione che riunisce 40 delle 70 imprese della denominazione. L’Orcia è nata nel 2000 nella fascia di territorio che si stende fra l’area di produzione del Brunello e del Vino Nobile. Leggi tutto…


Vino italiano e potenti del mondo

  • Pubblicato in Forum

Donatld Trump si dice astemio ma produce vino e nella notte delle elezioni brinda con l’Amarone. Le bottiglie italiane sulle tavole presidenziali 

Vino-italiano-e-potenti-del-mondo-Briatore-Trump-Amarone

Vino-italiano-e-potenti-del-mondo-Briatore-Trump-Amarone

Di Donatella Cinelli Colombini, Orcia Doc, Cenerentola

Partiamo da un episodio recente; la mattina del 9 novembre scorso, quando la vittoria di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti è ormai sicura, il suo amico Flavio Briatore fa recapitare al suo grattacielo newyorkese – Trump Tower- tre magnum di Amarone con etichette personalizzate a tempo di record e un biglietto con la frase «Dear Donald, we did it >> cioè ce l’abbiamo fatta. La cosa è abbastanza strana perché Trump si proclama astemio anche se possiede, dal 2011, un’azienda vinicola a Charlottesville, in Virginia gestita dal figlio Eric Donald. In effetti, comprandola all’asta Trump disse alla precedente proprietaria

vino-italiano-e-potenti-del-mondo- Aneri

vino-italiano-e-potenti-del-mondo- Aneri

Patricia Kluge, <<Lei ha un grande fiuto per il vino, io no>>. L’affare nasceva infatti da un’intento speculativo piuttosto che dalla passione per il vino <<Questo posto ha un’ipoteca da 28 milioni di dollari e io l’ho comprato per 6,2 milioni. E’ un Trump-affare>> disse ma, come è sua abitudine, ha poi messo il suo nome sulle etichette. Quello di brandizzare tutto è un’altra delle sue manie: acqua, the e cioccolato … tutto con il nome Donald Trump. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account