Tag Archive

Tag Archives: consorzio del brunello

Montalcino festeggia le donne e i comunicatori che lo divulgano

Per il giornalismo e la fotografia vincono il Premio Casato Prime Donne  Gentili e Vizzari,  Scarci, Fadda e  Rabissi, la Prima Donna” 2013 a Linda Laura Sabbadini 

Premio Casato Prime Donne 2013

Premio Casato Prime Donne 2013

Montalcino 14 settembre 2013. E’ Linda Laura Sabbadini la Prima Donna 2013, colei che ha rivelato, con un’indagine ISTAT del 2006, l’enorme numero di donne colpite nel corpo e nell’anima in Italia: 6.700.000 oggetto di violenza fisica o sessuale, altri tre milioni che hanno subito violenze psicologiche. Una sofferenza sommersa fino a quel momento sottostimata perché spesso sconosciuta persino alle famiglie delle vittime mentre solo il 7% dei casi viene denunciato alle forze dell’ordine. Quasi solo i femminicidi, con il ritmo agghiacciante di uno ogni due giorni e mezzo, conducono i colpevoli in carcere.
Dati che sconcertano e trovano una prima risposta nel Decreto Legge approdato in Parlamento alla fine di agosto. Un mondo di violenze in stridente contrasto con la campagna del Brunellodove il vino è << sigillo d’amore, mai di odio e violenza, offerto a tutti dalle mani sapienti delle donne>> è scritto nella dedica della Sabbadini a Montalcino. Qui ha sede la cantina tutta femminile “Casato Prime Donne”, che promuove il Premio, e da qui le giurate Francesca Cinelli Colombini, Rosy Bindi, Anselma Dell’Olio, Anna Pesenti, Stefania Rossini, Anna Scafuri e Daniela Viglione riaccendono i riflettori sul dramma diffuso e antico delle donne abusate, stimolando gli interventi concreti e una maggiore presa di coscienza collettiva.

Fiammetta Fadda

Fiammetta Fadda

Il Premio Casato Prime Donne opera anche nella valorizzazione del territorio dove nascono i vini Brunello e Orcia dando riconoscimenti ai contributi più significativi nei settori del giornalismo e della fotografia. Fra i vincitori 2013 alcuni dei nomi più autorevoli in Italia.

Montalcino Casato Prime Donne Premiazione

Montalcino Casato Prime Donne Premiazione

Vince il Premio Casato Prime Donne per il giornalismo a firma femminile Fiammetta Fadda, con l’articolo intitolato “L’italiana che scala l’hit parade della vigna”, pubblicato su “Panorama” in cui parla di Gaia Gaja produttrice di Barbaresco e di Brunello e dodicesima nella lista delle donne del vino più importanti del mondo. Il pezzo esemplifica in modo vivace la sfida italiana alla vette dell’enologia mondiale.

Enzo Vizzari, Linda Laura Sabbadini, Fiammetta Fadda, Marzia Morganti

Enzo Vizzari, Linda Laura Sabbadini, Fiammetta Fadda, Marzia Morganti

Il premio del Consorzio del Brunello è andato a Emanuele Scarci per l’articolo, di taglio economico, “L’export spinge il vino italiano”, del “Il Sole 24 ore” che spiega come le spedizioni all’estero abbiano compensato gli effetti della crisi in Italia ed anche il Brunello abbia raddoppiato in soli 5 anni il suo business verso gli Stati Uniti. Un trend all’aumento dei valori e al calo dei volumi che sembra accomunare il mercato interno e l’export.
Ernesto Gentili e Enzo Vizzari, con l’articolo “Settebello” pubblicato nel settimanale “L’Espresso” hanno vinto nella sezione “Io e Montalcino” . Il pezzo tratteggia sette nuovi guru della tavola italiana. L’enotecario fiorentino con una bottiglieria inimitabile, il macellaio che fa impazzire i gourmet giapponesi, il produttore di vino con 25 generazioni alle spalle … il vignaiolo di Montalcino che è divenuto una leggenda. Quest’ultimo è Franco Biondi Santi recentemente scomparso.

Donatella Cinelli Colombini, Emanuele Scarci, Enzo Vizzari, Ernesto Gentili

Donatella Cinelli Colombini, Emanuele Scarci, Enzo Vizzari, Ernesto Gentili

La miglior fotografia dei territori dei vini Brunello e Orcia è stata scelta via web da persone di tutto il mondo. Una giuria più che rappresentativa dell’immenso numero di wine lovers che ammirano le straordinarie armonie di questa campagna. Il vincitore Andrea Rabissi ( www.montalcinonet.com del 15.06.2013) ha scelto di fotografare il paesaggio all’alba quando le colline sembrano apparire dalla nebbia come per magia.
L’immagine sarà esposta in permanenza nella “Sala Ilda Bartoloni” del Casato Prime Donne a Montalcino insieme alle foto dei vincitori delle precedenti edizioni.

Del Premio Casato Prime Donne rimane in modo permanente a Montalcino un altro elemento significativo, le dediche delle vincitrici fissate su blocchi di travertino, disposti lungo un sentiero meditativo che attraversa i vigneti di Brunello. Accanto a ciascuna di esse c’è l’istallazione di un artista toscano. La frase di Linda Laura Sabbadini è accompagnata dall’opera “Punti di vista” di Carlotta, Giuditta e Annibale Parisi.

Una targa è stata consegnata a MontalcinoNews per l’opera giornaliera di comunicazione del territorio a un anno di distanza dal premio ricevuto lo scorso anno.

Prologo al Decameronero

Prologo al Decameronero , LaLut Siena

Durante la cerimonia di premiazione e la successiva cena alla Fattoria del Colle di Trequanda, 3 novelle di Giovanni Boccaccio, magistralmente drammatizzate da laLut, collettivo di ricerca e produzione teatrale, mostrano come settecento anni fa la violenza sulle donne avesse esattamente gli stessi caratteri.

Le Prime Donne
2000 Francesca Sanvitale – scrittrice
2001 Paola Capriolo – scrittrice
2002 Marta Morazzoni – scrittrice
2003 Carla Fracci – etoile della danza
2004 Kerry Kennedy – attivista dei diritti umani
2005 Congregazione delle missionarie del S. Cuore di Gesù
2006 Volontarie del Telefono Rosa
2007 Frances Mayes – scrittrice
2008 Josefa Idem – atleta
2009 Ilaria Capua – virologa
2010 Samantha Cristoforetti – astronauta
2011 Carla Fendi – stilista di moda e mecenate della cultura
2012 Maria Carmela Lanzetta – Sindaco di Monasterace (RC)

Saluto lasciando la vicepresidenza del Brunello

Un saluto e un ringraziamento nel lasciare il mio impegno di vicepresidente del  Brunello  ricordando le tante belle iniziative fatte insieme

San Pietroburgo, ecco la squadra del Brunello

San Pietroburgo, ecco la squadra del Brunello

Nel concludere 3 anni di lavoro desidero ringraziare i produttori di Montalcino per aver condiviso con me tanti bellissimi eventi in Italia e nel mondo, per avermi sostenuto in iniziative nuove e abbastanza azzardate come il web 2.0 che poi si sono rivelate carte vincenti.

Un lavoro collettivo che ha potenziato le prospettive commerciali dei vini del nostro territorio, aumentato e rinfrescato l’immagine del Brunello. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Oggi il Brunello è la più forte e invidiata denominazione italiana. Tre anni fa non era così.

Il mio saluto vuol essere un abbraccio a tutti i produttori del Brunello, soprattutto ai giovani. Tanti, bravi, determinati, entusiasti con cui abbiamo fatto migliaia di chilometri insieme portando alto il nome del Brunello nel mondo.

Grazie a tutti, siete nel mio cuore
Donatella Cinelli Colombini


La disfida del puro Sangiovese va in scena a Montalcino

Nessuno prima del Brunello aveva tentato di certificare la tipologia e la zona d’ origine dell’uva usata per il vino ma a Montalcino ci sono riusciti

Tracciabilità del Sangiovese

Tracciabilità del Sangiovese

Un convegno, il 24 maggio dalle 9,30, nel teatro di Montalcino, metterà fine a una polemica durata 4 anni fra chi sostiene che il DNA è il sistema migliore per accertare se il Brunello è fatto con 100% Sangiovese e chi invece, come il  Consorzio del Brunello, ha puntato sugli antociani per avere la stessa certificazione.

Nel rispetto di tutta la ricerca scientifica, al convegno verranno presentati entrambi gli studi. La Dottoressa Vignani, maggiore sostenitrice dell’indagine fatta con il DNA, confronterà il suo metodo con quello dell’equipe della fondazione Edmund Mach – Istituto di San Michele all’Adige guidata dal Professor Fulvio Mattivi che ha sviluppato il profilo antocianico del Brunello per conto del Consorzio.

Un confronto leale sul piano scientifico che speriamo metterà fine a un lungo scontro dove non sono mancate le accuse. In qualche blog serpeggiava il sospetto che il Consorzio non volesse un sistema capace di rivelare l’uva usata per il Brunello. Invece la dirigenza del Brunello questo sistema lo ha cercato con decisione e lo ha trovato. Leggi tutto…

Donatella Cinelli Colombini nuovo presidente della Doc Orcia

La Doc Orcia è forse la denominazione più bella del mondo e anche una delle più giovani e delle più piccole, ma ha grandi speranze

Doc Orcia vendemmia

Donatella Cinelli Colombini vendemmia 2012

Donatella Cinelli Colombini è stata chiamata a ricoprire la presidenza quasi a “furor di popolo” dai produttori che vedono in lei la persona che può dare una svolta alla denominazione. <<La stima dei miei colleghi mi tocca profondamente. Ce la metterò tutta per vincere una sfida davvero difficile>> Per capire la situazione basta dire che per i 10 posti in Consiglio di amministrazione non c’erano 10 candidati, insomma il consorzio ha pochi mezzi economici e molte speranze.
<< I vini sono davvero buoni e manifestano tutto l’impegno e la passione dei produttori che nella stragrande maggioranza delle aziende fanno tutto direttamente: dalla vigna alla vendita delle bottiglie>> Insomma in un mondo globalizzato nella Doc Orcia il vino è ancora un prodotto familiare anche se ci sono ottimi agronomi e enologi come consulenti.
Solo 220.000 bottiglie all’anno in  un territorio pieno di città d’arte, di centri termali e con uno dei paesaggi agricoli più belli del mondo che l’Unesco, nel 2004, ha riconosciuto patrimonio dell’Umanità.

Leggi tutto…


Brunello nel cuore, le cantine e i produttori di Montalcino

  • Pubblicato in Forum

Una passione grande, un amore travolgente quello dei vignaioli di Montalcino per il Brunello che si racconta in un libro con immagini e brevi narrazioni Il titolo è “Brunello nel cuore, le cantine e i produttori di Montalcino”.

Copertina del libro dei produttori di Brunello

I produttori di brunello ed il loro libro

Oltre duecento aziende presentate con foto e una brevissima descrizione a cui fanno da introduzione la storia del vino, del territorio e la presentazione del Presidente Fabrizio Bindocci. Quasi un biglietto di invito nelle cantine, nelle case e persino nelle famiglie dei produttori di Brunello. Ciascuno si mostra infatti nella sua realtà quasi dicendo, ai wine lovers di tutto il mondo, <>.

Un affresco in grande di una realtà multiforme dove convivono piccoli e anche piccolissimi vignaioli, di lunga tradizione montalcinese, con ultramiliardari esteri. Fianco a fianco ci sono, produzioni quasi artigianali, dove tutto è curato personalmente dalla famiglia e grandi cantine con nuovi brevetti di tecnologia enologica e grandi impianti produttivi. Ville storiche, castelli e semplici poderi con dentro personaggi famosi e sconosciuti vignaioli che però vivono insieme, con uguale passione, la stessa terra e lo stesso vino, anzi la stessa ambizione di produrre “il vino” migliore del mondo. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account