Posts Tagged ‘fattoria del colle’

Shabby chic il finto povero che va di moda

Written by Donatella on . Posted in Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Storia, caratteri e tendenze dello shabby chic compreso qualche consiglio per lo shopping e per il banchetto di nozze

Toscanalovers coltelli

Coltelli da bistecca Toscana lovers

Il suo guru è l’interior design americana Rachel Ashwell che ha fatto del trasandato elegante una filosofia di vita. L’inizio ha forti contenuti etici: riciclare, restaurare, accettare la patina del vissuto come elemento capace di rivelare l’anima delle cose, perché l’uso intrappola dentro gli oggetti un’umanità e la storia di chi li ha usati. Racconti che le cose nuove non hanno. Da qui la passione per il vintage, i mercatini e il nuovo stile di abbigliamento e soprattutto di arredamento basato sugli abbinamenti azzardati fra cose eleganti diverse fra loro. Ecco le sedie spaiate intorno alla tavola, in cui si apparecchia con porcellane d’epoca e posate d’argento scompagnate giocando in modo creativo sui contrasti.

Parole usate per cercare questa pagina...

  • abbigliamento shabby chic
  • moda shabby chic
  • agriturismo shabby chic toscana
  • agriturismo shabby
  • matrimonio shabby chic toscana

Storia di un Traminer emigrato in Toscana e del suo passito

Written by Donatella on . Posted in Vigne e vini, Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Mi presento sono Carlo Gardini marito (o forse martire) di Donatella Cinelli Colombini e vi racconterò della vigna di Traminer della fattoria del Colle

Traminer grappoli per il passito

Traminer per passito Carlo Gardini

Si potrebbe pensare ad una sperimentazione o ad una voglia di diversità a ogni costo ma la realtà è molto più prosaica e meno fantasiosa.
Tutto inizia circa 35 anni fa quando, per seguire una tendenza al consumo di vini a più bassa gradazione alcolica, un gruppo di importanti aziende toscane decise di utilizzare le uve bianche del territorio chiantigiano per produrre “Galestro”, un vino bianco semplice e molto beverino destinato ad accompagnare i piatti soprattutto di pesce e calmare la sete estiva
Passano gli anni e a mio suocero ed al suo enologo, di origine veneta, questa tipologia di “bevanda” non piace e non convince………ed allora come utilizzare le uve di trebbiano ancora presenti alla Fattoria del Colle di Trequanda? Dopo una attenta riflessione e qualche discussione, l’enologo propone di piantare del Traminer per realizzare un bianco che sommasse al corpo del Trebbiano, già presente in azienda, il profumo del Traminer appena arrivato.
Ecco quindi le prime bottiglie di “Sanchimento”, il nuovo bianco che prende il nome dalla giovane vigna di Traminer piantata proprio dietro la chiesetta della fattoria dedicata a San Clemente (storpiato in “vernacolo” locale proprio in San Chimento).
Con il passare degli anni, le vecchie viti di Trebbiano producono sempre meno e, lentamente, diminuiscono di numero fino a scomparire…..ed il Sanchimento diviene un bianco toscano prodotto unicamente da uve Traminer.

Biscotti salati all’anice dell’Amiata

Written by Donatella on . Posted in Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Sono antichi e sembrano moderni, sono toscani e sembrano pugliesi. I deliziosi biscotti salati all’anice dell’Amiata sono nati per accompagnare il vino

Di Donatella Cinelli Colombini

I vini di Donatella Cinelli Colombini coi biscotti salati dell'Amiata

Ricetta dei biscotti salati dell'Amiata con i Doc Orcia e Chianti

Questa ricetta mi arriva da Cecilia Sacchi la piccola ma vulcanica responsabile della logistica alla Fattoria del Colle. Cecilia proviene dal Monte Amiata e conosce perfettamente le tradizioni della sua terra dove ogni famiglia conserva le ricette come piccoli tesori. Questi biscotti salati servivano per accompagnare il vino, soprattutto rosso, durante il lavoro dei campi. Oggi sono il più piacevole e tradizionale abbinamento agli assaggi fuori pasto. Gli “apericena” che, volendo rimanere nella tradizione toscana più stretta, comprendono prosciutto di cinta senese, cacio pecorino stagionato sotto foglie di noce, crostini neri e di tartufo bianco, bruschette con olio extravergine … con Rosso di Montalcino, Doc Orcia oppure Chianti Superiore.
Ingredienti
1 kg di farina, un cubetto di lievito di birra, un bicchiere (plastica) di acqua, 250 g di olio extravergine di oliva, 250 g di vino bianco, 120 gr di anice, sale

Preparazione

Ricetta toscana del Monte Amiata - biscotti salati

dal Monte Amiata la ricetta dei biscotti salati, gli ingredienti

Sciogliere il lievito in acqua tiepida, unirlo all’olio, al vino e agli anici, salare e impastare nella farina fino a ottenere un amalgama omogeneo come quello del pane.
Dividere l’impasto in pezzi e stenderlo in modo da formare dei grossi spaghetti da disporre come degli 8. Scottarli nell’acqua bollente lasciandoli a bagno finché non vengono a galla. Asciugarli con un canovaccio e disporli su una teglia preparata con la carta da forno. Cuocerli in forno per 20 minuti a 180°C.
vanno serviti freddi e si mantengono fragranti anche per diversi giorni

Parole usate per cercare questa pagina...

  • biscotti all\anice salati
  • biscotto salato toscana
  • BISCOTTI SALATI ALL ANICE
  • biscotti allanice toscani
  • biscotti salati dell amiata
  • biscotti del monte amiata
  • biscottini toscani allanice e vino rosso
  • biscottini toscani anice
  • biscottini toscani
  • biscotto dell\amiata

Una vacanza in Toscana fra i limoni

Written by Donatella on . Posted in Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

Era l’antica limonaia della  del FattoriaColle e si apre su un giardino all’italiana con siepi di bosso e limoni in vaso per un’esperienza dell’antica Toscana

agriturismo Toscana Fattoria del Colle limonaia

agriturismo Toscana Fattoria del Colle limonaia

I limoni in vaso furono una delle più geniali invenzioni dei Granduchi di Toscana. La moda di utilizzare gli enormi vasi di terracotta fatti a Impruneta, vicino a Firenze e a Petroio a 10 km dalla fattoria del Colle, per coltivare i limoni dette un’impronta distintiva ai giardini delle ville toscane e permise di combattere lo scorbuto, la terribile mancanza di vitamina C che era un autentico flagello.

Gli inverni toscani sono troppo freddi per consentire ai limoni di sopravvivere all’ esterno ma i vasi di terracotta, che qui vengono chiamati conche, consentono di trasportarli nelle limonaie dove trascorrono i mesi freddi.

Bonella Ciacci e la musica di Cantine aperte

Written by Donatella on . Posted in Vigne e vini, Vivi e rivivi l'esperienza in Fattoria

L’esperta eno-musicale Bonalla Ciacci spiega perché ha scelto Paolo Conte per il Brunello del Casato Prime Donne e Vinicio Capossela per il Traminer- Sanchimento

Cantine Aperte 2013 Bonella Ciacci sulle botti

Cantine Aperte 2013 Bonella Ciacci esperta eno-musicale

Eccoci al Casato Prime Donne di Montalcino domenica 26 maggio in occasione di Cantine aperte, la festa del turismo del vino per la quale Donatella Cinelli Colombini mi ha chiesto di organizzare un’esperienza di musica e assaggi, paesaggi e emozioni.
Le visite partono all’inizio di ogni ora dalle 10 alle 17 e prevedono l’assaggio di 8 vini.
La prima sosta e partenza del tour è dedicata al Chianti e la Doc Orcia della Fattoria del Colle, l’altra azienda di Donatella. Qui c’è la musica leggera italiana con gli interpreti contemporanei più legati a quel territorio Baustelle, Gianna Nannini e Jovanotti.
Gianna Nannini è talmente famosa che non ha bisogno di grandi presentazioni. Una delle maggiori esponenti della musica leggera e rock italiana, è la più grande rappresentante di Siena nel panorama musicale italiano. Ha una formazione musicale classica, pianoforte e composizione, ma la sua anima è rock.

Parole usate per cercare questa pagina...

  • enologo alessandro lorenzetti