Tag Archive

Tag Archives: Linda Laura Sabbadini

Gender gap: che vergogna essere dopo il Burundi

  • Pubblicato in Forum

Nella classifica mondiale della differenza fra uomini e donne dell’World Economic Forum l’Italia è 82° superata da Mongolia, Uganda, Bolivia e Perù

Asta-vini-rari-delle-Donne-del-Vino

Gap gender Donne-del-Vino, l’impegno solidale verso chi è più debole

Di Donatella Cinelli Colombini, Donne del Vino

Si chiama Global Gender Gap ed è la differenza fra uomini e donne che in Italia è davvero forte, più forte di quanto venga percepita. Secondo il World Economic Forum l’umanità impiegherà 100 anni per superare le disparità di stile di vita fra i sessi e 217 a dare le stesse possibilità economiche a maschi e femmine.
Se questa è la media all’Italia serviranno tre secoli.
Fra 144 Paesi del mondo l’Italia è all’82° posto dopo Burundi, Bolivia, Mozambico, Kazakhstan, Mongolia, Uruguay, Uganda, Perù …
Leggo queste brutte notizie in un articolo di Linda Laura Sabbadini l’esperta di

Enzo Vizzari, Linda Laura Sabbadini, Fiammetta Fadda, Marzia Morganti

Enzo Vizzari, Linda Laura Sabbadini, Fiammetta Fadda, Marzia Morganti Premio Casato Prime Donne

statistica che per prima rivelò la dimensione delle molestie sessuali in Italia (6.700.000 casi) con un’indagine ISTAT del 2006 che scioccò l’intera nazione abituata a valutare il problema sulla base delle denunce a Carabinieri e Polizia. Esse sono invece sono il 7% del totale.
Linda è stata oggetto di una sorta di epurazione all’interno dell’ISTAT ed ha ancora una voce pubblica, in difesa delle donne, solo grazie allo spazio datole dai giornali. L’ho conosciuta nel 2013 quando le fu conferito il premio Casato Prime Donne e posso dire che è un tecnico competente e corretto. Per questo le notizie sul divario di genere di cui ha scritto su La Stampa mi preoccupano e dovrebbero preoccupare anche voi. Leggi tutto…

Italia dei raccomandati che punisce i talenti

  • Pubblicato in Forum

Il caso di Linda Laura Sabbadini come simbolo di un Paese dove la carriera è fatta sulla fedeltà ai potenti e non sul merito

Linda-Laura-Sabbadini-e-l'Italia.spreca-talenti

Linda-Laura-Sabbadini-e-l’Italia.spreca-talenti

Di Donatella Cinelli Colombini

Robert Engle l’economista e statistico premio Nobel 2003 mi disse << ci sono troppi raccomandati, un Paese che non premia il talento non ce la può fare>> e purtroppo la sua dura diagnosi sull’Italia, detta sorseggiando un caffè in Piazza del Campo a Siena , nel 2009, si è rivelata esatta.
Le conferme sono nella difficoltà ad uscire dalla crisi ma soprattutto nella fuga dei cervelli.
Mauro Castelli ha 31 anni vive a Lisbona dove si è trasferito dopo il dottorato di ricerca sull’ dell’intelligenza artificiale all’Universitá di Milano Bicocca. <<Tornerebbe in Italia ?>> gli hanno chiesto da “Il Giornale” e lui ha risposto di no << A differenza dell’Italia, qui in Portogallo, se hai del talento prima o poi emergi e il tuo valore viene

mauro-castelli-cervelli.in.fuga-dall'Italia-dei-raccomandati

mauro-castelli-cervelli.in.fuga-dall’Italia-dei-raccomandati

riconosciuto>>.
E’ questo il guaio, ha ragione Engle, l’Italia spreca il suo capitale umano. Una situazione visibile da Sud a Nord nelle università come nella politica. E infatti l’Human capital Index 2016 presentato al World economic forum ci mette al 34° posto mentre in testa ci sono Finlandia, Norvegia, Svizzera, Giappone, Svezia, Nuova Zelanda, Olanda, Canada … Paesi dove non ci sono poveri perché tutto funziona.
Tra le nazioni industrializzate siamo penultimi. Una situazione sconfortante che penalizza soprattutto i giovani ma non solo loro. Leggi tutto…


Montalcino festeggia le donne e i comunicatori che lo divulgano

Per il giornalismo e la fotografia vincono il Premio Casato Prime Donne  Gentili e Vizzari,  Scarci, Fadda e  Rabissi, la Prima Donna” 2013 a Linda Laura Sabbadini 

Premio Casato Prime Donne 2013

Premio Casato Prime Donne 2013

Montalcino 14 settembre 2013. E’ Linda Laura Sabbadini la Prima Donna 2013, colei che ha rivelato, con un’indagine ISTAT del 2006, l’enorme numero di donne colpite nel corpo e nell’anima in Italia: 6.700.000 oggetto di violenza fisica o sessuale, altri tre milioni che hanno subito violenze psicologiche. Una sofferenza sommersa fino a quel momento sottostimata perché spesso sconosciuta persino alle famiglie delle vittime mentre solo il 7% dei casi viene denunciato alle forze dell’ordine. Quasi solo i femminicidi, con il ritmo agghiacciante di uno ogni due giorni e mezzo, conducono i colpevoli in carcere.
Dati che sconcertano e trovano una prima risposta nel Decreto Legge approdato in Parlamento alla fine di agosto. Un mondo di violenze in stridente contrasto con la campagna del Brunellodove il vino è << sigillo d’amore, mai di odio e violenza, offerto a tutti dalle mani sapienti delle donne>> è scritto nella dedica della Sabbadini a Montalcino. Qui ha sede la cantina tutta femminile “Casato Prime Donne”, che promuove il Premio, e da qui le giurate Francesca Cinelli Colombini, Rosy Bindi, Anselma Dell’Olio, Anna Pesenti, Stefania Rossini, Anna Scafuri e Daniela Viglione riaccendono i riflettori sul dramma diffuso e antico delle donne abusate, stimolando gli interventi concreti e una maggiore presa di coscienza collettiva.

Fiammetta Fadda

Fiammetta Fadda

Il Premio Casato Prime Donne opera anche nella valorizzazione del territorio dove nascono i vini Brunello e Orcia dando riconoscimenti ai contributi più significativi nei settori del giornalismo e della fotografia. Fra i vincitori 2013 alcuni dei nomi più autorevoli in Italia.

Montalcino Casato Prime Donne Premiazione

Montalcino Casato Prime Donne Premiazione

Vince il Premio Casato Prime Donne per il giornalismo a firma femminile Fiammetta Fadda, con l’articolo intitolato “L’italiana che scala l’hit parade della vigna”, pubblicato su “Panorama” in cui parla di Gaia Gaja produttrice di Barbaresco e di Brunello e dodicesima nella lista delle donne del vino più importanti del mondo. Il pezzo esemplifica in modo vivace la sfida italiana alla vette dell’enologia mondiale.

Enzo Vizzari, Linda Laura Sabbadini, Fiammetta Fadda, Marzia Morganti

Enzo Vizzari, Linda Laura Sabbadini, Fiammetta Fadda, Marzia Morganti

Il premio del Consorzio del Brunello è andato a Emanuele Scarci per l’articolo, di taglio economico, “L’export spinge il vino italiano”, del “Il Sole 24 ore” che spiega come le spedizioni all’estero abbiano compensato gli effetti della crisi in Italia ed anche il Brunello abbia raddoppiato in soli 5 anni il suo business verso gli Stati Uniti. Un trend all’aumento dei valori e al calo dei volumi che sembra accomunare il mercato interno e l’export.
Ernesto Gentili e Enzo Vizzari, con l’articolo “Settebello” pubblicato nel settimanale “L’Espresso” hanno vinto nella sezione “Io e Montalcino” . Il pezzo tratteggia sette nuovi guru della tavola italiana. L’enotecario fiorentino con una bottiglieria inimitabile, il macellaio che fa impazzire i gourmet giapponesi, il produttore di vino con 25 generazioni alle spalle … il vignaiolo di Montalcino che è divenuto una leggenda. Quest’ultimo è Franco Biondi Santi recentemente scomparso.

Donatella Cinelli Colombini, Emanuele Scarci, Enzo Vizzari, Ernesto Gentili

Donatella Cinelli Colombini, Emanuele Scarci, Enzo Vizzari, Ernesto Gentili

La miglior fotografia dei territori dei vini Brunello e Orcia è stata scelta via web da persone di tutto il mondo. Una giuria più che rappresentativa dell’immenso numero di wine lovers che ammirano le straordinarie armonie di questa campagna. Il vincitore Andrea Rabissi ( www.montalcinonet.com del 15.06.2013) ha scelto di fotografare il paesaggio all’alba quando le colline sembrano apparire dalla nebbia come per magia.
L’immagine sarà esposta in permanenza nella “Sala Ilda Bartoloni” del Casato Prime Donne a Montalcino insieme alle foto dei vincitori delle precedenti edizioni.

Del Premio Casato Prime Donne rimane in modo permanente a Montalcino un altro elemento significativo, le dediche delle vincitrici fissate su blocchi di travertino, disposti lungo un sentiero meditativo che attraversa i vigneti di Brunello. Accanto a ciascuna di esse c’è l’istallazione di un artista toscano. La frase di Linda Laura Sabbadini è accompagnata dall’opera “Punti di vista” di Carlotta, Giuditta e Annibale Parisi.

Una targa è stata consegnata a MontalcinoNews per l’opera giornaliera di comunicazione del territorio a un anno di distanza dal premio ricevuto lo scorso anno.

Prologo al Decameronero

Prologo al Decameronero , LaLut Siena

Durante la cerimonia di premiazione e la successiva cena alla Fattoria del Colle di Trequanda, 3 novelle di Giovanni Boccaccio, magistralmente drammatizzate da laLut, collettivo di ricerca e produzione teatrale, mostrano come settecento anni fa la violenza sulle donne avesse esattamente gli stessi caratteri.

Le Prime Donne
2000 Francesca Sanvitale – scrittrice
2001 Paola Capriolo – scrittrice
2002 Marta Morazzoni – scrittrice
2003 Carla Fracci – etoile della danza
2004 Kerry Kennedy – attivista dei diritti umani
2005 Congregazione delle missionarie del S. Cuore di Gesù
2006 Volontarie del Telefono Rosa
2007 Frances Mayes – scrittrice
2008 Josefa Idem – atleta
2009 Ilaria Capua – virologa
2010 Samantha Cristoforetti – astronauta
2011 Carla Fendi – stilista di moda e mecenate della cultura
2012 Maria Carmela Lanzetta – Sindaco di Monasterace (RC)

Il vino sigillo d’amore e mai di odio e violenza

La dedica di Linda Laura Sabbadini,vincitrice del Premio Casato Prime Donne 2013. Rimarrà  nei vigneti di Brunello  della cantina al femminile di Donatella 

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini

Linda Laura Sabbadini, Prima Donna 2013, è stata scelta come simbolo del contrasto alla violenza che uccide, umilia, degrada 10 milioni di donne in Italia. Il 93% in più rispetto ai casi denunciati, una moltitudine sofferente su cui il Premio Casato Prime Donne 2013 ha cercato di riaccendere i riflettori, chiedendo norme di prevenzione più efficaci e una campagna di sensibilizzazione che sostenga le vittime e le spinga a denunciare la violenza.

Ecco il testo dettato dalla Direttrice ISTAT che, nel 2006, provocò uno choc nel nostro Paese diffondendo i numeri delle donne abusate.

 

 

 

 

————————————————————————————————————————————————
Montalcino è un luogo di elevata civiltà italiana, culla di una tradizione millenaria di convivenza armoniosa, di quell’intesa fra l’opera dell’uomo e la natura di cui le donne sono depositarie e maestre, e il vino un simbolo pacifico e festoso. Che il vino sia dunque sigillo d’amore, mai di odio e violenza, offerto a tutti dalle mani sapienti delle donne, come l’augurio perfetto che risuona nei versi della poetessa Mariangela Gualtieri:

Sii dolce con me.
Maneggiami con cura.
Abbi la cautela dei cristalli
con me e anche con te.
Quello che siamo
è prezioso più dell’opera blindata nei sotterranei
e affettivo e fragile. La vita ha bisogno
di un corpo per essere e tu sii dolce
con ogni corpo…

da “Bestia di gioia”
Leggi tutto…


Tutti i vincitori del Premio Casato Prime Donne 2013

Accanto a Linda Laura Sabbadini -Prima Donna 2013- premiati Ernesto Gentili e Enzo Vizzari, Emanuele Scarci, Fiammetta Fadda e Andrea Rabissi

 

Enzo Vizzari

Enzo Vizzari

Montalcino. Dal Premio Casato Prime Donne arriva una richiesta di azioni concrete in favore delle donne ferite fisicamente e psicologicamente. Questo il senso della scelta di Linda Laura Sabbadini come Prima Donna 2013, Direttore del dipartimento di statistiche sociali e ambientali dell’Istat, diresse l’indagine ISTAT che, nel 2006, rivelò le dimensioni enormi del fenomeno fino a quel momento molto sottostimato: 6.700.000 donne oggetto di violenza fisica o sessuale, 10 milioni se si considerano anche le violenze psicologiche, un milione di donne con un passato di stupri o tentati stupri.

Ernesto Gentili

Ernesto Gentili

A fianco di Linda Laura Sabbadini, vengono premiati i contributi più significativi nella divulgazione del territorio di Montalcino, la mitica

Fiammetta Fadda

Fiammetta Fadda

terra del Brunello, dove ha sede la cantina Casato Prime Donne che promuove il Premio e, caso unico in Italia, ha un organico interamente femminile, quasi un gineceo in un mondo del vino dominato dagli uomini.
Vince il Premio Casato Prime Donne per il giornalismo a firma femminile Fiammetta Fadda con l’articolo intitolato L’italiana che scala l’hit parade della vigna, pubblicato su “Panorama” e dedicato alla sfida italiana alle vette dell’enologia mondiale.
Il premio del Consorzio del Brunello è andato a Emanuele Scarci per un articolo di taglio economico L’export spinge il vino italiano, del “Il Sole 24 ore” in cui si evidenzia come il vino italiano abbia retto alla crisi grazie ai mercati esteri e il Brunello abbia raddoppiato in soli 5 anni il suo export verso gli Stati Uniti. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account