Tag Archive

Tag Archives: Marzia Morganti Tempestini

Ricciarelli e la storia affascinante dei dolci senesi

La ricetta dei ricciarelli e la storia del panforte con Duccio Balestracci, Marzia Morganti Tempestini e i Lions di Montalcino alla Fattoria del Colle

Ricciarelli-Lions-Club-Montalcino-La-Fortezza

Ricciarelli-Lions-Club-Montalcino-La-Fortezza

Di Donatella Cinelli Colombini

Comincio col presentarvi i due relatori: il professore di storia all’Università di Siena Duccio Balestracci e la gastronoma Marzia Morganti Tempestini docente all’Università di Parma. Poi ci sono gli amici del Lions Club Montalcino La Fortezza e il loro presidente Michele De Zio tutti insieme alla Fattoria del Colle per scoprire la magia dei dolci senesi, imparare a prepararli e farne una scorpacciata.
LA STORIA DEI DOLCI
Di Marzia Morganti Tempestini
Gli Egizi, Greci e Romani usavano i dolcetti più per donarli alle divinità che per mangiarli. D’altra parte forse non erano così buoni. Gli impasti di uova, farina di grano o avena, latte, miele e vino, farciti con mandorle, datteri, fichi, mele cotogne, noci e formaggi molli, cominciano ad assomigliare ai nostri dolci nel medioevo grazie agli arabi che aggiungono le spezie.

Ricciarelli-Fattoria-del-Colle-Toscana-

Ricciarelli-Fattoria-del-Colle-Toscana-

Nascono in Sicilia cassata e sorbetto, mentre il gelato viene ideato a Firenze dall’architetto Bernardo Buontalenti per stupire gli invitati ai banchetti dei Medici.
Tuttavia anticamente i dolci erano proprio pochi e solo nei conventi -soprattutto carmelitani- venivano preparati con regolarità come provano certi nomi: supplicazioni o pazienze ad esempio. Lo zucchero era merce rarissima fino al Settecento e al suo posto veniva utilizzato il miele.
Molto in uso nel Trecento il marzapane che ancora oggi caratterizza i savoiardi a riprova della buona pasticceria della corte dei Savoia. Nei banchetti reali del Quattrocento troviamo abbondanza di frutta candita, anch’essa di origine araba.
Nel Seicento la pasticceria diventa più popolare e diffusa al punto che vengono stampati i primi manuali. Leggi tutto…

La panzanella indignata

  • Pubblicato in Forum

Tradizione o innovazione? Quanto più una ricetta è semplice tanto più viene cambiata. Ecco che la più facile, la panzanella toscana, diventa un “caso” esemplare

Panzanella

Panzanella

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

C’è uno spassosissimo e super tradizionalista, articolo sulla panzanella di Francesca Romana Mezzadri nel blog “Dissapore” che vi invito a leggere. Da qui parte la riflessione sulla conservazione o la rivisitazione della cultura gastronomica locale.  Insomma del marketing turistico travestito da lezione di cucina.
Secondo me, le ricette tradizionalifanno parte dell’identità dei luoghi come il modo di dire, lo stile di vita, le feste popolari … perderle significa perdere un pezzo di memoria e di “modo di essere”. Qualcosa che la fretta del vivere e soprattutto il successo turistico rodono come tarli. Conservarle, tipo mummie nel museo, mi sembra sbagliato ma anche “rivisitarle” solo per soddisfare la creatività dello chef oppure le richieste dei clienti stranieri è altrettanto sbagliato.

panzanella di cus cus

panzanella di cus cus

Le ricette si evolvono con la civiltà umana, dopo la scoperta dell’America furono pian piano introdotti il pomodoro e la patata così come nel Novecento il brodo ha sostituito l’acqua in alcun zuppe povere. Niente di strano dunque che ci siano dei cambiamenti come espressione collettiva della comunità dove nasce una certa ricetta. Leggi tutto…


Chef che passione! Scuole di cucina in città e in fattoria

Sarà l’effetto Master Chef, ma le scuole di cucina si moltiplicano: 2 nuove a Firenze e nuovi corsi della Fattoria del Colle

scuola di cucina Lorenzo de' Medici 3

scuola di cucina Lorenzo de' Medici 3

Di Marzia Morganti Tempestini
In questi ultimi giorni a Firenze hanno visto la luce due nuove scuole di cucina. MaMa Florence, con un team di chef tutto al femminile, voluta da Officine Gullo e da Fillippo Bartolotta e Vanessa Held. Ha aperto le porte anche la scuola Cucina Lorenzo de’ Medici di Carla e Fabrizio Guarducci all’interno del Mercato di San Lorenzo recentemente restaurato. Allestimenti super professionali, programmi con non solo corsi di cucina ma anche sul vino e con artigiani del gusto e viaggio tra i sapori del mercato.
E’ lontana la fine degli anni Ottanta quando a Firenze aprì la Scuola Cordon Bleu fondata in Italia da Enrica Jarret e i primi anni Novanta quando sulla rivista A tavola, ogni mese veniva presentata una scuola di cucina e non era facile trovarne una in ogni città italiana. Leggi tutto…

Olio extravergine fra scandali, curiosità e celebrità

  • Pubblicato in Forum

C’era anche lui, il famigerato Tom Mueller, autore del libro Extraverginità. Il sublime e scandaloso mondo dell’olio d’oliva, alla cena di beneficenza di Eataly

Taste presentazione della cena dei super esperti

Taste presentazione della cena dei super esperti

Visto per voi da Marzia Morganti Tempestini

Una cena che è avvenuta a Firenze organizzata da Oscar Farinetti con il Frantoio Santa Tea per raccogliere fondi per l’ospedale Meyer.

Un personaggio dagli occhi chiari e sereni, i capelli brizzolati e l’accento italo americano. Alla battuta se aveva orchestrato l’uscita del New York Times per fare pubblicità al suo libro che proprio in quei giorni veniva presentato alla Camera dei deputati, ha risposto sorridendo e raccontando come il giorno della presentazione si sia trovato  in una situazione, suo malgrado incresciosa. ‘quando ho visto le vignette volevo morire!! Mai aveva ricevuto tante telefonate di protesta da  produttori sorpresi dall’articolo infangante il nostro olio extravergine.

Carpa con olio extravergine di Oscar Farinetti

Carpa con olio extravergine di Oscar Farinetti

Certo che fino a pochi anni fa, nonostante l’Italia sia il secondo produttore al mondo con circa 480 tonnellate nell’ultima annata, nonostante un calo dell’8%  si parlava di olio solo in autunno durante il periodo della raccolta e frangitura delle olive. Oggi grazie alle molte iniziative per valorizzare l’oro verde italiano se ne parla e si organizzano eventi anche in altri periodi dell’anno e soprattutto in luoghi che un tempo non erano terre da olivi. A Trieste dove è stato organizzato Olio capitale da Camera di Commercio, Confcommercio e Città dell’Olio, ha raccontato Boris Pangerc, insegnante di scuole media, poeta e olivicoltore, Sindaco per dieci anni del Comune di San Dorligo della Valle, quando decisero di aderire con il comune all’Associazione Città dell’Olio piantando 1500 piante di olive, lui e i suoi amici furono presi per visionari e ancora di più quando alcuni anni fa misero in piedi la prima edizione di Olio capitale. Nella settima edizione appena tenutasi gli espositori sono stati trecento e i visitatori provenienti anche dalla vicina Croazia sono stati più di diecimila. Leggi tutto…


TASTE Firenze come Torino ha il suo grande evento sul cibo

  • Pubblicato in Forum

La nostra “inviata nel mondo del cibo” Marzia Morganti Tempestini ci porta a Taste a scoprire il cibo come cultura, fantasia e come stile di vita

Taste cibo e arte ispirata al cibo

Taste cibo e arte ispirata al cibo

Visto per voi
Taste è stato un grande successo, una giostra della gastronomia di qualità che ha numeri davvero incredibili! Gli organizzatori hanno dichiarato 15 mila presenze, il 10% in più della scorsa edizione. E’ stato un piacere vedere una folla di gente incuriosita dalla ‘bontà italiana’. E’ la dimostrazione di come i tempi sono maturi perché tutti, produttori e istituzioni si impegnino nel comunicare la qualità che contraddistingue il nostro Made in Italy del cibo. Basta con articoli che parlano solo di contraffazioni e di italian sounding, basta trasmissioni televisive come Presadiretta andata in onda il 10 marzo su Rai Tre in cui si mette in evidenza esempi negativi, sarebbe importante che la tv di stato facesse informazione e creasse cultura nel consumatore insegnando a leggere le etichette, a riconoscere i prodotti autentici e desse visibilità al sistema dei Consorzi che difendono le Dop e le Igp e ai mille e mille produttori seri che conta il nostro Paese. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account