Tag Archive

Tag Archives: Petroio

Peposo, la ricetta di un piatto che racconta un territorio

E’ fra i piatti di carne più saporiti e facili della Toscana ma anche fra quelli con la storia più bella. Ecco la ricetta dei “cocciari” di Petroio

Consigli golosi di Donatella Cinelli Colombini

Peposo_ricetta_tipica_Toscana_FattoriaDelColle

Peposo_ricetta_tipica_Toscana_FattoriaDelColle

Petroio (Siena), delizioso borgo a 10 km dalla Fattoria del Colle, è conosciuto per la produzione di terrecotte fin dal Rinascimento. Vasi, orci, cassette decorate con festoni, volute, amorini … oggetti artistici ma anche materiali da costruzione come tegole e pavimenti . Come la più celebre Impruneta vicino a Firenze.

Due territori che sfruttano banchi di argilla di grande qualità per creare oggetti di terracotta rossa a Impruneta e ambrata a Petroio. Due territori che hanno in comune la ricetta del peposo, il saporitissimo spezzatino che veniva cotto nei forni delle terrecotte e dava ai maestri “cocciari” la forza per il loro faticosissimo lavoro. Pare che l’invenzione del peposo sia legata alla costruzione della cupola del Duomo di Firenze e all’enorme sforzo produttivo imposto dall’architetto Filippo Brunelleschi alle fornaci di Impruneta. Storia o leggenda il peposo è ormai per sempre legato alla più bella cupola mai realizzata al mondo e ai mattoni rossi con cui è costruita.
Inutile dire che il vino rosso è alla base della preparazione e del servizio in tavola del peposo. Quello che vi consiglio è il Cenerentola DOC Orcia prodotto alla Fattoria del Colle con uve autoctone –Sangiovese e Foglia Tonda-. Leggi tutto…

Museo di Trequanda ceramiche dal IX secolo all’età romana

  • Pubblicato in Forum

Trequanda è una delle città toscane della ceramica e ha ora un nuovo museo archeologico con opere d’arte e oggetti d’uso in ceramica di oltre duemila anni fa

Vasi greci e coppe con scene mitologiche a figure rosse, contenitori per oli aromatici e cosmetici, versatori da vino … Il nuovo

Trequanda-Collezione Pallavicini-Marilena Caielli guarda i vasi pugliesi

Trequanda-Collezione Pallavicini-Marilena Caielli guarda i vasi pugliesi

Museo di Trequanda – il paese dove si trova la Fattoria del Colle – contiene reperti  ceramici capaci di insegnare molto sull’arte e lo stile di vita dei nostri antenati anche grazie ai pannelli didattici in italiano e inglese che intercalano le vetrine.

E’ la collazione Giancarlo Pallavicini acquisita alcuni anni fa dal Comune di Trequanda grazie al contributo della Fondazione MPS e ora esposta in due sale scavate nel perimetro esterno delle mura del castello Cacciaconti.

Trequanda- Museo- Sindaco Trequanda machetti Preidente Mancini Fondazione MPS,

Trequanda- Museo- Sindaco Trequanda machetti Preidente Mancini Fondazione MPS,

Come ogni raccolta privata anche questa contiene opere di provenienza diversa, soprattutto dal Sud d’Italia e segue i filoni che maggiormente interessavano al collezionista. In questo caso abbondano gli oggetti d’uso artisticamente decorati e collegabili all’olio e al vino. Oli aromatizzati  per cospargere il corpo dei defunti, oli misti a essenze per la cosmesi o l’igiene personale. Le terrecotte da olio sono un soggetto caro a Treqaunada perché si ricollegano alle produzioni di orci e ziri per olio della frazione di Petroio.

Tale attività ha origini antiche ma crebbe soprattutto dopo il Settecento in concomitanza con la diffusione della coltivazione dell’olivo. Oggi continua in una decina di piccole industrie artigiane ed ha un museo a lei dedicato proprio a Petroio.    Leggi tutto…


Gérard Depardieu a Trequanda per ” Olio novo”

  • Pubblicato in Forum

[gplusone]

Trequanda,  il paese in cui si trova la fattoria del Colle, è uno dei territori più vocati all’olivo: suolo, altitudine, clima sembrano fatti apposta per produrre olio di eccellenza e infatti l’extravergine di questa zona ottiene premi a raffica

Depardieu

Depardieu

Particolare non irrilevante, qui non arriva la mosca olearia e quindi le olive non si ammalano e dunque non vengono trattate con pesticidi. Questo le rende le coltivazioni biologiche senza in pratica, nessuno sforzo. E’ la natura che fa tutto da sola. 

Il 22-23 ottobre, come ogni anno, il Comune di Trequanda organizza la festa dell’olio ma

Castello Cacciaconti

Castello Cacciaconti

quest’anno lo fa in grande. E’ una tappa di “Girolio” in Toscana che celebra i 150 anni dall’Unità d’Italia. Il programma prevede un convegno a Castelmuzio,  due trekking nel

paesaggio dell’olivo, una mostra e stand gastronomici a Trequanda, degustazioni infine uno spettacolo di canti popolari nel teatro di Petroio. Una festa paesana e semplice e dal sapore antico ma con un’ospite di fama mondiale:  Gérard Depardieu.
Chiesa dei Santi Pietro e Andrea

Chiesa dei Santi Pietro e Andrea

Un motivo in più per cogliere le prime olive a grande velocità e farle frangere in modo da offrire in assaggio il primo olio extravergine d’oliva del 2011.
La festa continuerà il 29 e 30 ottobre per le vie di Montisi, il bellissimo borgo a 5 km dalla Fattoria del Colle. Qui le strade saranno trasformate in una “fiera” dell’olio nuovo con possibilità di shopping, degustazioni e visita a un frantoio tradizionale. 

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account