Tag Archive

Tag Archives: Premio Casato Prime Donne

Carla Fendi, una grande donna ci ha lasciato

  • Pubblicato in Forum

Protagonista del successo mondiale della moda italiana, mecenate della cultura con il Festival dei Due Mondi e grande esempio di umanità. Ricordo Carla Fendi

Di Donatella Cinelli Colombini

Carla-Fendi-e-Donatella-Cinelli-Colombini-Premio-Casato-Prime-Donne

Carla-Fendi-e-Donatella-Cinelli-Colombini-Premio-Casato-Prime-Donne

Ci sono persone che in poche ore trasformano quelli che incontrano. Carla Fendi lo ha fatto con me. L’ho conosciuta nel settembre 2011 a Montalcino quando le fu conferito il Premio Casato Prime Donne per essere stata, insieme alle sue sorelle, fra i protagonisti del successo della moda italiana nel mondo e successivamente per l’impegno economico e personale nel Festival dei Due Mondi di Spoleto e nel restauro dello storico teatro Caio Melisso.
Colpiva la sua semplicità e umanità. Il giorno dopo la cerimonia andammo insieme a pranzo da Pino Brusone, anche lui con un passato importante nel fashion anche se in un brand concorrente. In quell’atmosfera campagnola Carla era allegra e rilassata. Mi parlò della famiglia del marito Candido, originario di Piancastagnaio, che l’aveva affiancata per tutta la vita nella maison Fendi ma precedentemente era farmacista nella sua terra natale non nascondendo persino un po’ d’invidia <<uno è farmacista e ha una vita ricca, piena di

Carla Fendi Premio Casato Prime Donne

Carla Fendi Premio Casato Prime Donne

soddisfazioni perché è a contatto con la gente del suo paese e aiuta chi è malato>>.
Dopo la morte di Candido il mio epistolario con Carla è cresciuto proprio per onorare la memoria di lui. Io aderivo alle sue azioni di charity e la incoraggiavo nei restauri delle chiese di Piancastagnaio. Lei mi rispondeva << Le tue belle e sentite parole e la tua generosità così profonda mi hanno veramente commossa>>. Da anni mi invitava al Festival dei Due Mondi il cui spettacolare cartellone di concerti, convegni, mostre e balletti non ha eguali in Italia per qualità e quantità. Solo un mecenate della sua statura morale poteva coinvolgere personalità della cultura internazionale e intrecciare artisti completamente diversi in progetti comuni. Leggi tutto…

Franceschelli super sindaco di Montalcino

  • Pubblicato in Forum

Votate, votate, votate il sindaco del Brunello e del tartufo bianco Silvio Franceschelli. Ha visione, coraggio, capacità di dialogo ed è persino simpatico

Sindaco-di-Montalcino-Silvio-Franceschelli-fusione-con-San-Giovanni-d'Asso

Sindaco-di-Montalcino-Silvio-Franceschelli-fusione-con-San-Giovanni-d’Asso

Di Donatella Cinelli Colombini

Nel 2012 Silvio Franceschelli diventò sindaco di Montalcino con il voto favorevole dell’80,03% degli elettori. Fare meglio è impossibile, solo in Bulgaria, ci riuscivano sotto la dittatura. E’ comunque certa la rielezione plebiscitaria. Nel primo mandato Franceschelli è stato un ottimo sindaco e lo sarà ancora  per i prossimi 10 anni. Si perché sotto la sua guida Montalcino si è fuso con San Giovanni d’Asso, capitale del tartufo bianco delle Crete Senesi, diventando il 37° comune più grande d’Italia. Ora amministra i 5.946 abitanti dei due vecchi comuni per cui il sindaco che verrà eletto il prossimo giugno sarà al primo mandato anche se è “ripetente” come Silvio Franceschelli.

Premio-Casato-Prime-Donne-sindaco-di-Montalcino-Franceschelli

Premio-Casato-Prime-Donne-sindaco-di-Montalcino-Franceschelli

Silvio è un avvocato “mastino” di quelli che studiano a fondo il processo, dicono la verità al cliente, ma poi si battono fino in fondo. E’ un ghiottone e adora la cucina tipica purché eseguita a regola d’arte. Il suo pranzo di commiato, nel dicembre scorso, è stato un trionfo di polenta girata nel paiolo, scottiglia di cinghiale, arrosti alla brace cotti all’aperto … insomma sapori che hanno emozionato tutti perché rimandavano all’infanzia. Eppure chi invita Silvio al ristorante, non avrà alcun problema con il menù, << va bene anche a me>> dice lui, e mangia esattamente quello che ordina il suo ospite. Leggi tutto…


2016 di Donatella: tanti successi e una frattura

2016 anno spettacolare iniziato con l’elezione a Presidente delle Donne del vino e concluso con la pubblicazione del Marketing delle cantine aperte

2016-Donne-del-vino-Presidente-Donatella-Cinelli-Colombini

2016-Donne-del-vino-Presidente-Donatella-Cinelli-Colombini

Di Donatella Cinelli Colombini

Ci sono stati tanti momenti importanti in questo bellissimo 2016: il primo è del 14 di gennaio quando sono diventata presidente delle Donne del vino. Un lungo percorso che ha segnato gli ultimi vent’anni della mia vita passando dalla creazione del Casato Prime Donne, la prima cantina italiana con un organico interamente femminile. L’esperienza di presidente delle Donne del Vino è bellissima. Durante questo primo anno di attività sono state fatte cose importanti: la creazione di un blog che ha dato visibilità a eventi e persone creando un affresco corale con le 700 socie protagoniste in quasi 100 articoli. Due iniziative di charity

Montalcino-tinaia-Casato-Prime-Donne

Montalcino-tinaia-Casato-Prime-Donne

che hanno donato 23.500€ ai grandi ustionati poveri del mondo (attraverso un’asta di bottiglie rare delle Donne del vino nella Cantina di Pia Berlucchi) e ai pastori del formaggio amatriciano che rimangono accanto alle greggi mentre la terra trema. Un bellissimo Vinitaly con la degustazione dei vini del 1967 delle Donne del vino e la festa finale,. Un convegno a Wine2wine che ha colpito la principale stampa italiana. Soprattutto la sperimentazione della Festa delle Donne del Vino che diventerà l’evento diffuso al femminile più grande d’Italia, da ripetere ogni anno, per dialogare con le wine lovers. Leggi tutto…

Food blogger in Italia è un hobby o un lavoro?

  • Pubblicato in Forum

280 food blogger in Italia: è un’attività che può creare impresa oppure è solo un costo per chi la svolge senza compromessi? Scopriamolo insieme

Food-blogger-italiani-Sonia-Peronaci

Food-blogger-italiani-Sonia-Peronaci

Di Donatella Cinelli Colombini, Montalcino, Casato Prime Donne

Il caso di Giallo zafferano è emblematico. Nato nel 2006 da Sonia Peronacci e il suo compagno, entrambi commercialisti che nel tempo libero scrivevano e fotografavano le ricette per poi diffonderle on line. E’ diventato un’impresa con 30 dipendenti e 2 milioni di contatti al giorno, investitori importanti…. ma Sonia ha finito per non riconoscersi più in questo progetto, ha venduto la sua partecipazione ed è uscita. Ora pensa a <<ricette video anche in inglese (“c’è praticamente un’enciclopedia online e voglio aprirla all’estero”), e una visione più ampia del la cucina. “qualcosa di un po’ più moderno con contenuti in più rispetto a GialloZafferano” per esempio le intolleranze>> ha detto nella sua intervista al Gamberorosso.

Food-blogger-italiani-Ada-Parisi-siciliani-creativi-in-cucina

Food-blogger-italiani-Ada-Parisi-siciliani-creativi-in-cucina

Una simile passione ma un orientamento sull’alta cucina e il rifiuto di qualunque pubblicità per un altro food blogger al top: Ada Parisi di Siciliani creativi in cucina. Quando è venuta a cucinare le polpettine di tonno e la caponata (da sogno, non potete credere) in occasione del Premio Casato Prime Donne, le ho detto <<ma per te fare il food blogger è un costo>> lei si è toccata gli occhiali e ha serrato le labbra <<io faccio la giornalista in una grande agenzia, provo le ricette e le pubblico perché amo cucinarle e condividerle, se devo preparale con ingredienti che non mi piacciono proprio no! >>. Siciliani creativi in cucina cresce i contatti mese dopo mese ed è forse proprio il suo rigore la chiave del suo successo. Leggi tutto…


Andrea Rabissi vince il premio Casato Prime Donne

Andrea Rabissi, un vigile urbano che sa mostrarci il territorio di Montalcino con gli occhi di un poeta, vince per la terza volta il premio Casato Prime Donne

Andrea-Rabissi-Discreta-Presenza-vincitore-Premio-Casato-Prime-Donne-2016

Andrea-Rabissi-Discreta-Presenza-vincitore-Premio-Casato-Prime-Donne-2016

Di Donatella Cinelli Colombini

Grazie alla sua profonda conoscenza della zona, in ogni ora del giorno e in ogni mese dell’anno, egli trova spunti inediti dove migliaia di fotografi hanno fissato i loro obiettivi prima di lui. Da questo nasce un racconto nuovo, profondo, personalissimo e a tratti ironico della terra del Brunello. Un racconto che per 3 volte in 18 anni ha fatto vincere a Andrea Rabissi il Premio Casato Prime Donne per la fotografia. Nel 2006 ha ritratto un’anziana signora che stralcia le viti in inverno

Andrea-Rabissi-Vincitore-Premio-Casato-Prime-Donne-2006

Andrea-Rabissi-Vincitore-Premio-Casato-Prime-Donne-2006

mentre la rugiada trasforma i fili metallici del vigneto in un merletto lucente. Nel 2013 ha usato un’alba autunnale, quando solo le silhouette delle colline emergono dalla nebbia, per trasformare il paesaggio di Montalcino in un’immagine esotica da monocromo giapponese. Quest’anno ci propone uno spaventapasseri che difende una giovane vigna poco prima della vendemmia e intitola la sua foto “Discreta …presenza”. L’omino di paglia è vestito di rosso ed ha scarpe, cintura e antenne di allumino lucente. Nella sua sgangherata

semplicità è uno spaventapasseri post modern. Una presenza silenziosa, come ha notato Andrea Rabissi, ma anche inquietante nel contrasto fra il suo abbigliamento da spider-man, l’aridità del suolo diserbato della vigna e  sullo sfondo che sembra guardare dall’alto delle sue antiche torri. Passato e presente,realtà e immaginario, un contrasto pieno di significati apprezzato dalla giuria popolare che ha votato on line e l’ha scelto come vincitore 2016. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account