Tag Archive

Tag Archives: Rapolano Terme

La focaccia di Rapolano è dolce!

  • Pubblicato in Forum

Il nome inganna, la focaccia non è una pizza salata ma un dolce semplice e buonissimo con mandorle e crema. La ricetta è solo quella di Rapolano Terme.

la focaccia di Rapolano Terme

la focaccia di Rapolano Terme

Di Sara Mazzeschi – Fattoria del Colle
Rapolano Terme, il paese dove sono nata e vivo, sta diventando sempre più noto in Toscana per le acque termali conosciute fin dai tempi antichi ma pochi sanno che qui e solo qui è stata inventata la ricetta di un dolce incredibilmente buono dal nome che inganna: la focaccia, o come tutti chiamano “la focaccia di Rapolano”.  Ogni volta che vado in giro e la nomino gli amici mi guardano male, nessuno crede che il dolce tradizionale del mio paesino è per il resto del mondo una pizza bianca salata…eppure è la verità. Due dischi di pasta frolla e mandorle tenuti insieme da crema pasticcera, la focaccia è in assoluto la torta che preferisco, è così buona che chi la prova ne rimane colpito tanto da chiedere sempre  la ricetta ma non è così facile essere accontentati! Leggi tutto…

Rapolano Terme una sorpresa per chi ama la Toscana

Rapolano Terme, un piccolo borgo medievale nella Toscana più sincera, offre antiche acque calde e attrattive inaspettate stagione dopo stagione

Rapolano Terme Serre Maggio

Maggiaioli a Rapolano Terme

Sara, una bella giovane sorridente che accoglie i visitatori alla Fattoria del Colle, vi racconta il suo paese: Rapolano Terme, un luogo incantato a solo 25 km dalla fattoria.

Visto per voi da Sara Mazzeschi

Per una ragazzina nata e cresciuta a Rapolano come me, poco importava la perfetta unione tra storia e natura di un borgo immerso nelle Crete Senesi, gli unici fattori davvero rilevanti erano i 20 minuti tra me e Siena o qualunque altro centro che superasse le 4 mila anime e la focaccia, dolce tipico e mio preferito in assoluto!
Per anni dunque non ho fatto caso a ciò che il mio paesino aveva da offrire ma adesso, più grande, lo guardo con occhi diversi. Leggi tutto…


Un anniversario avventuroso

[gplusone]

Il 21 settembre era il mio anniversario di nozze. Io e Carlo ci siamo sposati il 21 settembre 1978 nella chiesetta di San Bernardino al Prato, dove si fermò Violante di Baviera a pregare prima di entrare a Siena il 12 aprile 1717.  Violante è stata la sola governatrice donna della città del Palio e, la nostra unica meravigliosa figlia, porta lo stesso nome

di Donatella Cinelli Colombini 

Come eravamo

Come eravamo

Ebbene, il 21 settembre di quest’anno, io ero a Londra quindi abbiamo deciso di celebrare l’anniversario il giorno dopo con una cena romantica da Davide Canella nel suo ristorante di Armaiolo (Rapolano Terme). Davide è un giovane genio dei fornelli che riesce a giocare con tradizione e innovazione, rispetto delle materie prime e contrasti fra alimenti di diversa consistenza fino a ottenere dei risultati strabilianti. Tutti aspettiamo la sua prima stella Michelin ma soprattutto contiamo su di lui e su altri 4 chef appassionati, per trasformare la Val di Chiana in una destinazione gourmand.

Ebbene dopo aver gustato un risotto di porri con sugo di “nana” (oca muta tipica

Come siamo durante l'ultimo giorno di vendemmia

Come siamo durante l'ultimo giorno di vendemmia

della Chiana) da sogno, siamo partiti per ritornare a casa. Nella strada che da Trequanda va verso la Fattoria del Colle abbiamo incrociato due istrici enormi. Carlo ha frenato con tutta la forza. Abbiamo evitato gli istrici ma la macchina ha fatto un rumore fortissimo e si è fermata. Eravamo in curva, in mezzo alla strada, alle 11 di notte, dentro un bosco dove i cellulari non funzionano.

Roba da mettersi a piangere. Siamo scesi senza saper cosa fare ma è sopraggiunta l’auto dei Carabinieri che stava facendo il suo giro di ronda. Il Maresciallo di Trequanda Rocco Recupero e il suo vice  ci sono sembrati gli angeli custodi. Pochi minuti e arrivava anche Antonio Corsano lo chef del ristorante della fattoria del Colle. Col loro aiuto siamo riusciti a trovare il carro attrezzi e a tornare a casa sani e salvi anche se scioccati per quello che ci era successo. Se un cedimento strutturale

Carabinieri

Carabinieri

di quel genere ci fosse successo in autostrada saremmo morti.

Questa avventura ci ha fatto riflettere sull’importanza dei Carabinieri nelle zone di campagna. Spesso circoscriviamo la loro opera al contrasto della criminalità, invece sono importantissimi per far sentire una comunità sostenuta e protetta nei momenti critici, come è successo a noi.

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account