Tag Archive

Tag Archives: Vini e capricci

Gozo la seconda casa (col buco) di Donatella e Carlo

L’ampliamento della casa di Carlo e Donatella a Gozo-Malta è in ritardo e c’è un buco dove finisce la scala per andare nella terrazza sul tetto. Speriamo non piova

Lo scheletro della scala e il buco nel tetto nella casa di Gozo di Donatella e Carlo

Lo scheletro della scala e il buco nel tetto nella casa di Gozo di Donatella e Carlo

Di Donatella Cinelli Colombini, Toscana, agriturismo, Fattoria del Colle

Io e mio marito Carlo Gardini abbiamo una casa nell’isola di Gozo da 8 anni e un nutrito gruppo di amici italiani, maltesi e gozitani. Sulla stessa isola Ulisse rimase con la dea del mare Calipso per sette anni. Quindi noi abbiamo superato l’eroe di Omero e anzi promettiamo di rimanere qui molto più a lungo.
Da qualche anno desideravamo creare una terrazza sul tetto, per godere dello splendido panorama su Comino, la blue lagoon e Malta. Questo è stato all’origine dei nostri guai. L’architetto che ha ritardato l’inizio dei lavori per due anni e ha creato intoppi sulle forniture fino alla fine, i muratori introvabili, il fabbro sovraccarico di commesse … insomma dopo nove mesi abbiamo ancora buco al posto della chiusura del vano scale che porta alla terrazza. Speriamo che non piova perché altrimenti si allaga la casa.

Gozo-terrazza-casa-di-Carlo-e-Donatella

Gozo-terrazza-casa-di-Carlo-e-Donatella

Generalmente facciamo delle vacanze periodiche di una settimana ciascuna, da maggio a ottobre, ma quest’anno non è stato possibile e tutt’ora, per prendere il sole in terrazza, bisogna arrampicarsi sullo scheletro della scala rischiando di precipitare di sotto. Che avventura!
La lunghezza dei lavori di costruzione è una sorta di saga maltese, c’è chi, come Azzurra la sinalunghese che fa i cappuccini migliori di Gozo, ha ottenuto la consegna delle nuove porte dopo mesi e mesi, altri, come Marco e Orietta Lambrocchi della Foresteria Ogygia, aspettano la fine lavori da un anno all’altro. L’unico che riesce a costruire a tempo di record è Abraham Said il re di Gozo che è riuscito ad ampliare lo store “Vini e Capricci” trasformandolo nel quartier generale della sua rete di distribuzione di eccellenze enogastronomiche. Chi sa se tiene fruste e forconi nell’armadio, come Lucifero! Leggi tutto…

Sax sotto le stelle alle saline di Gozo

Uno dei party più suggestivi e divertenti dell’estate  nelle saline di Gozo di a Marsalforn ospiti del re dell’isola Mabraham Said con il mio Rosso di Montalcino

Saline-di-Gozo-prima-del-party-Sax-under-the-stars

Saline-di-Gozo-prima-del-party-Sax-under-the-stars

Di Donatella Cinelli Colombini, Montalcino, Casato Prime Donne

Le saline di Gozo a Marsalforn sono uno dei luoghi più belli delle isole maltesi. Nella forma attuale hanno 350 anni ma probabilmente erano già in uso all’epoca romana. Sono sulla scogliera di tufo giallo che, per circa 2 chilometri, ha della zone pianeggianti prima di precipitare in mare. Qui sono stati scavati piccoli recinti che formano una sorta di ricamo pietrificato dove il sale viene raccolto a mano ancora oggi, con piccoli scopini, nei mesi di luglio e agosto. Si tratta di un luogo magico e unico al mondo.
E’ protetto da particolari restrizioni e organizzarvi un evento è davvero difficile. Quasi solo il re di Gozo Abraham Said ci riesce. Abraham con il suo” Vini e Capricci” sta diventando il fulcro della migliore enogastronomia delle isole maltesi e anche di attività

Saline-di-Gozo-durante-il-party-Sax-under-the-stars

Saline-di-Gozo-durante-il-party-Sax-under-the-stars

culturali che comprendono nostre di arte contemporanea, concerti e performance.
Quella organizzata alle saline prometteva di essere un evento memorabile, ma la realtà ha superato le attese. Per aumentare la suggestione sono arrivati dal Piemonte il sassofonista Mikele Lazzarini e la cantante Alea dalla voce potente e melodiosa. Leggi tutto…


Gozo-Malta dove mangiare il pesce appena pescato

  • Pubblicato in Forum

Qualche consiglio per mangiare a Gozo, l’isola più piccola e più intatta dell’arcipelago maltese. Il super pesce, appena pescato qui è meraviglioso

Gozo-Malta Ravioli con frutti di mare Ic Cima Gozo

Gozo-Malta Ravioli con frutti di mare Ic Cima Gozo

Di Donatella Cinelli Colombini

Qualche anno fa nessuno considerava Gozo-Malta fra le “destinazioni golose” anzi molti dicevano “isola bellissima, peccato si mangi così male” oggi invece si sta affermando come un luogo privilegiato per gli amanti della buona tavola.
Sembra superato per sempre l’uso di mischiare procedimenti e ingredienti con risultati molto discutibili. La cultura gastronomica locale, in origine molto semplice, era poi stata rielaborata con componenti siciliane e, purtroppo, inglesi, finendo per diventare un miscuglio indistinto di sapori. Coniglio alla gozitana, lampuki, pizza

Spaghetti con uova di cernia, Portovecchio Gozo

Spaghetti con uova di cernia, Portovecchio Gozo-Malta

gozitana, Qaghaq tal-Ghasel, pastizz hanno la loro dignità se sono preparati a regola d’arte. Invece nei ristoranti, fino a qualche anno fa, arrivava in tavola del pesce coperto delle cose più improbabili: dalle olive verdi, alle cipolline sottaceto e alle acciughe.
La presenza di un’ottima scuola alberghiera ITS con il biennio universitario di studi turistici, l’Accademia Italia della Cucina e della Chaîne des Rôtisseurs entrambe molto attive con le loro delegazioni maltesi ma soprattutto l’arrivo di un nuovo benessere e di una nuova tipologia di turisti – diversi dagli studenti d’inglese e dai pensionati- ha favorito l’affermarsi di una nuova generazione di chef e di gestori di ristoranti. Leggi tutto…

Perché amo Gozo?

Perché è l’isola dell’eterna primavera, perché ha delle coste che profumano di timo, perché ci sono tanti amici, perché è Gozo il cuore antico del Mediterraneo

Gozo panorama al tramonto maggio 2016

Gozo panorama al tramonto maggio 2016

Di Donatella Cinelli Colombini

Camminare sulle rocce che scendono a strapiombo nel mare di Gozo è un’esperienza aromatica per le erbe profumate –timo, origano, finocchio soprattutto – che crescono spontanee. Ora i sentieri di trekking sono di gran moda e ci sono decine di turisti che camminano godendosi i panorami mozzafiato. Sulle scogliere ci sono campicelli e piccoli pascoli con muri a secco che sembrano quelli di Ulisse e Calipso. In realtà l’isola sta cambiando rapidamente anche grazie ai finanziamenti europei. Strade rifatte, ottimo trasporto pubblico, servizi sanitari d’avanguardia (specialmente i dentisti come il bravissimo Joseph Xuareb di Savina Clinc) bus turistici,

Gozo, Dolce vita, azzurra a tavola

Gozo, Dolce vita, azzurra a tavola

tanti nuovi negozi e tanti ristoranti sempre più buoni. Qualche esempio: un indimenticabile branzino a Porto Vecchio, il pesce parata al sale di Ta Philip entrambi a Mgarr, i calamari di Dolce vita a Victoria, le fettuccine nell’hot pot del ristorante cinese Xi Xi a Xaghra, gli aperitivi del Capitan Spriss a Victoria preparati da Azzurra una toscana trapiantata a Gozo come i simpaticissimi gestori di +39 sulla baia di Marsalforn, oppure lo chef di Mille grazie (St Lawrence) che cuoce a basse temperature dei meravigliosi galletti. In effetti ci sono tanti italiani qui, anzi sempre più italiani e non solo ristoratori ma anche macellai, birrai (birra artigianale Lord Chambray) e persino apicoltori. Non lo immaginereste ma Gozo è diventato il maggior esportatore europeo di api regine. Leggi tutto…


Gozo isola dei panorami e del trekking

Se amate il trekking l’isola di Gozo vi darà emozioni indimenticabili perché camminerete nella storia, anzi nell’archeologia … sulle orme di Ulisse e Calipso

Gozo Chiesa di  Xewkija

Gozo Chiesa di Xewkija

Di Donatella Cinelli Colombini
L’isola di Gozo ha una superfici pari a quella del comune di Trequanda. Tuttavia mentre nel paese toscano, dove c’è la Fattoria del Colle, abitano 1.500 persone a Gozo ci sono 30.000 abitanti. Malta, l’isola più grande dell’arcipelago e roccaforte del cristianesimo all’epoca delle crociate, è grande come il comune di Montalcino. Anche in questo caso il numero dei residenti è molto diverso: 5.000 nella terra del Brunello e 400.000 nel cuore del Mediterraneo. Eppure le due isole non sono coperte di case, ci sono valli rocciose, coste intatte e zone di campagna che danno al paesaggio un carattere agricolo

Gozo Dalrret Horrot tramonto

Gozo Dalrret Horrot tramonto

molto suggestivo. Soprattutto a Gozo. Questa è la mia isola preferita, dove io e mio marito Carlo Gardini abbiamo una vecchia casa in pietra con cortile interno, archi e persino pavimenti tradizionali di oltre cento anni. La cosa che più ci affascina a Gozo sono i panorami. Camminando sulle scogliere, che scendono a picco nel mare, l’unico rumore è il vento e lo scenario è ancora quello che guardò Ulisse durante la sua prigionia dalla ninfa Calipso. L’uomo non ha toccato la grandiosità di questa costa mentre le scarpate rocciose sono coperte di timo, di piante di capperi e di asparagi. Camminare è anche un’esperienza olfattiva piacevolissima. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account