Tag Archive

Tag Archives: visto per voi

Asciano un angolo di Toscana bella scoperto dagli stranieri

Nel 2011 The Telegraph mette il Museo Corboli di Asciano fra i 15 piccoli musei più belli d’Italia e i primi a meravigliarsi sono i senesi. Scopriamolo insieme

Asciano Museo Corboli

Asciano Museo Corboli

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

La lista del Telegraph contiene delle vere star: il Museo di San Marco a Firenze con gli affreschi di Beato Angelico, la Zisa a Palermo capolavoro arabo normanno, la Galleria Doria Panphilj a Roma con i suoi Caravaggi o e Velazquez e poi il museo di Asciano . <<Possibile che in un paese così lontano dai circuiti turistici, ci sia un tale gioiello?>> si chiedevano a Siena dove Asciano è reputata più per i fantini del Palio che per le opere d’arte. E invece …. altro che se c’è, di musei strepitosi ce ne sono addirittura due!

Asciano (20 km dalla Fattoria del Colle) fu un insediamento etrusco e poi romano di notevole importanza, come

ASCIANO MUSEO CORBOLI

ASCIANO MUSEO CORBOLI

dimostrano i pavimenti a mosaico ritrovati in un orto del centro storico. Nel medioevo era un feudo dei Cacciaconti della Scialenga e diventò importante e ricco. Infatti le opere d’arte del Museo Coboli magnificato dal Telegraph mostrano una comunità florida e tutt’altro che isolata. Un meraviglioso Crocifisso ligneo di Giovanni Pisano, un’Annunciazione di Francesco di Valdambrino, San Michele di Ambrogio Lorenzetti … i capolavori sono tanti così come le urne etrusche ma quello che lascia basiti sono le decorazioni ad affresco delle stanze di questo palazzo: coloratissime e piene di allegorie complicate e raffinate. Virtù, filosofia greca e fede in un intreccio affascinante che copre intere pareti. Nel Trecento il palazzo era abitato dai nobili Bandinelli, un casato senese a cui apparteneva Papa Alessandro III (1181), questo spiega lo sfoggio di cultura e ricchezza di questo frammento di vita quotidiana medioevale miracolosamente arrivato ai tempi nostri.
Leggi tutto…

1.82 miliardi di $ boom della vendita diretta del vino USA

  • Pubblicato in Forum

Nel colosso americano, la vendita del vino ai privati segna un +15,5 % nel solo 2014 e cresce 4 volte più velocemente dei canali commerciali tradizionali

Napa Valley

Napa Valley

Visto per voi  da Donatella Cinelli Colombini

Il 61% delle spedizioni va in 5 stati dove vive il 37% di tutta la popolazione statunitense: California, Texas, New York, Florida e Illinois. Ma anche altri si danno da fare: grazie alla legge che ha facilitato l’invio di vino ai privati, i wine lovers del Montana hanno aumentato i loro acquisti del 245 % in un anno. La grossa novità è il Massachusetts, 7° mercato statunitense del vino, che da quest’anno ammette la spedizioni dalle aziende di produzione.
Le cantine dell’Oregon sono quelle che hanno fatto il pieno di vendite ai privati con uno spettacolare + 53% in un solo anno e il Pinot Noir a tirare la corsa. L’Oregon pare la nuova star del panorama enologico USA ma anche chi è sulla breccia da tempo, come Napa Valley, principale zona vinicola della nazione, ritiene determinante la vendita ai clienti privati, che rappresenta il 48,5 % del business. Fa venire l’acquolina in bocca a noi produttori italiani che difficilmente superiamo il 15%. La cosa più spettacolare sono i prezzi medi. Il più alto è quello del Cabernet: 66,3$ a bottiglia, seguito dal Pinot Noir 45,2 $ ma con un aumento del 33% in un anno. State sgranando gli occhi vero?
Sembra impossibile, soprattutto visto dall’Italia in crisi nera. Eppure la fonte è più che attendibile, si tratta di Wine Searcher la più grande piattaforma on line del mercato del vino. Leggi tutto…

Parole usate per cercare questa pagina...

  • e-commerce
  • vendita online del futuro vino

Pinocchio la bottiglia che da al vino il gusto di legno

  • Pubblicato in Forum

Dopo gli ultrasuoni per invecchiare il vino ecco la bottiglia che sostituisce un anno di barrique in pochi giorni. Troppa voglia di giocare al wine maker?

Pinocchio Barrique Bottle

Pinocchio Barrique Bottle

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Viene il dubbio che queste nuove proposte convincano i consumatori più inesperti della possibilità trasformare bottiglie mediocri in qualcosa di prezioso spendendo pochissimo.
C’è poi l’istinto del “bricolage” del “fai da te” che in Nord Europa e Nord America è molto diffuso, del tipo <<ho costruito la casa con le mie mani>>. Un rinnovato bisogno di manualità ed esperienza che in certi casi da buoni frutti, per esempio nella produzione di ortaggi freschi in terrazzo e in giardino. In ogni modo le bottiglie in legno sono tutt’altra cosa dalla libreria Ikea da montare a casa. Ricordano il SonicDecanter che promette di invecchiare il vino a casa, in poche ore e a basso costo. Anche in questo caso il messaggio mira a convincere il consumatore che può risparmiare giungendo allo stesso risultato ottenuto in cantina con botti e barriques con anni di lavoro.
Le ditte produttrici, che ho trovato in internet, sono due. Paglione Oak Bottle di Chicago. Sito molto ben fatto con un video che spiega la tecnica di utilizzo: riempi la bottiglia di legno d’acqua per un giorno, togli l’acqua e metti il vino per 48-72 ore e il gioco è fatto. Nei testi si spiega che la bottiglia di rovere è un perfetto sostituto dei fusti in legno della cantina <<The oak barrel is considered the most traditional oak infuser but it can be bulky and awkward to handle. The Oak Bottle puts the infuser in the palm of your hand >>. Le botti di rovere sono considerate il modo più tradizionale per dare al vino un gusto di legno ma esse sono ingombranti e difficili da maneggiare. La Oak Bottle mette nelle tue mani la possibilità di dare al vino il gusto di legno. Leggi tutto…

Parole usate per cercare questa pagina...

  • bottle hawk per dare invecchiamento del vino
  • bottiglia di rovere pinocchio
  • pinocchio vino
  • pinocchio bottiglia
  • pinocchio bottiglie
  • pinocchio bottiglia in legno
  • pinocchio BB bottiglia
  • nuove bottiglie in legno che invecchiano il vino
  • cinelli colombini pinocchi
  • bottiglia per vino legno

Cena tosco pugliese con Stefano Garofano

A tutto Negroamaro: rosé Girofle, di stile tradizionale Eloquenzia, sontuoso da invecchiamento Le Braci. Ecco “il calor del sol che si fa vino” di Dante

Girofle Azienda Monaci di Severino Garofano

Girofle Azienda Monaci di Severino Garofano

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

L’Union Européenne des Gourmets di Siena, inizia l’annata sociale all’antica osteria Botteganova con una serata dedicata al Salento e soprattutto al vitigno Negramaro con degustazioni e racconti della famiglia che ha maggiormente contribuito alla sua rinascita, i Garofano della Masseria Monaci.
<<Mio padre, oggi lo chiamerò babbo, come dite voi in Toscana, arrivò in Salento giovanissimo da Avellino, con un diploma di enotecnico in tasca>> ha esordito Stefano Garofano cominciando un racconto intimo che pian piano si allargava a tutto il Salento e al suo vitigno Negroamaro << Non sappiamo ancora l’origine di questa vite che arrivò in Puglia in epoca bizantina per poi acclimatarsi fino a diventare autoctona>> Non lo dice ma è stato proprio suo padre Severino Garofano, il talent scout che ha portato questo vitigno alla ribalta internazionale scoprendone virtù e potenzialità. Leggi tutto…


Rocca di Staggia arte, storia e fantasia fra Siena e Firenze

  • Pubblicato in Forum

1020 anni di storia leggeri come nuvole: falchi per la caccia medioevale, la torre di Filippo Brunelleschi, opere d’arte contemporanea alla Rocca di Staggia

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia SI

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini
La Rocca di Staggia è un posto dove, chi vi celebra il suo matrimonio, parte per il viaggio di nozze in mongolfiera oppure festeggia con un banchetto medioevale con tanto di ballo in costume.
Ogni domenica i bambini assistono agli spettacoli di falconeria e prendono i rapaci sul braccio. Un gioco ma anche una lezione di storia che non dimenticheranno mai. Per i più piccoli ci sono il tattambù che insegna a ottenere suoni dagli oggetti e, la domenica, tante attività divertenti e ricche di insegnamenti che, per gli adulti, si trasformano in assaggi di salumi di cinta senese e vino Chianti.
Una fortezza medioevale viva, dunque, anzi una fortezza d’avanguardia. Come ci spiega Donatella Bagnoli direttrice artistica della Fondazione Rocca di Staggia. Scopriamo la torre medioevale fatta costruire dai ricchi

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia SI

mercanti Franzesi Della Foresta che possedevano il castello alla fine del Duecento e volevano evidenziare il lungo soggiorno alla corte di Filippo il Bello. Da questo periodo alla raffinata corte reale deriva la grande sala per banchetti, ora distrutta, e l’attenzione all’igiene con l’acqua che scorreva nelle latrine per tenerle sempre pulite. Quasi come il nostro WC.
I Franzesi sono noti per la loro ricchezza ma anche per un episodio, forse leggendario, che li vide protagonisti come ladri del tesoro di Papa Clemente V durante il trasferimento in Francia. Puliti ma disinvolti dunque!
La rocca di Staggia vigilava sulla via Francigena e il suo incessante transito di pellegrini, banchieri, e persino sovrani verso Roma. Per questo, quando i Franzesi fecero bancarotta (1361) Firenze comprò Staggia e la trasformò in un baluardo avanzato in terra senese, quasi una spina nel fianco all’eterna nemica. I fiorentini costruirono una nuova cita muraria e, nel 1431 mandarono Ser Filippo Brunelleschi per rafforzare le difese del castello. Anche qui, il più geniale architetto di tutti i tempi, realizza un piccolo capolavoro militare costruendo la rondella con “l’occhio del capitano” torre con alloggio e vista sul punto più critico delle mura urbane. Leggi tutto…

Parole usate per cercare questa pagina...

  • destino turistico web
Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account