Tag Archive

Tag Archives: wineblogroll

I wine istagramer più influenti del mondo

  • Pubblicato in Forum

Nella classifica di worldinfluencer fra i TOP 10 wine istagramer più influenti del mondo 3 sono italiani Maximilian Girardi, Saverio Russo e Emanuele Trono

Istagramer del vino Wine Blogger F.Saverio Russo @italianwinelover

Istagramer del vino Wine Blogger F.Saverio Russo @italianwinelover

Di Donatella Cinelli Colombini, Toscana, Montalcino, Casato Prime Donne
In un momento in cui i social contano sempre di più, nel mercato del vino, vedere tre italiani fra i TOP 10 della classifica 2018 di worldinfluencer fa piacere. E’ un modo per dire che i wine expert del belpaese non sono così indietro nè sotto il profilo digitale e neanche nella stima dei wine lovers. Ecco dunque la classifica diffusa in Italia da Cronache di gusto.
1. The Wine Wankers – 164 mila follower
2. Wine Enthusiast Magazine – 156 mila follower
3. Once Upon a Time – 126 mila follower
4. Winery Lovers – 124 mila follower
5. The Wine Teller – 106 mila follower

wine istagramer Maximilian Girardi con Supervinoitalia

wine istagramer Maximilian Girardi con Supervinoitalia

6. Supervinoitalia by Maximilian Girardi – 53,4 mila follower
7. Italianwinelover by Saverio Russo – 54,1 mila follower
8. Julien Miquel – 46,3 mila follower
9. Enoblogger by Emanuele Trono – 43,4 mila follower
10. Gini in a Bottle – 39,6 mila follone
Ovviamente la classifica è basata sul numero dei follower e rispecchia un’epoca in cui l’influenza dipende dalla capacità di crearsi un seguito. Insomma rispecchia un’epoca in cui l’importanza del wine critic arriva, ogni giorno di più, dal basso cioè dai lettori-consumatori. Dire se questo sia un bene o un male è difficile. Un tempo era solo il direttore della testata, a dare a un determinato assaggiatore, la responsabilità di valutare le denominazioni più importanti. Oggi sono il peso dei lettori diventa determinante e i risultati sono impressionanti. Leggi tutto…

Vuoi il vino sintetico o naturale?

  • Pubblicato in Forum

Meglio la naturalezza totale, oppure puntiamo sull’estremo opposto: il vino modaiolo blu Gik o ancora il vino sintetico copia in provetta?

Vini blu Gik

Vini blu Gik

Di Donatella Cinelli Colombini vignaiola a Montalcino Brunello

Mai come adesso la forbice si è allargata così tanto davanti ai consumatori e ha dentro di tutto: dal grande classico all’eccentricità estrema. E’ di pochi giorni fa il lancio delle copie dei grandi vini fatte in laboratorio. Il progetto arriva da una società di alta tecnologia vicino a San Francisco e prende il nome di “Ava Winery”. Intende riprodurre vino sintetico imitando le bottiglie più care per venderle a prezzi più bassi. Nel sito c’è la proposta di 499 bottiglie (non ancora prodotte) di Champagne Dom Perignon 1992 a 200$. L’idea sembra fra le più bislacche degli ultimi anni ma i fondatori della società hanno già mandato uno dei loro vini falsificati a un concorso dove è stato scambiato per

Ava Winery vini sintetici

Ava Winery vini sintetici

vero e persino giudicato buono. Alec Lee, uno dei co-fondatori della società è convinto <<the future of food is synthetic>> il futuro del cibo è in provetta, dice lui, e intanto cerca dei canali commerciali per le bottiglie che forse non si potranno neanche chiamare vino (meno male!). Il punto più forte degli inventori dell’Ava Winery è l’affermazione che anche i grandi vini contengono pesticidi, OGM, additivi … insomma sono tutt’altro che naturali. Il progetto ha scosso i grandi esperti che hanno reagito negativamente anche se qualcuno ha giudicato l’operazione quasi “democratica” perché le false bottiglie dei grandi Chateau potrebbero far gustare a chi non se lo può permettere, un profumo e un gusto simile a quello dei vini che arrivano nella bocca dei milionari. Leggi tutto…


Il wine blog in stile sharing di Francesco Saverio Russo

Il suo sito si chiama wineblogroll e contiene la rassegna stampa, degustazioni, luoghi e personaggi nel vino basati sulla condivisione e sulla passione

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini
Francesco Saverio Russo, Saverio come lo chiamano gli amici, è marchigiano ma vive in toscana dove lavora come organizzatore di eventi e consulente di web marketing, anche se, ammette, << passo gran parte delle mie giornate a gestire siti, blogs e profili social>>. Insomma è proprio il tipo che servirebbe in molte aziende del vino per raccontarsi meglio agli appassionati e ai futuri importatori. E’ insomma un wine blog master giovane, abbastanza fuori dagli schemi, poco attratto dal business del vino e realmente calamitato dai produttori appassionati e dallo storytelling.
<< Sentitevi, quindi, liberi di entrare “a casa mia” come foste degli Amici e non dei semplici ospiti…sbirciate, osservate, curiosate e, perché no…commentate e criticate se lo riterrete opportuno, ma non dimenticate mai di prendere ogni mia parola come frutto delle mie individuali emozioni e non come un dogma>> Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account