Non solo vino ...

Alfredo e Helle Tesio una Toscana da gustare

Non mancate! Sabato 20 ottobre alle 15.30 in piazza Garibaldi a Trequanda per la presentazione del libro Toscana di Alfredo e Helle Tesio

Toscana-di-Alfredo-e-Helle-Tesio

Toscana-di-Alfredo-e-Helle-Tesio

La Toscana vista da vicino, anzi dall’interno. Piccole storie che formano un affresco vero, vivace, umanissimo destinato ai lettori scandinavi. Le raccontano Alfredo Tesio e sua moglie Helle Poulsen giornalisti e scrittori di politica e gastronomia con alle spalle 16 libri sull’Italia. Hanno una casa a Trequanda nel cuore più intatto della Toscana antica e da qui parte il loro racconto di storie, persone, luoghi e soprattutto sapori. Il 20 ottobre, nella piazza di Trequanda Alfredo e Helle Tesio presenteranno il loro libro, all’interno della Festa dell’Olio, mostrando quello che all’estero apprezzano dell’Italia. Non mancate!
Qui di seguito la descrizione della Fattoria del Colle tratta dal libro Toscana di Alfredo e Helle Tesio.

Alfredo-e-Helle-Tesio-a-Trequanda

Alfredo-e-Helle-Tesio-a-Trequanda

….La storia qui potrebbe cominciare come in una fiaba del grande favolista danese Andersen. “ c’era un volta una fanciulla, che voleva diventare una principessa” .
La fanciulla si chiamava Donatella.
La sua mamma Francesca era già famosa in tutto il mondo, come una delle prime donne che produceva un grande vino.
La madre aveva un’ origine aristocratica, e la sua famiglia, secondo gli storici, produceva ottimo vino fin dal 1050.
Un giorno Francesca decise di dividere in anticipo la sua eredità, il castello e le sue vigne preziose, tra i suoi due figli.
Proprio come in un racconto nei tempi lontani, il figlio maschio ebbe in dono lo storico maniero di famiglia con il vino rinomato di Montalcino, che già produceva il Brunello.
La figlia Donatella, che era soltanto una fanciulla- ebbe tuttavia qualcosa al contrario dei tempi lontani- ma si dovette accontentare di una piccola vigna in Montalcino e di un casino di caccia con vecchie vigne,adattato ad agriturismo.
Era la Fattoria del Colle di Trequanda tratta dal libro “Toscana” di Alfredo e Helle Tesio.

Ma come nelle belle favole la fanciulla Donatella, come una cenerentola, riuscì con un grande lavoro a far rinascere le vecchie vigne e far diventare il casino di caccia in una bella e rinomata fattoria con elegante ospitalità. La fanciulla era tenace e combattiva. Le vigne furono ben curate e riuscirono a dare grandi vini premiati nel mondo; da tutto il mondo vennero turisti a a godere di questo favoloso agriturismo, che venne anche premiato come il migliore d’Italia.
Ci vollero 15 anni, come nelle favole.
Per festeggiare la sua bella avventura la fanciulla Donatella decise di creare un vino del tutto nuovo. E quale era il nome da dare a questo vino se non Cenerentola? E cosi fu.
E allora la fanciulla Donatella era davvero diventata una principessa.

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account