Vigne e vini

Brunello Prime Donne 2012 altri ottimi punteggi WS e WE

93 e 93 centesimi per il Brunello Prime Donne 2012 da Wine Spectator e Wine Enthusiast. Donatella Cinelli Colombini << rating che premiano un grande lavoro in vigna>>

Di Donatella Cinelli Colombini

E’ bello quando tutti i giudizi su un vino sono positivi e concordi. Soprattutto è rarissimo che critici, buyer e consumatori diano la stessa valutazione entusiasta come succede a questo Brunello di stile molto tradizionale. Se tenete conto che fra i nostri importatori ci sono Master of Wine come Frank Roeder e sommelier campioni del mondo come Paolo Basso capirete che avere l’unanimità dei consensi è difficilissimo. Frank mi ha detto <<è il miglior Brunello che tu abbia mai fatto>>.
Il Brunello Prime Donne 2012 riesce a mettere tutti d’accordo
E’ come se il benessere delle viti – il loro equilibrio naturale ottenuto con cure quotidiane – in un’annata abbastanza complicata sotto il profilo climatico, si fosse tramutato in un’uva splendida che in cantina è diventata un vino splendido. Lo splendore del Sangiovese di un territorio, quello di Montalcino, che più di ogni altro gli è congeniale.
La descrizione scritta da Bruce Sanderson è nell’Insider, il mitico elenco di “most ecxiting new wines”- i nuovi vini più eccitanti- che arriva per e-mail ai wine lovers di

Brunello-Prime-Donne-2012_casato_prime_donne

Brunello-Prime-Donne-2012_casato_prime_donne

tutto il mondo ancora prima della copia del Wine Spectator. Essere in quell’elenco e soprattutto nel lancio iniziale, come è capitato a noi, è una gioia immensa.
Come sempre la descrizione di Sanderson è bellissima << Fruity, sporting cherry, strawberry and floral notes alongside soy and leather accents, this is firmly structured, ending with iron and tobacco elements. Very long and beautifully balanced. Best from 2020 through 2033.—B.S.>> L’accento è sull’armonia e sulla complessità delle suggestioni: ciliegia, fragola fiori insieme a sentori d cuoio, tabacco … ma la cosa più spettacolare è la previsione del momento top che il critico del Wine Spectator situa fra il 2020 e il 2033 dando al vino una prospettiva di grande longevità.Cambiando testata e aprendo il Wine Enthusiast il giudizio positivo sul vino è ugualmente buono e troviamo un pezzo quasi letterario scritto da Kerin O’Keefe con la sua consueta eleganza. Peccato ci sia un errore nel nome dell’importatore che nella realtà è Banville Wine Merchants <<Dark-skinned berry, culinary spice and a balsamic aroma come together on this polished red. The juicy palate gives ripe black cherry, star anise, clove and a hint of espresso alongside firm but refined tannins that lend structure and a smooth texture. Supreme Wines & Spirits. —K.O. abv: 14%>> Anche dalle parole di Kerin il vino appare nella sua ricca complessità fatta di piccoli frutti, spezie, suggestioni balsamiche. Una struttura solida che tuttavia risulta morbida.
Da Kerin O’Keefe arriva anche un 90 centesimi per il Brunello di Montalcino 2012 <<Fragrant blue flower, spiced plum, new leather and Mediterranean herb aromas

Brunello-di-Montalcino-Prime-Donne-2012-degustazione-Kerin-O'Keefe-Vinitaly

Brunello-di-Montalcino-Prime-Donne-2012-degustazione-Kerin-O’Keefe-Vinitaly

meld together. The elegant almost ethereal palate
offers succulent red cherry, crushed raspberry, star anise and a hint of nutmeg framed in supple polished tannins. Drink through 2022. Banville Wine Merchants. —K.O. abv: 14%>> In questo caso è l’aroma che ha colpito l’assaggiatrice e viene apprezzato dai consumatori più esigenti: un insieme di fiori, spezie, cuoio e erbe mediterranee che piace molto.

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account