Vigne e vini

Chianti Superiore di nome e di fatto

Nell’ annata 2016 -vecchio stile – perfetta per i wine lovers tradizionalisti, il Chianti Superiore 2016 è davvero superiore   

Chianti_Superiore-Fattoria-de-Colle-e-Violante-Gardini

Chianti_Superiore-Fattoria-de-Colle-e-Violante-Gardini

I primi sei mesi del 2016, nel territorio senese, sono stati i più piovosi da un secolo a questa parte. Una circostanza che ha idratato il terreno creando ottime riserve a disposizione delle viti, nei caldi mesi estivi, ma ha anche disturbato la fioritura riducendo il numero e la dimensione dei grappoli. Una circostanza che, tuttavia, fa sempre crescere la qualità dell’uva.
Il Chianti Superiore è un vino DOCG ottenuto da vigneti poco produttivi e con requisiti qualitativi più elevati del normale Chianti. Quello prodotto da Donatella Cinelli Colombini alla Fattoria del Colle nasce a 404 metri sul mare su colline ben esposte al sole e con terreni neoquaternari composti da sabbie e argille marine.
I vigneti sono coltivati in modo biologico e con cura manuale. Anche la vendemmia

Chianti-superiore-2016

Chianti-superiore-2016

viene fatta a mano scegliendo ogni grappolo. Oltre al Sangiovese che è il vitigno principe della Toscana, questo Chianti Superiore, contiene piccole quantità di canaiolo nero e altri vitigni complementari, nel rispetto della tradizione che vuole il Chianti come un mix di vitigni diversi.
Il Chianti Superiore è un “vino gastronomico” cioè si esprime al meglio a tavola, mangiando e ha una straordinaria capacità di abbinarsi a qualunque cibo toscano o di altre parti del mondo. E’insomma particolarmente eclettico. Il suo tratto caratteristico è il profumo di viola mammola che da secoli, caratterizza il Chianti fra tutti gli altri vini.
TIPOLOGIA: rosso secco.
ZONA DI PRODUZIONE: Toscana, Trequanda, Fattoria del Colle

2016-Vendemmia-Chianti-Superiore

2016-Vendemmia-Chianti-Superiore

CARATTERI DELL’ANNATA: primo semestre dell’anno piovosissimo, in estate giornate molto calde si sono alternate a forti temporali. Il ciclo vegetativo che era iniziato con 15 giorni di anticipo, nel momento dell’invaiatura si era già allineato al calendario tradizionale. La maturazione è stata lenta e graduale sia sotto il profilo tecnologico (alcol e acidità) che polifenolico.
UVAGGIO: 90-95% Sangiovese, 5-10% Canaiolo
VENDEMMIA: Vendemmia manuale con selezione dei grappoli e degli acini. L’uva è arrivata in cantina in meno di mezz’ora da quando è stata staccata dalla pianta.
VINIFICAZIONE: la sanità dell’uva, la piccola dimensione degli acini e le loro bucce morbide, i vinaccioli perfettamente lignificati sono alla base dell’ottima qualità del vino.
QUANTIA’ PRODOTTA: 20.000 bottiglie

ANALISI ORANOLETTICA
COLORE: rosso rubino brillante

Chianti-superiore-2016

Chianti-superiore-2016

PROFUMO: fine, complesso richiama la fragranza dell’uva unendosi a sentori di frutti rossi maturi e alla caratteristica viola mammola del Chianti.
GUSTO: ottimo equilibrio di frutto e struttura. I tannini, sebbene presenti, appaiono morbidi e si armonizzano con l’ampiezza gustativa che permane lungamente e piacevolmente.

SERVIZIO E CONSERVAZIONE
ABBINAMENTO GASTRONOMICO: di grande versatilità accompagna altrettanto bene i tipici cibi toscani e le cucine asiatiche o nord europee.
SERVIZIO IN TAVOLA: temperatura ambiente (18-20°C), bicchieri a calice di cristallo bianco e di forma a tulipano.
CAPACITA’ DI INVECCHIAMENTO: 3-4 anni dopo quello della vendemmia. Tenere le bottiglie distese, al buio e al freddo

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account