Vigne e vini

Consumatori e Paesi consumatori di vino

USA saldamente in testa fra i Paesi che bevono più vino con 3.217.000.000 litri in un anno ma per il consumo pro capite vince il Vaticano con 54 litri

consumi di vino

consumi di vino

Di Donatella Cinelli Colombini, Brunello Casato Prime Donne

Prendo da Wine News lo spunto per esaminare le classifiche dei consumi di vino. Curiosamente lo stato del Papa è quello dove le percentuali sono più alte: 54,26 litri all’anno. Ovviamente non dipende dalle Sante Messe quanto piuttosto dai turisti in rapporto alla popolazione residente. Infatti al secondo posto troviamo un altro micro stato, Andorra con 46,26 litri e poi una sorprendente Croazia con 44,20 litri seguita a ruota alla vicina Slovenia 44,07. Anche in questo caso, tuttavia, si tratta di Paesi con bassa popolazione in rapporto alle presenze turistiche e quindi a consumi che sebbene statisticamente imputati ai residenti, non vengono fatti solo da loro.

Numeri del vino consumo-francia-2015-2

Numeri del vino consumo-francia-2015-2

Molto più interessante la classifica dei Paesi consumatori di vino: primo posto per gli USA che supera i tre miliardi di litri e batte la Francia che è scesa a 2,7 e l’Italia poco sopra i due. Quello che colpisce soprattutto è il calo delle percentuali dal 2011 al 2014, nelle due nazioni principali produttrici che è stato rispettivamente del 4,8 e di un disastroso 11,5%. Parlare di un crollo, specialmente in Italia, non è esagerato. Sono invece con segno più dei mercati strategici per le nostre bottiglie come Germania, Cina e Giappone, quest’ultimo con uno spettacolare incremento del 21% negli stessi tre anni. Aggiungo a questi dati i commenti del blog I numeri del vino sui consumi di vino in Italia e in Francia. Come sempre, purtroppo i cugini d’oltralpe sono stati più bravi di noi nel gestire

Attractive young teenagers partying outdoors.

Attractive young teenagers partying outdoors.

la comunicazione e i risultati li premiano. Da loro la campagna sul consumo moderato ha avuto successo – art de vivre – nel segmento dei giovani e in 10 anni i non bevitori sono scesi dal 64 al 55% mentre da noi sono adesso il 71%.
Questo è un campanello d’allarme forte. Come era già evidente nei dati presentati sopra ( wineinstitute ) nel nostro Paese assistiamo a un autentico crollo di consumi di vino. E questo nonostante i programmi televisivi e il boom di iscrizioni ai corsi da Sommelier, il proliferare delle guide e degli eventi …. Forse è arrivato il momento di parlare e consumare il vino in modo nuovo … proviamo!

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account