Vigne e vini

Il Brunello del futuro: più vigna e meno cantina

Addio alle esagerazioni potenti degli anni Novanta e avanti con la finezza! Le tre parole chiave sono eleganza, identità e naturalezza

Brunello Casato Prime Donne

anno fa?>>
La risposta è quasi una riflessione sul proprio passato << E’ vero. La mia è un’azienda giovane e all’inizio ha seguito l’idea prevalente di Brunello. L’ho fondata nel 1998, anche se la terra era della mia famiglia dalla fine del Cinquecento. In 14 anni ho costruito le cantine, ripiantato le vigne e creato il brand e la rete commerciale. Via via che le nuove vigne sostituivano quelle vecchie ho capito cosa volevo. Ho capito che le particolarità delle mie uve erano un valore perché mi avrebbero permesso di distinguermi. Ho capito che volevo un Brunello di grande personalità ed eleganza cioè armonioso, complesso e lungo.
Devo ringraziare l’enologa Valerie Lavigne e la mia enotecnica Barbara Magnani di avermi dato il coraggio di uscire dal coro e accettare una nuova sfida>>.
E che sfida! Nelle vigne è tornata la zappa e ora le viti sono protagoniste assolute. La vendemmia è stata anticipata prima della surmaturazione dell’uva rinunciando a una parte

Montalcino panorama

Montalcino dal Casato Prime Donne

dell’estraibilità ma puntando a una maggiore finezza. Sono stati usati lieviti indigeni e la vinificazione è diventata più delicata riducendo rimontaggi e follature, le barriques sono state espulse dalla bottaia ….
Bisogna avere coraggio per fare molte di queste scelte.
Le due cantine di Donatella Cinelli Colombini, entrambe con un organico solo femminile, circostanza che le ha trasformate in una bandiera dell’enologia in rosa, puntano in alto anche se in modo molto diverso. La Fattoria del Colle nel Sud del Chianti e nella Doc Orcia (404 m sul mare con terreni prevalentemente calcarei), ha vini ottenuti da blend di vitigni soprattutto autoctoni come il Foglia tonda o il Sagrantino e usa i contenitori in legno per periodi più brevi. Il Casato Prime Donne situato nella zona Nord di Montalcino, ha terreni più argillosi e freschi, produce vini con superiori livelli di eleganza cioè vini armonici, complessi e morbidi che scendono vellutati in bocca.
<<Non so quale territorio amo di più, perché a Montalcino ci sono le mie radici e il mio cuore ma alla fattoria del Colle nella Doc Orcia, c’è un’impresa difficile, l’opportunità di trasformare una cenerentola in principessa, un vino ancora sconosciuto in una star dell’enologia>>. E Donatella ci sta riuscendo: dei cinque vini con punteggio superiore a 90/100 sul Wine Spectator dello scorso anno, due sono di un’azienda e tre dell’altra.

  •   
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account