wine-destination: Hong Kong

James-Suckling-Hong-Kong- Great-wines-of-Italy-2019

Hong Kong, James Suckling, Cina e il Brunello

A Hong Kong con le 100 cantine italiane scelte da James Suckling. In Cina con il Brunello fra i grattacieli di Shanghai, Hangzhou, Shenzen, Guangzhou, Zhuhai

Di Donatella Cinelli Colombini

Dopo il piovosissimo autunno italiano Hong Kong sembra il paradiso. Temperature primaverili, sole e una città sfavillante dove le vetrine traboccano di prodotti luxury. La città è un immenso centro commerciale del lusso lungo le strade e dentro i grattacieli collegati da passerelle coperte. Dalla baia lo spettacolo notturno sbalordisce, sembra di essere dentro un cartone animato gigantesco con centinaia di grattacieli si colorano di disegni e luci.

HONG KONG IL PARADISO DEL LUSSO E I DANNI DELLE PROTESTE

Io e mio marito Carlo Gardini non vediamo gli studenti protagonisti delle proteste di cui hanno parlato i media di tutto il mondo, ma incontriamo gruppi di poliziotti in assetto anti sommossa e leggiamo sui quotidiani il resoconto dei danni che hanno fatto: 85 delle 94 principali stazioni della metropolitana danneggiate e 62 delle più piccole. Distrutti 1800 tornelli 1100 macchine di biglietteria, 1200 telecamere di sorveglianza e 170 fra scale mobili e ascensori. Se questi sono i danni visibili, quelli più disastrosi sono i danni all’economia di Hong Kong dove il turismo è letteralmente collassato. A ottobre il calo degli arrivi è stato del 43,7% rispetto allo stesso mese del 2018.
Gli effetti sulla ristorazione sono stati pesantissimi: 300 ristoranti chiusi dallo scorso giugno. Per il vino italiano è un disastro perché gli importatori non vendono e quindi non

comprano.…

Cina-Beijing-ErikaRibaldi-DonatellaCinelliColombini

In Cina e a Hong Kong viaggio di-vino

Dalla Cina a Hong Kong viaggio di-vino nell’Asia del lusso, della crescita veloce, dei wine lovers e degli italiani che tengono alto il nome dell’Italia

Di Donatella Cinelli Colombini

Questa volta abbiamo dormito in alberghi di lusso: il Rosewood a Beijing, Howard Johnson yacht Club a Changsha e il Mandarin a Hong Kong… Camere enormi con vetri fino a terra, bagno grande come un appartamento con vasca – piscina panoramica in certi casi in un locale dedicato. In genere non amo gli alberghi di lusso, perché viaggiando per lavoro non li godo per quanto costano, ma in Cina il lusso serve per vendere il vino. Come mi ha insegnato Erika Ribaldi Brand Manager Frescobaldi in Asia <<bisogna ostentare i soldi e il successo>>. Quindi sono partita per Beijing con la valigia piena di giacche di Armani e ovviamente niente Dolce e Gabbana. Certo che è poco di fronte a chi ostenta orologi da 300.000€ : perché in Cina la ricchezza è su questa linea.

JAMES SUCKLING PORTABANDIERA DEL VINO ITALIANO IN ORIENTE

Prima tappa a Pechino per l’evento di James Suckling. La città è sempre più grande, ricca e inquinata. La nebbia da polluzione è

impressionante. Domenica le polveri sottili avevano un valore di 300 (in Italia con 60 scatta il blocco delle auto) e formavano una sorta di nebbiolina. Abbiamo tempo per andare al mercato degli artigiani e del piccolo antiquariato dove rimaniamo sbalorditi dalle affollatissime bancarelle delle noci che vengono spazzolate con cura e misurate col calibro.…

Giuseppe Cerasa giornalista

Toast di gamberi al sesamo al modo di Hong Kong

Ricetta del miglior ristorante cinese d’Italia “Green T” tratta dalla guida “Ristoranti di Roma e del Lazio” di Giuseppe Cerasa

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

2.700 ristoranti, 718 botteghe del gusto, 72 ricette …… 21 testimonial fra cui Luca Zingarelli,  Carlo Verdone …. Ecco Claudio Amendola sulla colazione << Non la faccio quasi mai, ma il caffè è sempre sotto casa al bar Il Grifone>>. Scopriamo che il ristorante preferito di Antonello Venditti è l’Osteria La Gensola e che Francesco Totti rinuncia ai tonnarelli alla burina che, “so pé li laziali”.

Questa è la spettacolare 10° guida ai “ Ristoranti di Roma e del Lazio” (Gruppo Editoriale l’Espresso 12,9€)  curata da Giuseppe Cerasa. Un repertorio intelligente e intrigante che fa sentire i migliori sapori della città eterna.

Quella che segue è la ricetta fornita da due miei carissimi amici Giacomo Rech e Jiang Yan titolari del ristorante Green T di Roma (Via del Piede di Marmo) un tempio di alta cucina cinese dove è possibile gustare piatti sublimi. Da Green T abbiamo organizzato il pranzo inaugurale del vino IGT “Il Drago e le 8 Colombe” dopo il cambiamento di uvaggio e il restyling grafico.…

Quando i prezzi dei vini vanno alle stelle

51 Dollari a bottiglia il prezzo medio mondiale dei fine wines venduti in enoteca. Rialzi record in UK, Hong Kong il mercato dove il vino costa di più 165$

Di Donatella Cinelli Colombini

Le vendite en primeur dei vini di Bordeaux, dell’inizio di giugno fanno venire l’acquolina in bocca ai produttori italiani: Mouton Rothschild, Margaux, Haut-Brion e Pavie hanno accettato le prenotazioni sui loro vini al prezzo di € 408,00 a bottiglia vale a dire 5.112 Sterline, 5.840 Dollari per dozzina visto che i vini verranno consegnati ai négociant in casse di legno da 12 pezzi. E hanno anche limitato le quantità: Mouton ha diminuito le allocazioni del 35/40% rispetto al 2017! Poverino, forse il prezzo gli sembrava basso e incassare i soldi subito per vini prodotti otto mesi fa e da consegnare fra due anni, non gli faceva poi così gola.

EN PRIMEUR E I PREZZI DA CAPOGIRO DI BORDEAUX

Il mercato cinese continua a comprare e la stampa più influente sostiene i vini bordolesi. La vendemmia 2018 di Mouton ha ricevuto un giudizio di 100 punti da James Suckling, 97-99 + da Lisa Perrotti-Brown MW del Wine Advocate-Robert Parker, 94-97 da Antonio Galloni che lo ha definito “radioso e sensuale”.

PREZZI MEDI MONDIALI DEI VINI IN CRESCITA

Nessun territorio italiano riesce a fare la stessa cosa, neanche con i vini di punta. Lo strapotere francese, nel paradiso del mercato, è fortissimo. Ma qualche luce si accende per tutti e i dati di Wine Searcher lo dimostrano.…

Brunello seminary in Calgary

I Paesi dove si bevono Premium Wine

I mercati dei premium wines dove i consumatori comprano soprattutto bottiglie sopra i 10€ sono Irlanda, Hong Kong e New Zeland. Ma è sempre troppo poco

Di Donatella Cinelli Colombini

Il nome è altisonante: premium wines, ma la cifra è piccola (10€) e per arrivare in mano del consumatore a questo prezzo le bottiglie devono uscire dalla cantina a un prezzo davvero basso.
Solo i super premium cioè i vini fini, che hanno in etichetta il nome di una denominazione prestigiosa e ottengono buoni giudizi da parte dei wine critics permettono di puntare in alto nella qualità dell’uva, del vino e quindi del prezzo. Per tutti gli altri è davvero dura, anche se i consumatori non se ne accorgono. Infatti il grosso del valore finale delle bottiglie rimane nella rete commerciale.

COME SI FORMA IL PREZZO DEL VINO

Se infatti andiamo a vedere il prezzo medio di un litro di vino esportato dall’Italia viene da piangere: circa 3€ e ci sono mercati, anche importanti come la Germania, dove questa cifra scende a 2€.
Vini che escono dalla cantina a un Euro e mezzo compreso il vetro, il tappo, l’etichetta …. E per effetto dei costi di trasporto, le tasse e il ricarico dell’importatore arrivano al dettagliante a 4€, sullo scaffale a 9€ e in tavola a 14€. A conti fatti il valore del liquido che arriva nel bicchiere è meno del 10% del totale.…

Debra-Meiburg-Wimen-of-Wine-festival

Debra Meiburg MW  The Women of Wine Festival 

Debra Meiburg Master of Wine e regina del vino a Hong Kong celebra i successi delle donne in campo enologico  in occasione della Festa delle Donne 2017

di Donatella Cinelli Colombini, Toscana, Montalcino, Casato Prime Donne

Questo promette di essere un anno decisivo per il vino al femminile:  le Donne del Vino italiane iniziano le celebrazioni della Festa delle Donne  il 4 marzo, con 70 eventi in cantine, enoteche e ristoranti di tutta la nazione, mentre Debra Meiburg  chiude il percorso il 10 marzo a Hong Kong nel teatro della Camera di Commercio con un mega festival.

Il suo sarà il primo “Women of Wine Festival” e comprenderà un talk show di donne  al TOP, degustazioni e incontri in un clima festaiolo e mondano.  Celebrerà  le donne del vino più potenti selezionate da Debra  ma anche alcune  delle << most successful businesswomen, including entrepreneurs, trendsetters and industry leaders in other sectors away from wine>> donne che hanno più successo negli affari, che fanno tendenza, guidano industrie.  Come dire “le donne mostrano I muscoli!”

A loro disposizione vini e importatori al femminile perchè, oltre allo show ci sia anche business.  <<We are carefully selecting the right mix of speakers, wines and exhibitors to offer a total lifestyle, learning and inspirational experience, in which women can toast to the messages of gender equality and diversity of International Women’s Day in a stylish and fun setting>>  dice Debra, stiamo attentamente selezionando il giusto mix di relatori, vini e espositori  per offrire un’esperienza che insegni e stimoli, nella quale le donne trovino  il messaggio sull’uguaglianza e la diversità dei generi che vine dalla Festa delle Donne in uno stile elegante e divertente.…

Missione USA Violante ottobre 2014

I nuovi viaggi di Violante donna con la valigia

Sembra fragile ma è una forza. In un mese Washington, New York, Filadelfia, Denver, Minneapolis, 4 giorni a casa poi Hong Kong e Shanghai

I viaggi di Violante Gardini la Cinellicolombini Jr, hanno sempre una partenza avventurosa: per andare in USA le hanno soppresso il volo ma lei è riuscita ad arrivare comunque in tempo alla degustazione di Washington passando da Bruxelles. Per andare in Cina invece le si è rotta la frizione andando a Roma. Un viaggio fra rumori meccanici e spaventi. Quando è arrivata a Fiumicino era talmente sconvolta che il personale del check in si è impietosito e le ha dato un posto supercomodo in aereo.

I suoi messaggi dall’estero sono spassosi eccone uno <<ma quanto si cammina per vendere il vino, ho i piedi distrutti!…. Questa prima settimana di lavoro, rincorrendo aerei, taxi e soprattutto il tempo, è passata >> . Violante descrive una New York diversa dagli scorsi anni più bella e con più energia positiva. Le persone più fiduciose verso il futuro e con più voglia di spendere.
<<Tanta gente sovrappeso ma meno di prima. Forse la campagna di Michelle Obama su ginnastica e verdura ha fatto presa. Anche i McDonald’s sono di meno, ma dove sono spariti?>> <<Dicono che ci sono negozi BIO ovunque ma io non li ho visti, comunque tutto ciò che è organico piace>>.
<<Il Rosso di Montalcino ha un successo stratosferico, lo amano tutti e siamo riusciti a piazzarlo in 2/3 ristoranti anche al bicchiere.…

Romanée Conti

Romanée Conti nel mirino dei falsari

Gian Piero Staffa ci racconta dei vini falsi in vendita a Hong Kong, e il sito di Romanée Conti ci da le ultime notizie sui falsari in Europa. Roba da pazzi!

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini  

Ecco il racconto di Gian Piero Staffa sulle bottiglie di vino di lusso false <<si, la Cina ne e’ piena, le vendono anche in un negozio al confine con Hong Kong sotto gli occhi dei doganieri. Io ho comprato alcune bottiglie di Romanée Conti, Petrus e Penfolds Grange per prendere in giro i miei amici che si bevono le etichette invece del vino. Ma il vero pericolo sono vini di valore ( in termini di denaro) intermedio come per esempio un Brunello Biondi Santi 2007 che in Cina si trova a 50 euro, ovviamente falso. Un prezzo che non fa pensare subito ad una truffa fino a quando non lo si apre. Ma in alcuni casi, il bello ( o il brutto a seconda dei punti di vista) e’ che in bottiglie vendute a 50 euro ci mettono dentro del vino che non e’ nemmeno schifoso…>>

Ed infatti ecco cosa c’è scritto in questo momento nel sito di Romanèe Conti <<Nei giorni scorsi la stampa ha diffuso la notizia di un “grosso colpo” la polizia di molti Paesi europei ha scoperto la presenza di una banda di falsari di bottiglie Romanée Conti di annate recenti. Diverse persona sono state arrestate ma l’operazione non è conclusa e questo affare avrà sicuramente altri sviluppi>>

La celebre cantina francese è al fianco delle autorità ma appare costernata e preoccupata per la sua immagine e il suo mercato.…

Hong Kong

Violante, il nostro inviato vi scrive dalla Cina

[gplusone]

La nostra inviata Violante è stata a Hong Kong e poi ha proseguito per la Cina insieme ai corsisti O.I.V. e al responsabile del corso Dottor Bourqui. Un viaggio fra cultura e vino che li ha portati nei luoghi d’arte e nelle vigne. Ieri erano a Beijing

Hong Kong
Hong Kong

La giornata è andata bene, abbiamo incontrato qualche

importatore, alcuni grandi ed altri più piccoli visitando anche i loro wine bar. Tutte le società di importazione, posseggono anche delle cantine in Cina e quasi tutti producono dei vini. alcuni veramente terribili che comunque abbiamo assaggiato con interesse.

I vini italiani rappresentano una piccolissima parte del vino importato, la maggioranza delle bottiglie estere commercializzate in Cina viene da Bordeaux (perché il vino francese per loro è di Bordeaux e chiuso) oppure dal Cile.

Gli importatori possiedono quasi tutti una catena di negozi nelle città più importanti della Cina. Le città più importanti per commercializzare il vino italiano sono Pechino e Shangai.

Vi racconto qualche particolare della nostra serata nella capitaele cinese. Siamo andati a mangiare l’anatra laccata,

proprio buona. Dopo i miei compagni sono rimasti fuori a bere birra e io sono tornata all’ostello con Alice e Michele in apino, che avventura!  Il Dottor Bourqui era con noi e quindi noi ragazze ci siamo sentite in grado di vivere questa esperienza divertente! Io non sono rimasta con i miei compagni di corso maschi perchè non volevo bere birra e non sapevo come farlo capire ai camerieri << come glielo spiego a questi cinesi che voglio qualcos’altro?>>…

Cenerentola DOC Orcia 2016 & 2017 - Offerta - Donatella Cinelli Colombini

OFFERTA CENERENTOLA DOC ORCIA 2016 E 2017 IN ANTEPRIMA

12 bottiglie a casa vostra; le primissime bottiglie di Cenerentola DOC Orcia 2017 e le ultimissime di 2016. Lampada di Cenerentola per la cantine dei Wine lovers

 

Cenerentola DOC Orcia è un family wine che Donatella Cinelli Colombini produce nelle vigne e nella cantina della Fattoria del Colle nel sud della Toscana. Si tratta di un vino esclusivo prodotto in piccole selezioni.

È ottenuto con le uve di due vitigni toscani: Sangiovese e Foglia Tonda, quest’ultimo è molto raro. Era stato abbandonato un secolo fa e grazie a Donatella Cinelli Colombini, che vent’anni fa, ha iniziato di nuovo a coltivarlo, ora sta diventando di moda. Proprio il Foglia Tonda conferisce al vino Cenerentola un timbro potente e speziato che lo rende diverso da tutti gli altri vini.

12 bottiglie di Cenerentola Orcia Doc, sei della vendemmia 2016 e sei del 2017.
La prima annata è considerata una “maratoneta” adatta al lungo invecchiamento, la seconda è una “sprinter” che esprime il meglio di sé adesso e nei prossimi tre anni.

Cenerentola 2016 ha ottenuto ottimi giudizi dai più importanti critici del mondo: 91/100 da parte di Robert Parker Wine Advocate, 93/100 da Wine Spectator e James Suckling. E’ sold out – esaurita.
Cenerentola 2017 è appena uscita sul mercato ed è in anteprima per voi.

OFFERTA 12 BOTTIGLIE DI CENERENTOLA DOC ORCIA

Sei bottiglie di 2016 e sei bottiglie di 2017 in anteprima

 

PER I MEMBRI DEL CLUB DI DONATELLA

€ 285,00 invece che € 347,00 – eccezionalmente fino al 3 novembre
Il prezzo scontato comprende la spedizione gratuita in Italia oppure uno sconto di 20€ per la spedizione all’estero

PER CHI NON E’ ANCORA MEMBRO DEL CLUB DI DONATELLA

€ 315,00 anziché € 347,00 – eccezionalmente fino al 3 novembre
Il prezzo scontato comprende la spedizione gratuita in Italia oppure uno sconto di 20€ per la spedizione all’estero

 

LAMPADA DI CENERENTOLA CON ALL’INTERNO MAGNUM DI DOC ORCIA 2016

Lampada creata in plexiglass e legno delle botti di maturazione del vino in una serie di 20 esemplari.…

OFFERTA CLUB: BRUNELLO 2015 – 3 BICCHIERI GAMBERO ROSSO

12 bottiglie di Brunello 2015 premiato con TRE BICCHIERI dalla Guida dei Vini del Gambero Rosso, direttamente a casa vostra per pranzi e regali speciali

 

Siamo onorati di annunciarvi che il Brunello di Montalcino DOCG 2015 di Donatella Cinelli Colombini è stato premiato dalla guida Vini d’Italia 2021 del Gambero Rosso con i Tre Bicchieri. Questo vino ha eccellenti giudizi dalla principale critica del vino internazionale: 94/100 Wine Advocate Robert Parker, 94/100 Wine Spectator, 95/100 James Suckling.

 

OFFERTA 12 BOTTIGLIE DI BRUNELLO DI MONTALCINO DOCG 2015 “TRE BICCHIERI”

PER I MEMBRI DEL CLUB DI DONATELLA

2015 Brunello di Montalcino DOCG a €39,00 (prezzo a bottiglia) – comprando 11 bottiglie, riceverete una bottiglia omaggio

Spedizione omaggio in Italia, per chi acquista dall’estero è previsto uno sconto di 20,00 Euro

 

PER CHI NON E’ ANCORA MEMBRO DEL CLUB DI DONATELLA

2015 Brunello di Montalcino DOCG a €39,00 (prezzo a bottiglia)

Spedizione omaggio in Italia, per chi acquista dall’estero è previsto uno sconto di 20,00 Euro

 

SPEDIZIONE GRATIS IN ITALIA E SCONTATA ALL’ESTERO

Nel prezzo è compreso il costo di spedizione in Italia e uno sconto di 20,00 euro per chi acquista dall’estero.

La spedizione all’estero varia a seconda del Paese e verrà quantificata all’accettazione dell’ordine.

Abbiamo delle condizioni molto vantaggiose per le spedizioni negli Stati Uniti, Canada, Giappone, Singapore, Hong Kong e Australia.

 …

Offerta-Club-Donatella-Brunello-Orcia-Doc-Supertuscan-IGT

12 bottiglie di family wines toscani TOP a casa tua

Brunello, Supertuscan, Orcia Doc, IGT Toscana delle cantine di Donatella Cinelli Colombini. 12 bottiglie di family wines, vini prodotti in piccole serie per rendere eccezionali i tuoi pranzi e le tue cene

 

  • 3 Bottiglie di Brunello 2015 – 94/100 Wine Advocate Robert Parker, 94/100 Wine Spectator Grande vino rosso da bere con formaggi e carne arrosto oppure da conservare per una grande occasione fra moltissimi anni
  • 3 Bottiglie Supertuscan Il Drago e le 8 colombe 2016 – 93/100 Wine Advocate Robert Parker 93/100 Vinous Antonio Galloni – Vino rosso potente elegante e vellutato (Sangiovese, Merlot e Sagrantino) da gustare ora oppure fra 10 anni
  • 3 bottiglie Leone Rosso Doc Orcia 2018 BIO – 92/100 James Suckling – Vino rosso giovane potente e morbido fatto con uve Sangiovese e Merlot per piccole cene da wine lovers
  • 3 Bottiglie IGT Toscana bianco Sanchimento 2019 BIO – E’ una rarità, prodotto con uva Traminer in sole 2000 bottiglie vi sorprenderà per la sua ricchezza, eleganza e piacevolezza

OFFERTA 12 BOTTIGLIE DI FAMILY WINES

 

PER I MEMBRI DEL CLUB DI DONATELLA

Prezzo speciale di 185,00 Euro (invece che 232,00 Euro)

PER CHI NON E’ ANCORA MEMBRO DEL CLUB DI DONATELLA

Prezzo speciale di 212,00 Euro (invece che 232,00 Euro)

 

SPEDIZIONE GRATIS IN ITALIA E SCONTATA ALL’ESTERO

Nel prezzo è compreso il costo di spedizione in Italia e uno sconto di 20,00 euro per chi acquista dall’estero.
La spedizione all’estero varia a seconda del Paese e verrà quantificata all’accettazione dell’ordine.…

Migliori-ristoranti-italiani-nel-mondo-Giovanni-Passerinie

I migliori ristoranti italiani nel mondo

Vince Passerini a Parigi, secondo posto per Don Alfonso di Toronto e medaglia di bronzo per il locale di Tokyo di Heinz Beck

Di Donatella Cinelli Colombini

La classifica 50 Top Italy con i migliori 50 ristoranti italiani del mondo è consultabile on line ed è il primo risultato del progetto LSDM (storico congresso di cucina d’autore che si svolge a Paestum) curato dai suoi ideatori, Barbara Guerra e Albert Sapere, insieme al giornalista Luciano Pignataro.

50 TOP ITALY MIGLIORI RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

L’ iniziativa accende i riflettori sull’alta cucina italiana che mette in evidenza la sua diffusione planetaria: infatti l’Europa primeggia

con 18 insegne, ma non domina la scena. Il Nord America ha 16 ristoranti nella classifica, (14 negli Stati Uniti e 2 in Canada) l’Asia 10, l’America latina 3 l’Australia 1, come 1 in Sud Africa e 1 negli Emirati Arabi.

NEW YORK: LA CITTA’ DOVE IL CIBO ITALIANO E’ PIU’ BUONO

La città alfiere del Made in Italy in cucina è New York con 7 ristoranti seguita da Parigi e Hong Kong con 4 e Ginevra con 3. Ecco che le grandi metropoli del mondo, con le loro enormi ricchezze e il loro stile di vita sofisticato, diventano il palcoscenico migliore per talenti come il romano Giovanni Passerini nel suo locale di Parigi, il campano Alfonso Iaccarino  a Toronto, oppure Mario Gamba (quarto fra i migliori ristoranti italiani del mondo) con il suo Acquarello di Monaco di Baviera oppure Umberto Bombana, arrivato quinto con 8 ½ Bombana di Hong Kong.…

wine searcher

Wine Searcher: l’interesse per i vino italiano cresce

Nel 2018 gli utenti di Wine Searcher il portale con i prezzi di tutti i vini del mondo hanno fanno 151 milioni di ricerche: 47% sui francesi e 16% sui nostri

Di Donatella Cinelli Colombini

Wine searcher è un enorme portale, con base in Nuova Zelanda, in cui confluiscono le proposte commerciali delle migliori rivendite di tutto il mondo. Chi vuole sapere il prezzo di un determinato vino può cercarlo con il nome oppure fotografare la sua etichetta. Riceverà la lista dei prezzi e dei negozi in cui comprarlo compreso l’e-commerce. Poi potrà dare il suo giudizio.

WINE SEARCHER IL PORTALE CON I PREZZI DI TUTTI I VINI DEL MONDO

I Paesi dove Wine Searcher viene maggiormente usato sono Stati Uniti, dal quale provengono un terzo di tutte le ricerche dei vini, seguito da Regno Unito, Cina, Hong Kong e Francia. Da notare che il 30% della popolazione statunitense non beve vino mentre l’utilizzo di Wine Searcher corrisponde al 10% degli abitanti evidenziando una fortissima abitudine a verificare on line le proprie scelte oppure, come ipotizza Don Kavanagh, un rapporto quasi ossessivo con il vino. Un atteggiamento che riguarda soprattutto la Gran Bretagna dove gli utenti sono il 12% della popolazione totale. Tuttavia i più entusiasti di Wine-Searcher sono

gli abitanti di Hong Kong. Infatti gli abitanti dell’ex colonia britannica sono solo 7,5 milioni di persone e le ricerche sul portale enoico neozelandese equivalgono all’80% di essi.

L’INTERESSE PER I VINI ITALIANI DA PARTE DEGLI UTENTI WINE SEARCHER

Nel 2019 le ricerche dei vini italiani, nell’immenso data base di Wine Searcher, sono cresciute toccando il 16,4% mentre, purtroppo, l’offerta dei rivenditori non ha preso la scia ed è ancora il 16,9% del totale dei vini listati.…

BuyFood-Siena-2019-B2B-dell'agroalimentare-tipico-toscano

Toscana, BuyFood per gli artigiani del food e il turismo

Buyer esteri per le piccole imprese dell’agroalimentare come con le cantine? La Toscana ci prova con BuyFood ma per l’export deve usare anche il turismo

Di Donatella Cinelli Colombini

BUYFOOD PER INTERNAZIONALIZZARE GLI ARTIGIANI DEL GUSTO

Due appuntamenti in sequenza per immaginare scenari possibili anzi auspicabili.
Le aziende agroalimentari che producono artigianalmente in modo tradizionale, faticano a sopravvivere vendendo solo nel mercato italiano dove la crisi vuota le tasche di consumatori. Per guardare avanti bisogna esportare, ma alle piccole imprese mancano i soldi per fare il gran passo. Non hanno le risorse economiche per andare alle fiere oppure ai B2B esteri dove è possibile trovare importatori, inoltre non riescono a costruirsi il brand prestigioso che serve per posizionarsi nel segmento commerciale più alto. Insomma rimangono in ombra nel “mondo di mezzo” dove le prospettive di sopravvivenza sono sempre di meno.

La Regione Toscana, prova a internazionalizzarle con il workshop BuyFood che replica nell’agroalimentare quello che è stato fatto nel vino. Un B2B con incontri programmati fra chi produce e i buyer internazionali.

L’AGROALIMENTARE TIPICO TOSCANO GENERA 3,5 MILIARDI

Vediamo i dati di scenario: l’agroalimentare toscano impiega 74.000 occupati, il 4,4% del totale Regionale, di cui 13.390 nella filiera dei prodotti certificati. I prodotti più rilevanti sono l’olio (18 milioni di euro), le carni fresche (12,4 milioni di Euro) e i salumi (50 milioni di Euro).
Tante piccole imprese che hanno bisogno di mercati e buyer a caccia di eccellenze qualitative.…

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi