Vivi e rivivi l’esperienza in Fattoria

Villa Archi Toscana sala del camino

Colle piccino diventa villa Archi

Il podere Colle Piccino, dopo 500 anni, diventa Villa Archi: mobili d’antiquariato, aria condizionata nelle camere, TV, WiFi… ma la stessa autenticità di sempre

Villa Archi Toscana sala del camino

Villa Archi Toscana sala del camino

Di Donatella Cinelli Colombini

178 m2 compreso un grande salone, cucina, 7 camere e 5 bagni. Fuori ci sono piscina privata, zona pic nic sotto querce centenarie e un parco che finisce nei vigneti. All’interno alcuni pavimenti sono quelli autentici dell’epoca contadina, così come l’enorme camino con nicchie laterali e il loggiato, ma lo stile è raffinato e allegro con mobili d’antiquariato, tappezzerie coordinate e quadri d’autore.
Questa è il podere più grande della Fattoria del Colle dopo il restyling che lo trasforma in un luogo di vacanza per veri amanti della Toscana. A 200 metri, nel

piscina villa Archi Toscana

piscina villa Archi Toscana

borgo della fattoria ci sono il ristorante, la zona benessere, la cantina per le degustazioni, la scuola di cucina e tre parchi attrezzati. A tutto questo si aggiungono le animazioni quotidiane che arricchiscono il soggiorno con piccole lezioni di cucina, degustazioni e visite guidate anche nella cantina del Casato Prime Donne a Montalcino.

Olio extravergine Fattoria del Colle Toscana

Ricetta del “pan lavato” Fatti e misfatti dell’extravergine

Dopo un anno di assenza torna l’olio nuovo ma continua un pericoloso arrivo di olio estero. Pan lavato ricetta montalcinese per gustare l’extravergine
Di Donatella Cinelli Colombini

Olio extravergine Fattoria del Colle Toscana

Olio extravergine Fattoria del Colle Toscana

Due anni fa il blog New York Times pubblicò, una serie di vignette intitolate “The extra virgin suicide”, in Italia tutti gridarono allo scandalo ma in realtà la denuncia conteneva elementi di verità così come il libro “Extraverginità. Il sublime e scandaloso mondo dell’olio di oliva” di Tom Mueller perché le navi cisterna contenenti olio tunisino o spagnolo arrivano davvero nei porti italiani. Purtroppo l’importazione d’olio ha avuto un’ulteriore impennata nel 2015 a causa della perdita del raccolto italiano dello scorso anno.
Un articolo del quotidiano “Il Tirreno” del marzo scorso raccontava la triste realtà al porto di Livorno. Stefano Bartoli racconta cosa ha visto << apre il portello dell’autobotte mostrando una poltiglia giallastra e semicongelata il cui aspetto è ben poco rassicurante: sembra tinta, o mastice, il colore è quello della senape. In realtà è olio: un impasto dal quale

Olio extravergine 2015 Fattoria del Colle Toscana

Olio extravergine 2015 Fattoria del Colle Toscana

usciranno fuori bottiglie di extravergine che finiranno sugli scaffali dei supermercati di tutta Italia>>. Una vera invasione di olio straniero << visto che, come conferma Rocco Burdo, direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, si parla di acquisti per 632 milioni di chili nell’Unione Europea, con il novanta per cento di provenienza spagnola, almeno ufficialmente. Al di fuori dell’Ue, sempre secondo i dati che ci ha fornito l’Agenzia, dominano invece paesi come la Tunisia, il Marocco, il Perù e il Cile>>.
E pensare che l’extravergine italiano avrebbe il vento favorevole se mettesse dei paletti a garantire la tracciabilità, perché i consumi e le richieste crescono ovunque e persino in nazioni tradizionalmente amanti del burro come la Gran Bretagna. Nella terra di Sua Maestà Elisabetta II l’extravergine aumenta le vendite più di ogni altro grasso e detiene già il 16% del suo segmento di mercato.

Ricerca tartufo con turisti Fattoria del Colle

Il tartufo bianco e il vino sono davvero afrodisiaci

SanGiovanni d’Asso è il 3° più piccolo comune della Toscana e un big mondiale del tartufo bianco. Festa del tartufo e del vino Orcia all’insegna della seduzione

Ricerca tartufo con turisti Fattoria del Colle

Ricerca tartufo con turisti Fattoria del Colle

Di Donatella Cinelli Colombini

30° edizione della Mostra Mercato del Tartufo bianco delle Crete senesi (7-8, 14-15 novembre 2015) con stand di gastronomia tipica e artigianato tradizionale intorno al castello medioevale di San Giovanni d’Asso. Dentro i possenti muri del maniero medioevale c’è il Museo del tartufo e avviene il mercatino delle profumatissime trifole. Nel territorio intorno ci sono le riserve tartufigene, angoli intatti di natura in cui i cani trovano le “pepite” bianche. 5 sono nella mia Fattoria del Colle e la domenica mattina ( anche nel week end 14-15 novembre e 5-8 dicembre) organizziamo la caccia al tartufo per i turisti che soggiornano da noi. Vi aspettiamo!

Walter Speller San Giovanni d'Asso

Walter Speller San Giovanni d’Asso

Inaugurazione della Mostra con il Sindaco Fabio Braconi e il Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani che ricorda la nascita del comune nel 1777 da un “motuproprio” del granduca di Toscana Pietro Leopoldo. Egli istituì le 300 comunità che poi divennero gli odierni 279 comuni toscani, straordinari giacimenti culturali ed enogastronomici. Il borgo di San Giovanni d’Asso si unì a Lucignano e Monterongriffoli a cui poi fu aggiunto lo splendido borgo di Montisi.

Violante e moda

E’ nata una stella? Ma è Violante che fa l’attrice

Meno di due minuti per scoprire un autentico talento cinematografico: Violante Gardini, espressiva, divertente, autoironica …  e per fortuna muta


Di Donatella Cinelli Colombini

Il video inizia a passo di corsa con sequenze brevissime in luoghi diversi, botti, vigne, sale … Violante cammina sorride, fa l’occhiolino … dialoga con chi la guarda, ammicca anche

Violante e moda

Violante e moda

IMG_6999con qualche smorfietta. Vi fa scoprire il Casato Prime Donne di Montalcino e la Fattoria del Colle nel sud della Toscana.  Trasmette vitalità e entusiasmo, sa ridere e far ridere compreso il finale a sorpresa, sorpresa specialmente per lei.

Un condensato dove c’è proprio tutto: le due cantine, le vigne di Brunello e di Orcia, gli appartamenti per agriturismo e la camera del Granduca di Toscana, ci sono piscine, centro benessere, ristorante, parchi, sale storiche, il cane Felix … Tutto vero, così com’è nella realtà, ma con un tocco di giovinezza che rende trendy una campagna centenaria.

raccolta olive Fattoria del Colle

Il meraviglioso olio “novo” della Fattoria del Colle

Qualche consiglio per riconoscere l’olio di buona qualità e delle notizie sui miei extravergine 2015, mono cultivar di olive moraiolo e correggiolo e miste

raccolta olive Fattoria del Colle

raccolta olive Fattoria del Colle

Di Donatella Cinelli Colombini

Il TERRITORIO DI TREQUANDA E LA SUA GRANDE VOCAZIONE PER L’OLIO
Il 50% della qualità dell’olio dipende dal “terroir”, il 25% dalle cultivar degli olivi e dai metodi di raccolta, il restante 25% è merito del frantoio. La Fattoria del Colle è in una delle zone migliori della Toscana per l’extravergine. Una piccola area dove gli olivi trovano un habitat ideale per il terreno di sabbie marine, il clima ventilato, arido e fresco. Il risultato è straordinario per qualità e anche per naturalezza, dato che non sono mai stati usati pesticidi. Non ce n’è bisogno, Trequanda, dove si trova la fattoria, è abbastanza a Nord, lontana dal mare e con un’altitudine sufficiente ( 404 m) per non avere la mosca olearia, quella che depone le uova nelle olive rovinandole senza scampo. Alla Fattoria del Colle l’orribile insetto è arrivato due volte in un secolo e purtroppo proprio lo scorso anno. Un disastro che ci ha colto impreparati e abbiamo perso il raccolto. Nel 2015 fortunatamente il fenomeno non

bruschetta con olio nuovo Fattoria del Colle

bruschetta con olio nuovo Fattoria del Colle

si è ripetuto ma, per precauzione, sugli olivi sono stati appese eco trappole sessuali per le mosche. Se fossero arrivate le avremmo catturate ma non ce n’è stato bisogno. Le olive 2015 sono ben formate con polpa consistente e dura.
LA RACCOLTA DELLE OLIVE ALLA FATTORIA DEL COLLE
Niente mosca e una splendida qualità di olive nei sei ettari di oliveto della fattoria. La raccolta è già iniziata con leggero anticipo per evitare che le temperature miti dell’autunno 2015 compromettano la qualità del raccolto.

il-tartufaio

Ponte dell’Immacolata con 7 esperienze indimenticabili

4-8 dicembre un weekend lungo per l’Immacolata durante il quale fare il bagno nel vino, cercare il tartufo … nella campagna più bella del mondo

il-tartufaio

il-tartufaio

Fattoria del Colle Trequanda SI. Un ponte che inizia venerdì 4 dicembre e finisce martedì 8 per golosi e amanti della Toscana vera: 7 esperienze del vino dove ognuno sarà protagonista e, divertendosi, imparerà moltissime cose sul grande vino, il tartufo, l’olio extravergine, il formaggio e persino i dolci tipici senesi. Un programma che rigenera con prelibatezze quali i tagliolini con tartufo bianco e il Brunello
• Per gli amanti dell’arte nel raggio di 40 km ci sono Cortona, Montepulciano, Pienza, San Quirico e Bagno Vignoni, Montalcino, Buonconvento e poco più distante Siena e Perugia.

Agriturismo Fattoria del Colle

Agriturismo Fattoria del Colle

• Per gli shopping “risparmiosi” ci sono gli outlet di Val di Chiana e il mitico The Mall con le grandi firme.
• Per i trekkers in cerca di panorami mozzafiato e di percorsi storici. La Fattoria del Colle è vicino a uno dei più bei tratti della Via Francigena.
• Per gli appassionati di wellness la Fattoria del Colle ha un luogo esclusivo e piacevole con vasca per vinoterapia, saletta per il massaggio di coppia, sauna, bagno turco, jacuzzi con cromoterapia, docce emozionali … e terapisti di grandissima esperienza e professionalità che sapranno trasformare l’esperienza wellness in un momento indimenticabile e rigenerante. (da prenotare e concordare con la reception scegliendo fra le nostre proposte )

LA FATTORIA DEL COLLE è un piccolo borgo miracolosamente conservato per secoli, le case contadine, la villa cinquecentesca e la cappella con intorno vigneti, oliveti e un panorama meraviglioso. Nelle case degli antichi contadini ci sono ora camere, appartamenti e ville per i turisti. I mobili sono autentici, di piccolo antiquariato e l’impressione è quella di arrivare nella casa dei “nonni toscani”.

Matrimonio in cantina Toscana Fattoria del Colle

Wine wedding matrimonio di vino alla Fattoria del Colle

Novità 2015: addio al nubilato con profumi da seduzione e cucina erotica. Per gli sposi una luna di miele da sogno con la vinoterapia e la camera del Granduca

Matrimonio alla Fattoria del Colle aperitivo

Matrimonio alla Fattoria del Colle aperitivo

Alla Fattoria del Colle, in Toscana, la festa di matrimonio comincia prima e finisce dopo: prima con la sposa e le sue amiche nel magico mondo dei profumi d’autore e della cucina afrodisiaca. Dopo con una luna di miele nella camera costruita per il Granduca di Toscana e la sua amante Isabella e poi nella zona benessere con la vinoterapia e il massaggio di coppia.
Al centro della festa la cerimonia e il banchetto di nozze (aperitivo, banchetto e taglio della torta) con il ballo finale. Una giornata da sogno che ogni coppia decide seguendo il suo cuore perché sia un evento unico e diverso da ogni altro. La Fattoria del Colle è

Matrimonio in fattoria del Colle, pranzo

Wedding in Tuscany fattoria del Colle, pranzo

un piccolo borgo autentico circondato da vigneti e uliveti. I grandi spazi permettono agli sposi di scegliere fra numerose location ogni momento della festa. Da quest’anno la fattoria è attrezzata con due nuovi tendoni per scongiurare ogni inconveniente legato al maltempo ( da pagare e concordare a parte).
Al centro di tutto i grandi vini delle cantine Casato Prime Donne a Montalcino e Fattoria del Colle di Trequanda: Brunello, Chianti superiore e Orcia Doc. La villa cinquecentesca, il boschetto e i parchi con le piscine, il ristorante e la sua terrazza panoramica, gli appartamenti arredati con mobili antichi (101 posti letto) …. sono una cornice autentica che conferisce al matrimonio solennità e intimità, raffinatezza e semplicità.
Nella Cappella di San Clemente, nei punti panoramici e presso il tabernacolo del boschetto è possibile allestire una cerimonia nuziale molto suggestiva con altare, musica e sedie per gli invitati (da concordare). 

ricerca tartufo bianco

TARTUFO amore mio! Un weekend per gustarlo

Tre week end 31/10 -2/11 e 7-8 / 14-15 novembre per mangiare, comprare, cercare, cucinare il tartufo bianco nella campagna più bella del mondo

Nel Sud della Toscana dove i panorami sono più belli e nascono il Brunello, il

ricerca tartufo bianco

ricerca tartufo bianco

Chianti e la Doc Orcia ci sono anche tartufi bianchi di eccezionale qualità e aromaticità, quelli delle Crete senesi. Il cuore del territorio è il castello di San Giovanni d’Asso con il museo del prezioso tubero e il borgo dove, ogni anno, avviene una mostra mercato del tartufo bianco delle Crete senesi.

Tartufo bianco tagliolini alla toscana Fattoria del Colle

Tartufo bianco tagliolini alla toscana Fattoria del Colle

La Fattoria del Colle dista 15 km e comprende 5 riserve tartufigene dove i turisti assisteranno alla ricerca delle “patate d’oro”. Ci sarà poi una piccola lezione di cucina e dei pranzi a base di tartufo. Una full immersion dedicata all’aromatico tubero dalle misteriose virtù afrodisiache che, volendo, può completarsi con la vinoterapia, il massaggio di coppia e il bagno nella jacuzzi panoramica sorseggiando un bicchiere di grandissimo vino rosso.
Gli appartamenti e le camere (con mobili d’antiquariato e confort moderno), sono nel piccolo borgo della Fattoria del Colle intorno alla villa cinquecentesca e alla cantina. A pochi chilometri Pienza, Montepulciano, Montalcino, San Quirico d’Orcia, Bagno Vignoni e tante altre bellissime piccole città d’arte.

Euro 204 a persona. E’ possibile prenotare solo un giorno del programma chiedendo la nuova quotazione al momento della prenotazione www.cinellicolombini.it

Sveva Casati Modignani alla Fattoria del Colle

Sveva Casati Modignani vista da vicino

2 giorni in Toscana con la scrittrice italiana per amata. Sveva Casati Modignani ovvero Bice Cairati Cantaroni è una donna deliziosa e ve la racconto 

Sveva Casati Modignani alla Fattoria del Colle

Sveva Casati Modignani alla Fattoria del Colle

Di Donatella Cinelli Colombini

Deliziosa: non è un aggettivo generico ma una descrizione precisa: è discreto ma piacevole il suo profumo, è musicale la sua voce, si veste con sobrietà ed eleganza, sono affascinanti i racconti con cui arricchisce la sua conversazione …. Insomma trascorrere del tempo con lei è estremamente appagante. Allo stesso tempo è “incazzosa” e se ha davanti un pubblico poco silenzioso e poco attento sbriga la presentazione dei suoi libri in pochi in pochi minuti senza sorridere neanche una volta. Insomma è gentile ma non fintamente gentile, quello che pensa te lo fa capire.

Sveva Casati Modignani

Sveva Casati Modignani

Ecco perché ero così preoccupata nell’invitarla alla Fattoria del Colle che è un luogo autentico, non un posto lussuoso come i cinque stelle e le ville in cui viene spesso ospitata. Invece le sia piaciuto … si è sentita a casa.

Non avevo mai incontrato Sveva Casati Modignani, di persona. Il nostro legame passa attraverso la comune amica Anna Pesenti Buonassisi che trova sempre il modo di farmi avere i suoi libri con dedica appena escono. E’ lei che ha spinto Sveva a scrivere un romanzo sul mondo del vino e soprattutto sulle Donne del vino.

Ferragamo Museo Palazzo Spini Feroni a Firenze

Anniversario al Museo Ferragamo

Io e Carlo abbiamo festeggiato i 37 anni di matrimonio andando, con il Lions Club Firenze Brunelleschi  al Museo Ferragamo a Palazzo Spini Feroni 

Ferragamo Museo Palazzo Spini Feroni a Firenze

Ferragamo Museo Palazzo Spini Feroni a Firenze

Di Donatella Cinelli Colombini

Serata tiepida d’autunno e Firenze che sembra un film sulla bellezza. Io e mio marito Carlo Gardini ci sentiamo in una cornice incantata che celebra, in segreto, un amore che dura dalla nostra giovinezza. Firenze non è la nostra città, siamo di Siena tutti e due, ma siamo vissuti tantissimo qui e abbiamo la casa di Boccaccio dove furono ambientate il Ninfale Fiesolano e una sosta delle novellatrici del Decamerone.

Lions Club Firenze Brunelleschi Giovanni Cipriani e Marco Boscherini

Lions Club Firenze Brunelleschi Giovanni Cipriani e Marco Boscherini

Questo è dunque un giorno speciale in un luogo speciale e con amici speciali.
Prima tappa il Museo Ferragamo nel sotterraneo di Palazzo Spini Feroni un enorme edificio costruito nel 1289 e usato come comune di Firenze negli anni (1865-1870) in cui la città fu capitale d’Italia. Ci accoglie l’esposizione di 1.000 scarpe da sera, tutte diverse, tutte fatte a mano, tutte elegantissime e con tacchi molto alti. Fanno parte della collezione di 15.000 scarpe di Salvatore Ferragamo, il geniale artigiano che in California divenne il “calzolaio” delle grandi star del cinema e poi affermò, a livello mondiale, la sua ditta di scarpe di lusso.

vini bianchi preferiti dalle donne

Vino bianco in crescita grazie alle donne

Boom di consumi di bevande nella calda estate 2015; crescono i volumi ma soprattutto i valori dimostrando nuova voglia di vivere e forse la fine dell’austerity

vini bianchi preferiti dalle donne

vini bianchi preferiti dalle donne

Di Donatella Cinelli Colombini Brunello Casato Prime Donne

I rilevamenti Formind segnano i migliori risultati dal 2009 quasi ovunque ma soprattutto nelle zone alpine, Umbria e Lazio.
Il caldo e un maggiore protagonismo femminile nella scelta dei vini porta avanti i bianchi. Essi superano, con il 53,5% delle preferenze, di oltre dieci lunghezze percentuali i vini rossi, mentre, sorprendentemente le bollicine si fermano al 4,4%. I dati del panel Crest The NPD Group Inc confermano un trend

vinobianco

vinobianco

complessivamente positivo, <<mercato della ristorazione in ripresa le famiglie tornano a mangiare fuori>>.
Un sentiment nuovo, più fiducioso verso il futuro, ma anche stanco di un lungo periodo di rinunce, spinge di nuovo a mangiare fuori casa e a godere di quella convivialità che è tipica dello stile di vita italiano. I clienti sono tuttavia << profondamente cambiati negli stili di vita e nelle abitudini di consumo>> dicono gli analisti del panel Crest <<sono diventati sempre più selettivi nelle loro scelte trovando luoghi e modi alternativi al soddisfacimento dei propri bisogni>>.

Bagno Vignoni l'Orto delle terme

Valdorcia in 3 giorni, per scoprirla e per riscoprirla

Oggi e domani vi propongo 2 itinerari per chi viene per la prima volta e per chi conosce il nostro territorio. Spero di darvi nuove emozioni e qualche scoperta

Bagno Vignoni l'Orto delle terme

Bagno Vignoni l’Orto delle terme

Di Donatella Cinelli Colombini
Farsi guidare da chi è del posto è completamente diverso rispetto all’itinerario scritto dai professionisti perché la scelta dei luoghi è legata alle emozioni più che alla loro importanza storica o artistica per questo il percorso risulta più intimo e forse persino più divertente.
Alla zona compresa nel Parco della Valdorcia -Castiglion d’Orcia, Montalcino, Pienza, Radicofani e San Quirico – unisco la Val d’Asso che storicamente apparteneva allo stesso territorio, è la terra del tartufo bianco e delle terrecotte San Giovanni d’Asso e Trequanda dove c’è la Fattoria del Colle .

Piviale Pio II

Piviale Pio II

L’itinerario di oggi è per quelli che sono stati in questa zona tante ma proprio tante volte. Evita dunque i luoghi cult quelli più famosi.
Servono macchina fotografica e scarpe comode perché vi farò camminare parecchio. Ovviamente vi consiglio di dormire alla Fattoria del Colle in un’atmosfera di autenticità e storia che ben si lega all’avventura che vado a proporvi.

vendemmia sangiovese Fattoria del Colle

Venite a vivere la vendemmia con 6 esperienze di vino

Weekend della vendemmia e della svinatura  26-27 settembre 3-4 / 10-11 ottobre alla Fattoria del Colle, nel sud del Chianti e al Casato Prime Donne a Montalcino

vendemmia sangiovese Fattoria del Colle

vendemmia sangiovese Fattoria del Colle

Due giorni ricchi di attività nel vigneto, in cantina, a tavola e se vorrai anche nella zona wellness per coccolarti con la vinoterapia e i massaggi di coppia.

Nella cornice di una fattoria cinquecentesca scoprirai come nascono i grandi vini rossi toscani come il Brunello e il Chianti.
14 assaggi da non perdere che comprendono la degustazione enomusicale itinerante al Casato Prime Donne di Montalcino, la realizzazione del tuo supertuscan usando 3 vini in purezza come un vero enologo e per finire la degustazione verticale di Brunello, dal barrel tasting alla Riserva 2008.
E poi ancora due cene degustazione all’Osteria di Donatella e la possibilità di prenotare i tuoi trattamenti di Vinoterapia all’interno dell’area benessere della Fattoria

Per concludere il viaggio suggeriamo di visitare le città d’arte vicine come Pienza e

Benessere Fattoria del Colle mini piscina idromassaggio

Benessere Fattoria del Colle mini piscina idromassaggio

Montepulciano, Cortona e San Quirico-Bagno Vignoni.

Euro 238,00 a persona ed include:

– Due notti in camera doppia con bagno alla Fattoria del Colle di Trequanda
– Due colazione a buffet
– Due cene degustazione a base di 4 portate di cucina tradizionale e creativa

Premio Casato prime Donne 2015 riunione della giuria

Montalcino terra ospitale, premia il Sindaco di Lampedusa

13 settembre, a Montalcino dove l’agricoltura è solidale e il 15% della popolazione è straniera, il Premio Casato Prime Donne 2015 a Giusi Nicolini

Premio Casato prime Donne 2015 riunione della giuria

Premio Casato prime Donne 2015 riunione della giuria

Per i giornalismo e la fotografia premiati Costanza Calabrese del TG5, Walter Speller di www.jancisrobinson.com, Gaia Pianigiani del New York Times e Francesco Caso.

La vincitrice del premio Casato Prime Donne 2015, Giuseppina Maria Nicolini di Lampedusa e Linosa. Una donna in prima linea sul fronte del primo soccorso ai profughi che dice << l’emergenza si supera solo perseguendo la strada dell’accoglienza diffusa>>. A lei un premio che viene dal mondo del vino e da Montalcino, territorio che si è rivelato particolarmente

Giusi Nicolini Sindaco di Lampedusa e Linosa

Giusi Nicolini Sindaco di Lampedusa e Linosa

capace di integrazione con il 15% di stranieri sull’intera popolazione, un dato superiore alla media nazionale (8,1%) e a quello dei comuni del vino toscano, dove la percentuale degli immigrati scende al 12%. Ecco che dal settore agroalimentare, forse quello più in salute di tutta l’economia italiana con i suoi 34,4 miliardi di export nel 2014, potrebbe arrivare una risposta al bisogno di accoglienza e di integrazione.
I premi delle sezioni giornalistiche del Casato Prime Donne sono stati assegnati a chi si è particolarmente distinto nella divulgazione del territorio del Brunello. Personalità diverse ma tutte di altissimo livello: Costanza Calabrese caporedattore del TG5 che ha illustrato l’economia del Brunello, Walter Speller di www.jancisrobinson.com che invece ha degustato il Brunello 2010 per i wine lover britannici e Gaia Pianigiani del New York Times che ha raccontato di quando Montalcino era una terra di emigrazione anziché di immigrazione come oggi. Infine la foto migliore dei territori del Brunello e dell’Orcia Doc di Francesco Caso scelta dalla giuria popolare che ha votato on line.

Header-Ballooningintuscany

Valdorcia in 3 giorni ecco il tour classico

I luoghi più famosi e fotografati della Valdorcia e dell’area dove nascono i tartufi bianchi e l’olio extravergine migliore, 3 giorni di golosità e capolavori

Header-Ballooningintuscany

Header-Ballooningintuscany

Di Donatella Cinelli Colombini
Quello che devono assolutamente vedere, assaggiare, comprare i visitatori che arrivano per la prima volta nella nostra magica terra di Valdorcia e Val d’Asso

MONTALCINO
LA Fortezza trecentesca domina le case e il territorio del Brunello. Indispensabile la passeggiata sui camminamenti (9-18) per godere il panorama mentre l’enoteca all’interno offre il Brunello di tutte le cantine e permette degustazioni comparative.

Montalcino Fortezza

Montalcino Fortezza

Nel centro storico medioevale da vedere il Palazzo pubblico costruito alla fine del Duecento con , sul muro esterno, le mattonelle artistiche che riportano le stelle di ogni annata di Brunello dal 1992. Il Museo (9-13/14-16) contiene una bella collezione di statue linee policromate e la Bibbia Atlantica finemente miniata nel Trecento.
A 5 km da Montalcino Abbazia di Sant’Antimo gioiello del romanico toscano costruito in onice, pietra alabastrina locale. Le sue forme armoniose e austere spingono alla spiritualità e alla preghiera.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi