GLI INNOVATORI DEL VINO ITALIANO 2

Elena-Fucci-Titolo

GLI INNOVATORI DEL VINO ITALIANO 2

CONTINUA LA PRESENTAZIONE DEGLI UOMINI E DELLE DONNE CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA DEL VINO ITALIANO: PRODUTTORI, GIORNALISTI, ENOLOGI, STUDIOSI E NON SOLO

di Donatella Cinelli Colombini #winedestination

Marco Caprai Sagrantino

Gli innovatori del vino italiano Marco Caprai Sagrantino

 

Le persone che “hanno fatto la differenza” nel vino italiano vengono presentate qui con dei ritratti di poche righe, spesso con testimonianze dirette. E’ una lista estemporanea senza la pretesa di essere esaustiva. Inoltre, non è una graduatoria con i più importanti prima e poi via via quelli che hanno dato un contributo minore. Non c’è un piano studiato a tavolino.
L’elenco viene dal cuore ed ha bisogno del contributo di chi legge per arrivare a 100 nomi. Per questo mi aspetto di ricevere suggerimenti e consigli donatella@cinellicolombini.it. Nonostante conosca un’infinità di persone, ho grosse lacune.
L’obiettivo che mi prefiggo, con questa carrellata di personaggi, è infondere fiducia nei giovani e fornire loro degli esempi che ispirino coraggio, impegno, senso di responsabilità verso gli altri, gioia nel fare cose buone e utili.

MARCO CAPRAI E IL SAGRANTINO DI MONTEFALCO

 

Mi ricordo una sera di tanti anni fa, alle Gaite, festa medioevale che si svolge a Foligno che comprende delle cene all’aperto. Io e Arnaldo Caprai avevamo bevuto troppo e

Wine-Manager-Renzo-Cotarella-con-Piero-Antinori

Innovatori del vino italiano Piero-Antinori

ci raccontammo cose molto private.

Lui mi dette una delle lezioni più importanti per un imprenditore <<se non hai il coraggio di fare il passo più lungo della gamba non ce la puoi fare>> e io gli promisi che, nei limiti delle mie possibilità, avrei aiutato Marco. Marco Caprai è uno dei produttori di vino più geniali e capaci della sua generazione ma ha un difetto: è litigioso. Ha letteralmente reinventato il Sagrantino coinvolgendo il Professor Leonardo Valenti e facendo conoscere al mondo un vino con caratteri distintivi e potenti. Ha un cuore grande. L’ho incontrato a New York, mentre suo fratello era convalescente, ed ho visto con quanto affetto era vicino alla famiglia. Con gli amici fa lo stesso ma non sa mediare.

ELENA FUCCI LA DONNA DEL VULTURE

E’ una delle migliori amiche di mia figlia Violante e, come lei, ha un carattere esplosivo. I suoi genitori volevano vendere il vigneto del nonno -6 ettari di Aglianico a Barile a 600 metri di altitudine – perché lei intendeva iscriversi a ingegneria e quindi il vigneto sarebbe stato abbandonato. A quel punto la svolta: Elena Fucci va a Pisa si laurea in viticultura e enologia poi torna a casa e crea dei vini meravigliosi dal vigneto di nonno Generoso. Poi, insieme al marito Andrea, crea una cantina con criteri di assoluta sostenibilità ambientale. Ora la sta allargando. Il suo capolavoro è la realizzazione di una rete commerciale e una reputazione di eccellenza per il suo buonissimo “Titolo” Aglianico del Vulture . Premi su premi, viaggi, pranzi, interviste, selfie con ritmo frenetico.

MARIA GRAZIA LUNGAROTTI LA DEA DI TORGIANO

Maria-Grazia-Lungarotti

innovatori del vino italiano – Maria-Grazia-Lungarotti

Da giovane era una donna coltissima e bellissima. Si narra che il suo arrivo a Torgiano, al fianco del marito Giorgio Lungarotti, fece sensazione. Lei era vedova con due figli e lui era un uomo intelligente, bello, ricco e ambizioso. Insieme trasformarono Torgiano in una star dell’enologia mondiale. Innovatori in tutto: crearono il primo grande concorso enologico italiano -il Banco d’assaggio di Torgiano- che fu determinate per la crescita qualitativa di tutto il settore, il Museo del Vino MUVIT che tutt’ora è considerato il più bello in Italia, l’albergo Le Tre Vaselle primo albergo 5 stelle nella campagna del vino … e non solo. Io ricordo le bottiglie di vino Lungarotti sui voli intercontinentali che avevano un piccolo cartiglio legato al collo con l’invito a visitare Torgiano. Pionieri anche nel turismo del vino. Anche Maria Grazia mi ha insegnato una cosa fondamentale: puntare sulla cultura e diffidare del folklore.

PIERO ANTINORI IL MARCHESE CORAGGIOSO

E’ uno dei miei idoli. Di Piero Antinori mi piace lo stile o meglio la classe da aristocratico imprenditore, mi piace il coraggio che lo spinge verso sfide sempre più audaci e soprattutto mi piace la capacità di portare avanti le cose per sé e per gli altri. Quello che gli invidio di più è il sangue freddo. Nei momenti critici è sorridente e tranquillo. Se c’è da dire una cosa difficile lo fa di persona, non lo manda a dire. Ha anche un’adattabilità straordinaria: mi ricordo la direzione della Fiera di Verona mi chiese di organizzargli un incontro con Piero. Avevo appena cambiato ufficio nel Palazzo Pubblico di Siena e c’erano delle sedie che erano quasi strumenti di tortura ma lui reagì con garbo “io sto comodo grazie”. Pensate che guida personalmente il suo elicottero! La creazione della cantina Antinori nel Chianti Classico e la sua ultima acquisizione Stag’s Leap Wine Cellar, icona del vino di Napa Valley, per oltre un miliardo di Dollari, cifra capace di mettere a rischio tutta la sua azienda, ci mostrano un gigante.

ALESSANDRO REGOLI E IRENE CHIARI DI WINE NEWS

Matter of Taste Zurismo 2023 Alessandro Regoli di Wine News con Donatella Cinelli Colombini

innovatori del vino italiano WineNews Alessandro Regoli Donatella Cinelli Colombini

Li conosco da quando erano due giovani fidanzati con il sogno del giornalismo enoico. Ho condiviso con loro i successi del turismo del vino nei suoi primi dieci anni. Irene Chiari più pacata e tenace, Alessandro più irruento e con un impressionante fiuto per le notizie. Sono una coppia straordinaria nella vita e nel lavoro. A loro dobbiamo l’invenzione di un nuovo modo di comunicare il vino attraverso il web. Una novità (I° maggio 2000) che ha battuto sul tempo grandi agenzie di comunicazione internazionali e grandi territori del vino come Champagne o Napa … dando all’enologia italiana e a Montalcino un’enorme visibilità. Negli anni la loro agenzia WineNews ha saputo svilupparsi, ampliarsi fino ad avere una diffusione mondiale di notizie, commenti, tendenze, interviste, video e degustazioni.