NOTIZIE ED EVENTI

Blog

L’albero d’oro per le promesse d’amore

A 30 km dall’ agriturismo della Fattoria del Colle.  L’ albero d’oro di Lucignano è il più grande reliquiario del mondo e oltre alle preghiere accoglie le promesse d’amore il giorno di San Valentino

L'albero d'oro di Lucignano

L'albero d'oro di Lucignano

Lucignano un paese medioevale intatto,il centro storico, con muri in pietra, ha forma ovale con strade ad anello che si ripetono sempre più strette fino al Palazzo comunale del XIII –XV secolo, sulla cima della collina.

Perché ricicloni e inquinatori pagano uguale per l’immondizia?

La domanda appare più che legittima visto che in molti Paesi del mondo le comunità o i cittadini capaci di differenziare i rifiuti rendendoli riciclabili vengono premiati con un abbattimento dei costi
di Donatella Cinelli Colombini

cassonetti intelligenti

cassonetti intelligenti

Da noi l’era dei cassonetti intelligenti  con la chiavetta che apre lo sportello di immissione e attribuisce a ciascuno i suoi costi reali, in base ai pesi e alla separazione dei rifiuti, sono ancora lontani.

Messico e import

Miriam e AldoFerrise, una bella coppia nella vita e nel lavoro

Lei messicana, avvocato esperta in diritti umani,  lui fiorentino manager nel commercio di dolciumi. Si incontrano nel 1998 e oggi hanno due gemelli e una ditta di successo che importa prodotti alimentari italiani di alta gamma fra cui il o Brunello Riserva del Casato Prime Donne a Montalcino

Fattoria del Colle Miriam e Aldo Ferrise

Fattoria del Colle Miriam e Aldo Ferrise

Nel 1999, subito dopo il matrimonio in Palazzo Vecchio a Firenze partono per il Messico dove avviene un fortissimo terremoto. Le nozze religiose sono fissate 10 giorni dopo ma la chiesa da loro scelta è fortemente lesionata.

San valentino 2012 una romanticissima notte in una villa toscana

Camera del Granduca, Fattoria del Colle

Camera del Granduca, Fattoria del Colle

Lo scenario è quello della Fattoria del Colle nella campagna toscana più intatta e suggestiva. Il programma prevede un percorso rigenerante nel nuovo centro benessere (volendo anche in esclusiva per la coppia), cena afrodisiaca accompagnata da un grande Brunello e una notte romantica ma proprio romantica! Camera illuminata  dalle candele,  un cuore che profuma il letto e un vino in calici di cristallo accompagnato da qualche spicchio di panforte panpepato dal noto effetto afrodisiaco. Tutte le stanze sono arredate con mobili d’antiquariato ed hanno un fascino d’altri tempi ma ce n’è una particolarmente bella creata per il Granduca di Toscana e la sua amante Isabella.

Mai soli alla Fattoria del Colle

Vi aspettereste la solitudine della campagna e invece no! D’inverno è proprio il momento in cui vengono tanti amici. In un sol giorno sono arrivati alla Fattoria del Colle Rolf e Ulrike Lieb giornalisti tedeschi residenti in Chianti e Nicola Masiello Presidente dei Sommelier FISAR 

Nicola Masiello e Donatella Cinelli Colombini

Nicola Masiello e Donatella Cinelli Colombini

Nicola ha portato le targhe che ricordano la partecipazione del Consorzio del Brunello e delle Donne del Vino al Congresso Nazionale Fisar. Una bella festa che ha riunito a Siena tutte le delegazioni italiane.

Un segnale stradale per le cantine

Ci sono segnali stradali che indicano parco giochi, grotte, pineta, pineta a mare, fabbrica … invece manca il simbolo cantina

Donatella con i segnali di Cantine aperte

Donatella con i segnali di Cantine aperte

di  Donatella Cinelli Colombini

Le aziende di produzione enologica aperte al pubblico per la vendita diretta sono 12.000 di cui circa 1000 ben attrezzate per l’accoglienza. Troppe per ignorarle, è necessario introdurre nel codice stradale un disegno che indirizzi  chi vuole approvvigionarsi  sul luogo di produzione o fare esperienze di turismo del vino.

Vi presento Mister Aboca, Valentino Mercati

Valentino Mercati è il fondatore e Presidente di  Aboca, la più grande azienda italiana di piante medicinali: tutti i rimedi naturali che servono alla salute dell’uomo, prodotti dimagranti, cosmetici, per fitoterapia e erboristeria

Valentino Mercati

Valentino Mercati

di Donatella Cinelli Colombini 
La conosciamo tutti attraverso la pubblicità televisiva o gli espositori nelle farmacie, ma trovarsi davanti Mr Aboca in carne ed ossa, con una carica di simpatia e vitalità straripanti, è tutt’altra cosa.

Gozo Montalcino andata e ritorno

Carlo e  Donatella adorano vivere nella loro casa di Gozo (Malta) davanti  al mare di Ulisse e Calypso. Ci sono invece gozitani che amano la campagna Toscana al punto da trascorrere quindi giorni in pieno inverno in agriturismo.  Hanno affittato villa Archi della Fattoria del Colle – 7 camere 5 bagni cucina e un grande soggiorno con camino

Fattoria del Colle villa archi

Fattoria del Colle villa archi

Si tratta di Abraham Said con la sua famiglia e alcuni amici fa cui lo George Borg chef e manager di catering.  Il programma di visite è intensissimo: Firenze, san Gimignano, Assisi, Montalcino, Montepulciano, Pienza, San Quirico, Monte Oliveto Maggiore  e poi naturalmente shopping. 

Le cantine invisibili

Non è uno scherzo e neanche una magia da prestigiatore, le cantine stanno veramente per diventare invisibili. Un

segnali stradali

segnali stradali

codice della strada pensato per l’ambiente urbano e finalizzato unicamente alla sicurezza stradale regola la segnaletica in modo da rendere impossibile indicare il percorso verso le cantine

di Donatella Cinelli Colombini

I problemi crescono quando ce ne sono tante come a Montalcino dove, in una sola collina esistono 150 aziende che commercializzano i loro Brunello con marchio proprio. E’ vietato mettere le frecce agli incroci, in curva, a poca distanza una dall’altra  …. Insomma i divieti sono talmente tanti che mettere una segnalazione richiede spese per  la progettazione (da far fare a un tecnico abilitato) poi sopralluoghi e estenuanti trattative con Comune o Provincia infine una paziente attesa della delibera di autorizzazione da scrivere dietro il cartello. Le probabilità di raggiungere l’obiettivo dipendono molto dal nome della cantina.

Perchè la classificazione del 1855 per il Bordeaux non è più valida

Gary M. Thompson e Stephen A. Mutkoski  della School of Hotel Administration Cornell University NY, hanno esaminato i punteggi ottenuti dai vini degli Chateaux bordolesi della celebre classifica del 1855 e hanno scoperto che il 64,6% di loro dovrebbe salire o scendere rispetto alla gerarchia ottocentesca ( Reconsidering the 1855 Bordeaux Classification of the Médoc and Graves using Wine Rathings from 1970 -2005, in “Journal of Wine Economics” VI,2011, n°1, pp 15- 36)

Wine Economics

Wine Economics

di Donatella Cinelli Colombini 
L’analisi ha riguardato 3133 giudizi sui vini delle vendemmie dal 1970 al 2005 espressi dai più quotati degustatori statunitensi: Robert Parker “The Wine Advocate”, Stephen Tanzer  “International Wine Cellar” e “Wine Spectator”.

I vini presi in esame provengono dai 61 chateaux che nel 1855, in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi furono considerati i migliori di Bordeaux. Vennero divisi in  5 tipologie sulla base della reputazione e del prezzo. Nessuna variazione è stata apportata in seguito ad eccezione dell’aggiunta di Mouton Rothschild. 

A cena dal “signore” della Fortezza di Montalcino

Fabio Tassi e la sua dolce compagna Silvia ci invitano a cena con un gruppo di amici nella loro villa “Greppino” nella collina di Montalcino con uno spettacolare affaccio sulla Val d’Orcia. Il luogo è appartato, con i muri in pietra

Silvia Fertonani ci mostra lo spiedo

Silvia Fertonani ci mostra lo spiedo

che quasi sfiorano i vigneti e all’interno un arredamento di gran classe con mobili d’antiquariato e librerie in acciaio, divani di tendenza e caminetti medioevali.

di Donatella Cinelli Colombini

Insomma una bellissima casa giovane allegra ma toscanissima. La tavola è apparecchiata per 14 persone ed è bellissima con la tovaglia rustica ma raffinatamente ricamata, le candele e l’argenteria.

Chef giapponesi a caccia di nuove ricette italiane

Ospiti graditi della Fattoria del Colle Hiroaki Takashi del ristorante “Alberata” di Tokyo 

Fattoria del Colle titolare e familiari rist. Alberata Tokyo

Fattoria del Colle titolare e familiari rist. Alberata Tokyo

Dopo un’esperienza in ristoranti di Veneto, Lombardia e Toscana, Hiroaki ha aperto il suo ristorante in Giappone dove propone solo cucina italiana. Uno staff di 6 persone, fra cui due sommelier, per servire un massimo di 40 clienti.

                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi