2021-clima-impazzito-alluvione-nei-vigneti-tedeschi

Clima impazzito nelle vigne: più colpita la Francia

Il 2021 sarà ricordato dai vignaioli per gelate, alluvioni, incendi e covid. Una serie di disastri e l’evidente necessità di impegnarsi per difendere la terra

 

2021-clima-impazzito-alluvione-nei-vigneti-tedeschi

2021-clima-impazzito-alluvione-nei-vigneti-tedeschi

di Donatella Cinelli Colombini

Il clima impazzito è sotto gli occhi di tutti: punte di calore persino in Canada, incendi e alluvioni immense, gelate che percorrono l’Europa come tsunami. Se non riusciamo a ridurre l’effetto serra e riequilibrare il clima, la terra diventerà un deserto.

 

2021 ANNATA DAL CLIMA IMPAZZITO COLPISCE SOPRATTUTTO I VIGNETI FRANCESI

Nelle vigne si fa un primo computo dei danni.
L’uva non è ancora in cantina e quindi tutto può ancora succedere ma apparentemente la regione europea del vino più colpita dagli eccessi metereologici di questo pazzesco 2021 è la Francia.
La gelata del 7-8 aprile ha fatto danni anche a noi in Italia, ma in Francia pare sia stata di una violenza impressionante e, come nel 2017, ha colpito gran parte delle zone di pregio da Bordeaux alla Borgogna, dalla Valle del Rodano alla Champagne.

 

2021-clima-impazzito-punte-di-caldo-e-incendi-nei-vigneti-californiani

2021-clima-impazzito-punte-di-caldo-e-incendi-nei-vigneti-californiani

GELATE, INONDAZIONI, CALDO E MUFFA: UN MIX DI PROBLEMI NELLE VIGNE FRANCESI

Ma ci sono stati anche altri problemi perché le forti piogge estive hanno causato alluvioni devastanti e le alte temperature hanno favorito la diffusione della muffa costringendo i vignaioli a lottare tutti i giorni per difendere l’uva. I dati del Ministero parigino sembrano un bollettino di guerra: in Champagne metà dei grappoli presenta sintomi di peronospora, in Alsazia ci sono stati attacchi sia di peronospora che di oidio. Il “Service de la Statistique et de la Prospective” dice che nel Beaujolais, nella Valle della Loira, nello Charentes e a Sud-Ovest si sono verificati sviluppi di “oidio e talvolta marciume nero (Black-rot) o botrite a seconda della Regione”.
Provenza, Languedoc e Roussillon, come in Italia centro meridionale, i vigneti hanno sofferto la siccità per cui la dimensione dei grappoli e degli acini è sotto la media.

 

LA SPAGNA PENSA DI PRODURRE PIU’ VINO DELLA FRANCIA NEL 2021

Complessivamente le previsioni francesi parlano di un calo del 20-26% nella produzione d’uva in un momento in cui invece un buon raccolto sarebbe servito. Il mercato del vino è in ripresa dopo i problemi legati al covid e i Francesi hanno appena festeggiato la fine dei dazi sulle loro bottiglie, messi da Donald Trump.
Gli spagnoli sono pronti al sorpasso. Prevedono anche loro un calo del 10% ma pensano di produrre 43 milioni di ettolitri quindi più dei francesi che si aspettano 32-35 milioni. La qualità ispanica sarà buona ma non eccelsa anche se piuttosto regolare ovunque.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi