Pizza-Margherita

Come distinguere la pizza Margherita davvero buona

Pizza Margherita

Le istruzioni sulla super Pizza arrivano da Luciano Pignataro che ha selezionato anche le 15 Margherite migliori di Napoli e quindi del mondo.  

Pizza Margherita

Pizza Margherita

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini
Prima di tutto il nome. Luciano ci insegna la parola giusta è “pizzajuolo” scritto con la J. Dopo una partenza critica in cui Luciano Pignataro contesta la recente crescita qualitativa e quantitativa della mozzarella unita al peggioramento degli impasti, inizia una vera e propria lezione che qui vi riassumo ma nella penna del protagonista si arricchisce di molti dettagli. Dato per scontato che gli ingredienti siano eccellenti il miglior pizzajolo è quello che li sa bilanciare la dolcezza del formaggio al sapore del pomodoro. La pasta sul bordo deve essere alta e ben alveolata. Le tante pizze di Napoli si possono riunire in due grandi tipologie: quella enorme a “ruota di carro” della zona della stazione –via Tribunali e quella piccola del centro.
L’elenco delle pizze Margherita migliori va letto nel blog di Pignataro. Io mi limiterò a rivelare quelle che mette sul podio. Prima Guglielmo Vuolo, poi Ciro Salvo e medaglia di bronzo Enzo Coccia
Ciò che colpisce nelle immagini delle 15 super pizze Margherita pubblicate nel sito del grande Luciano è il protagonismo della pasta con bordi grandi e soffici. Evidentemente non basta fare una grande pizza ma bisogna anche mangiarla nel modo giusto tagliando spicchi che comprendano sempre un pezzetto di bordo.
Colpisce anche la messa al bando della tipologia a “pasta sottile” molto diffusa in tutto il resto d’Italia, ma che a Napoli

Regina_Margherita_di_Savoia

Regina_Margherita_di_Savoia

appare evidentemente come una storpiatura e un’incomprensione del ruolo fondamentale della pasta su cui Pignataro ha insistito all’inizio del suo post: la pizza è una focaccia condita e non una mozzarella con focaccia e pomodoro.
Ultima nota per ricordare che la Pizza Margherita è stata creata nel giugno 1889, per onorare la regina d’Italia, Margherita di Savoia, dal cuoco Raffaele Esposito della pizzeria Brandi che mise pomodoro, mozzarella e basilico, per formare la bandiera italiana.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi