bicchieri-da-vino-opacizzazione-e-puzze-come evitare-il-problema

Come evitare opacizzazioni e puzze dei bicchieri da vino

bicchieri-da-vino-opacizzazione-e-puzze-come evitare-il-problema

Cosa rovina i bicchieri da vino? La puzza e l’opacizzazione. Donatella vi insegna come risolvere facilmente questi problemi diffusi e fastidiosi

 

di Donatella Cinelli Colombini

Il primo problema è l’opacizzazione che riguarda soprattutto il vetro e meno il cristallo ma deriva dal lavaggio.

 

Bicchieri da vino: opacizzazione e puzze, come evitare il problema

Bicchieri da vino: opacizzazione e puzze, come evitare il problema

COME EVITARE L’OPACIZZAZIONE DEI CALICI DA VINO

L’ossido di silicio che compone il vetro diventa cristallo con l’aggiunta di altre componenti fra cui l’ossido di piombo in una percentuale superiore al 24%. E’ il metallo a conferire al cristallino la particolare lucentezza e trasparenza. Ci sono tuttavia i “vetri sonori superiori” senza piombo, che hanno brillantezza molto simile al cristallo al piombo, ma prezzi decisamente più abbordabili e sono più pratici da usare.
I bicchieri, di qualunque materiale siano fatti, devono brillare e quindi bisogna evitare che si opacizzino.

 

L’OPACIZZAZIONE DERIVANTE DALLA LAVASTOVIGLIE

Bicchieri da vino: opacizzazione e puzze, come evitare il problema

Bicchieri da vino: opacizzazione e puzze, come evitare il problema

Nel lavaggio a macchina bisogna evitare che le coppe si tocchino una con l’altra, inoltre è necessario usare il detersivo liquido o il gel anziché le pastiglie, poi è bene sostituire il brillantante con dell’aceto di vino che rimuove anche eventuali macchie causate dal calcare dell’acqua. Non usare programmi di lavaggio lunghi e soprattutto le alte temperature. Aprire lo sportello a fine lavaggio facendo uscire il vapore e asciugare i bicchieri con un panno morbido senza odori (quindi non lavato con ammorbidente).

 

L’OPACIZZAZIONE DERIVANTE DA ACQUA DURA

Quando l’opacizzazione dipende dall’acqua troppo dura è possibile risolvere il problema immergendo i calici in acqua molto calda in cui è stato sciolto il bicarbonato. Dopo un bagno di dodici ore ed un risciacquo con acqua fredda, dovrebbero essere belli lucenti ma se questo non avviene significa che l’opacizzazione dipende dall’abrasione, non c’è niente da fare, bisogna rottamare i bicchieri in una fabbrica di cristalli e comprarne di nuovi.

 

COME E PERCHE’ I BICCHIERI DA VINO PUZZANO

Il secondo problema sono quello che io chiamo “puzze” e che, in certi casi, sono profumi. Infatti anche l’aroma floreale del detersivo mal sciacquato è un killer per il vino. La cosa ottimale è lavare i bicchieri senza sapone oppure con saponi assolutamente inodori cambiando spesso l’acqua. Infatti un altro problema, diffuso soprattutto durante le fiere, quando gli impianti di lavabicchieri sono più precari, è l’odore di fradicio che deriva dall’acqua oppure dagli asciughini sempre umidi. Succede quasi la stessa cosa mettendo i bicchieri rovesciati sulla tovaglia quando il tempo è piovoso e il cotone assorbe acqua dall’aria liberando una leggera condensa nelle coppe.

 

LA PUZZA DI TAPPO CHE ARRIVA DAL BICCHIERE E NON DAL VINO

Tuttavia l’odore più tremendo è quello che si attacca ai bicchieri dal contenitore in cui sono conservati: scatole di cartone oppure mobili di legno. Il primo assomiglia alla muffa e il secondo all’odore di tappo. Ovviamente disturbano entrambi, ma l’ultimo è in assoluto la cosa più tremenda perché blocca la percezione del vino. L’odore di scatola si elimina avvinando i bicchieri con il vino, il TCA invece, va via solo mediante il lavaggio con il sapone. In genere sono i mobili antichi di legno che contaminano i bicchieri perché sono stati trattai con antitarlo, oppure colle o ancora sbiancanti durante gli interventi dei restauratori. Quindi è molto meglio tenere i bicchieri in armadi moderni e, se sono in vetro, non usare mai prodotti a base di cloro, come la varichina, per pulirli. Il risultato sarebbe identico all’antitarlo.
Spero di essere stata utile e non aver spavento nessuno.  E’ tutto facile!