Shenzhen-Cina

Dall’apocalisse in Lombardia alla Cina che riparte

Shenzhen sui grattacieli i volti dei medici eroi che hanno sconfitto il coronavirus

La testimonianza di Roberta Archetti da Brescia e di Alessandro Mugnano di Interprocom da Shenzhen ci mostrano due facce del coronavirus: la tragedia e la rinascita

Toscana-Fattoria del Colle Roberta Archetti e friends

Toscana-Fattoria del Colle Roberta Archetti e friends

di Donatella Cinelli Colombini

Roberta Archetti chef della Fattoria del Colle, che è ritornata nella sua Brescia un anno fa, ci racconta cosa succede nell’epicentro del coronavirus.

TESTIMONIANZA DI ROBERTA ARCHETTI DALLA QUARANTENA A BRESCIA

Mi scrive <<dica a tutti di stare a casa>>. E’ Roberta Archetti la chef che fino a maggio dello scorso anno ha guidato la cucina del ristorante della Fattoria del Colle e poi, per curarsi, è rientrata nel suo paese in provincia di Brescia. Il suo è un appello accorato agli amici toscani <<state a casa, non arrivate al punto in cui siamo qui>>. Il suo racconto è impressionante, lei è in quarantena da sola in casa ma sente le sirene delle ambulanze <<di continuo>>. Le portano la spesa una volta la settimana lasciandola al portone.  Per ora sta bene ma ha tre familiari in ospedale e altri a casa con i

Shenzhen

Shenzhen sui grattacieli i volti dei medici eroi che hanno sconfitto il coronavirus

sintomi che fanno pensare a un decorso meno grave del covid19 <<i medici di famiglia non possono venire, dicono per telefono di prendere Tachipirina e chiamare l’ambulanza solo quando si comincia a respirare male, ma anche farsi ricoverare non è facile, non hanno più letti, anche se cercano di aumentarli tutti i giorni. E poi non possiamo vedere i nostri cari, per quelli più gravi riceviamo una telefonata dall’ospedale solo se ci sono cambiamenti o se muoiono>>.

E’ FACILISSIMO CONTAGIARSI E POI PROPAGARE IL COVID A TUTTA LA FAMIGLIA

Quando le chiedo <<ma i suoi parenti come si sono contagiati?>> da una risposta è agghiacciante <<non lo so, i miei erano chiusi in casa ancora prima che lo dicesse il Governo. Andavano a fare la spesa una volta la settimana o in ospedale, non al bar oppure al circolo …. ma si sono ammalati lo stesso. Il problema è che non sappiamo chi è malato e chi no. Fanno i tamponi solo quando si arriva in ospedale>>. Una situazione che fa venire la pelle d’oca e mostra quanto sia facile ammalarsi oppure contagiare altri. Una situazione che chiede a tutti di essere ancora più prudenti.

C’E’ ANCHE CHI METTE IN PERICOLO LA SUA VITA E QUELLA DEGLI ALTRI

Ma c’è invece chi agisce  in modo irresponsabile come quella fabbrica bresciana dove il vecchio titolare è morto di coronavirus e gli eredi hanno rifiutato di interrompere l’attività <<dicendo che non ci andava mai, mentre era tutti i giorni li>>. Sono questi comportamenti che rendono necessaria la chiusura delle fabbriche come chiede il Governatore della Lombardia e come hanno fatto in Cina.

ALESSANDRO MUGNANO DI INTERPROCOM MOSTRA LA CINA CHE HA BATTUTO L’EPIDEMIA

E vediamo cosa succede nel gigante asiatico. Le notizie e le foto mi arrivano da Shenzhen attraverso Alessandro Mugnano di Interprocom la ditta leader di importazione di vini italiani in Cina. I grattacieli sono illuminati con le facce dei medici eroi che sono tornati da Wuhan dopo 58 giorni di lavoro massacrante in ospedale. 18 ore al giorno e turni in corsia di 6 ore durante le quali non potevano neanche andare in bagno.  Come a Milano, Brescia, Bergamo … solo che i cinesi disciplinati e decisi hanno chiuso tutto e sono riusciti a sconfiggere il virus in meno di due mesi. Da 25 giorni non ci sono nuovi casi nelle grandi città e dal 18 marzo nessun contagio a Wuhan.

Un messaggio di speranza e un monito a chi pensa di ottenere lo stesso risultato con misure che non comportano troppi sacrifici. L’esempio cinese mostra che si può fermare il contagio basta volerlo tutti insieme, senza eccezioni e con grande impegno facendo come ha detto Roberta << stando chiusi in casa>>.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi