Viator-propone -Accelerate-per-aumentare-visibilità e prenotazioni

ENOTURISMO NOVITA’ ONLINE 

Viator-propone -Accelerate-per-aumentare-visibilità e prenotazioni

Airbnb e la sezione vineyard, Booking con le wine experieces di Viator, Divinea propone Wine Suite il primo CRM per le cantine, il channel manager di Winearound

 

Viator-propone -Accelerate-per-aumentare-visibilità e prenotazioni

Viator-propone -Accelerate-per-aumentare-visibilità e prenotazioni

di Donatella Cinelli Colombini

La tecnologia è sempre più necessaria alle cantine turistiche. Aumentano le prenotazioni e soprattutto aumentano i canali da cui arrivano le prenotazioni di visita e esperienza col vino. Nello stesso tempo si accorciano i tempi fra il contatto e l’arrivo dei clienti. Prezzi, tipologie di accoglienza sono ormai così numerose che tenere in ordine il book degli appuntamenti diventa impossibile senza un channel manager che lo faccia automaticamente. Io uso WineAround.

 

WINEAROUND E DIVINEA IL CHANNEL MANAGER E IL CRM

Così come diventa sempre più indispensabile un CRM che profili i visitatori e, in base a quanto spendono e cosa comprano (vini, altri prodotti animazioni). Il passo successivo è incasellarli in un database, per poi mantenere i contatti e indirizzare loro le proposte di shopping del wine club della cantina come fa WineSuite di Divinea. Ancora Divinea ha stretto un’alleanza con Winelivery la App che, in 65 città italiane, consente di ricevere, in 30 minuti, il vino a casa a temperatura perfetta per servirlo in tavola.

Tutte cose nuove per le aziende italiane che stanno accelerando il passo sulla scia delle californian winery e del loro spettacolare successo di vendite al pubblico nel periodo covid.
Un’evoluzione che riguarda anche gli investimenti: Viator propone Viator Accelerate, una soluzione di marketing in grado di aumentare visibilità e vendite.  Non va dimenticato l’accordo far Viator e Booking per proporre, nel colosso del turismo online, le esperienze nelle Cantine Italiane.

 

ospitalita-in-cantina-roberto-di-prime-alture Divinea WineSuite

ospitalita-in-cantina-roberto-di-prime-alture Divinea WineSuite

AIRBNB E VIATOR CON BOOKING

AirBnb introduce, fra le possibilità di pernottamento, quella “Vineyard” che permette di dormire fra i vigneti. Ci sono già 120.000 proposte a livello mondiale e 1.000 in Italia.
Evidentemente l’enoturismo è sempre più strutturato e non si limita a visite guidate e degustazioni ma comprende pasti e pernottamenti. Come ha giustamente osservato WineNews il turismo del vino esce dalla nicchia e diventa un segmento sempre più strutturato dell’offerta di viaggio in Italia come mare, arte, montagna e termale.
Mentre le cantine investono in infrastrutture e nella tecnologia per commercializzarle, rimane immobile e forse addirittura arretra l’offerta territoriale che aveva nelle Strade del Vino i network di promocommercializzazione. Peccato perché il rinnovato portale del turismo Italia.it ora sarebbe pronto ad accogliere eventi e nuove proposte.