sommelier Giappone pin veri e falsi

I falsi Sommelier del Giappone

sommelier Giappone pin veri e falsi

I falsi Sommelier giapponesi sono un centinaio e si fregiano di spilli contraffatti con il grappolo e le scritte JSA Wine Adviser senza aver superato gli esami

sommelier Giappone pin veri e falsi

sommelier Giappone pin veri e falsi

Di Donatella Cinelli Colombini

In Asia il successo è misurato anche dal numero dei falsi. Le più celebri cantine francesi mettono 3-4 sistemi anticontraffazione su ogni bottiglia. Tutti pensavamo che il problema fosse soprattutto in Cina, ma ora scopriamo che anche il Giappone, Paese dove la correttezza è un must e tutto sembra perfettamente rispettabile … ha invece dei falsi Sommelier.

JAPAN SOMMELIER ASSOCIATION E 100 FALSI SOMMELIER

Pare siano almeno un centinaio e sono stati scoperti quando la Japan Sommelier Association ha visto un’asta on line di pin con il suo distintivo. In questa occasione sono stati venduti 38 spilli falsi per un valore di 11.800

Vero-sommelier-giapponese-La Barrique di Tokyo di Shin Sakata con Donatella CinelliColombini e Carlo Gardini

Vero-sommelier-giapponese-La Barrique di Tokyo di Shin Sakata con Donatella CinelliColombini e Carlo Gardini

Dollari. Il prezzo di circa 270 € ciascuno non è certo quello giusto per uno spillino decorativo in metallo argentato. Così come il numero degli spilli è troppo alto per un commercio fra collezionisti. Per questo l’associazione dei sommelier ha subito pensato ad una truffa e si è precipitata ad avvertire i ristoratori di diffidare dei sommelier sconosciuti con lo spillo.
Il sospetto è che le spille false siano almeno un centinaio. Quelle vere vengono consegnate agli esperti di vino dopo almeno 3 anni di lavoro nel settore e dopo aver superato esami scritti e prove di degustazione. <<Non possono essere venduti né dati in prestito>> ha spiegato Tasaki Shinya, presidente dell’associazione e primo giapponese insignito del titolo di miglior sommelier del mondo nel 1995. Attualmente i sommelier nipponici sono circa 30.000, di cui 13.000 donne.

UN TEMPO C’ERANO I FALSI MEDICI, OGGI CI SONO I FALSI SOMMELIER

La notizia ha fatto il giro del mondo suscitando solidarietà per i veri Sommelier giapponesi che vedono minacciate le loro prospettive di carriera da personaggi disonesti e sicuramente meno competenti. Tuttavia ha colpito soprattutto la novità di una simile situazione. Un tempo erano  medici, dentisti e ingegneri che millantavano una laurea inesistente, oggi sono invece le professioni emergenti come appunto quella di Sommelier. Segno di un nuovo status sociale e di nuove prospettive di guadagno suscitate dalla competenza nel vino. Del resto i Master sommelier e i Sommelier in genere stanno diventando sempre più importanti nelle sale dei ristoranti di tutto il mondo con la loro capacità da talent scout nel trovare vini emergenti e spiegarli a una clientela sempre più desiderosa di cose nuove.

 

                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi