W2W_vino-italiano-prima-durante-e-dopo-il-covidnnevifoto_3616

Il vino italiano prima durante e dopo il covid

W2W_vino-italiano-prima-durante-e-dopo-il-covid

A Wine2wine Denis Pantini di Nomisma WineMonitor ha presentato tendenze, aspettative, consuntivi e strategie delle cantine italiane a fine 2020

 

W2W -Giovanni Mantovani - vino italiano prima, durante e dopo il covid

W2W – Giovanni Mantovani – vino italiano prima, durante e dopo il covid

Di Donatella Cinelli Colombini

 

Prima di tutto i trend del vino: sostenibilità in Germania e BIO negli Stati Uniti, vini premium in Cina e leggeri da mixare in UK.
Le risposte delle cantine italiane  presentate durante Wine2wine e relative a ciò che avverrà nei prossimi 2-3 anni sono, purtroppo prevedibili: aumenteranno le vendite on line, calerà il numero dei ristoranti e dei bar con una conseguente contrazione dei consumi fuori casa, ci sarà un orientamento all’austerità con la scelta di vini locali e una diminuzione della capacità di spesa. Anche il turismo del vino subirà un contraccolpo benchè limitatamente ad alcune aree.

 

Vino italiano: prima, durante e dopo il covid - W2W - Ministro Teresa Bellanova

Vino italiano: prima, durante e dopo il covid – W2W – Ministro Teresa Bellanova

AUMENTA LA VENDITA ON LINE ED IL GDO, IN CRISI L’HORECA

Ma cosa faranno le cantine del nostro Pese per reagire ai problemi innescati dal covid? La stragrande maggioranza delle grandi e la metà di quelle di medie dimensioni punta sull’export e la vendita multicanale e, in seconda battuta, sulla diversificazione degli sbocchi commerciali. Il 47% consoliderà il proprio brand e il 41% vede favorevolmente il rafforzamento della squadra manageriale.
Il grande malato è la ristorazione tartassata dal lockdown, dall’aumento dei pasti a casa resi possibili dai servizi di delivery e dall’e-commerce di cui molti consumatori hanno fatto la prima esperienza proprio durante la pandemia.

Il 91% (dato che diventa il 95% nelle piccole cantine) dei produttori di vino ha registrato un calo di vendite nel segmento HORECA, dato solo leggermente migliore per le rivendite di vino al dettaglio. In questo comparti la situazione è davvero preoccupante.

 

BENINO L’EXPORT E BENE IL GDO

Meno brutti i dati riguardo all’export dove solo il 63% (diventa il 74% nelle piccole aziende) ha registrato cali. Ma i dati complessivi rispetto al vino che ha varcato i confini non si prevedono disastrosi a fine anno. Anche nella vendita diretta, la discesa del business si ferma al 55%, mentre c’è un 25% delle aziende che ha addirittura aumentato i fatturati. Situazione ancora più favorevole per il segmento GDO, dove il 51% ha segnato un incremento di business. Stessa situazione nelle vendite on line che sono cresciute per l’80% delle grandi cantine.

 

LE GRANDI CANTINE CHIUDONO L’ANNO BENE MA NON LE PICCOLE

Nel complesso le grandi imprese del vino hanno avuto un 2020 positivo grazie alla GDO che ha monopolizzato le vendite durante il lockdown, mentre le piccole hanno fatto molta fatica.
Fra i mercati esteri, quello con un segno negativo a doppia cifra è l’UK dove il prosecco ha risentito enormemente della chiusura dei pub. Gli USA segnano un piccolo arretramento che, tuttavia è spalmato su gran parte del vino italiano. Poco brillanti anche grandi mercati come Giappone, Germania, Cina e Russia, mentre l’export in Svezia porta un segno più.

 

SU INTERNET LE CANTINE PUNTANO SU WINE CLUB E INFLUENCER

Vediamo ora il rapporto con i social e i servizi on line delle grandi cantine italiane: l’88% era già su Instagram e il 55% aveva l’e-commerce e il delivery. I servizi su cui c’è un maggior desiderio di investire sono: la creazione di wine club (44%), il coinvolgimento di influencer, chef … attraverso podcast o la produzione di video (37%) e l’invio di newsletter con le proposte promozionali.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi