buchetta-del-vino-Firenze-in-versione-covid

Le porticine – buchette del vino di Firenze

Storia delle buchette del vino di Firenze: dalla vendita diretta delle famiglie nobili con vigneto alla trasformazione – covid in versione street food

 

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Di Donatella Cinelli Colombni

Nel 1634, all’epoca della peste descritta da Manzoni, gli sportelli del vino, lungo le strade di Firenze, erano i punti vendita dei palazzi dell’aristocrazia che possedeva tenute e vigneti. Servivano per vendere al dettaglio il vino lungo le strade del centro. Il loro utilizzo viene descritto da Francesco Rondinelli nella sua “Relazione del contagio” dove loda l’efficacia degli “sportelli” del vino per limitare l’epidemia di peste seicentesca.  Il cliente bussava alla porticina, il servo prendeva il fisco e il denaro, lo disinfettava con l’aceto, riempiva il fiasco e lo restituiva pieno, sempre attraverso il piccolo passaggio del muro (23 x 36cm).

 

170 BUCHETTE DEL VINO A FIRENZE – PUNTI VENDITA ANTI CONTAGIO

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Buchetta del vino a Firenze in versione covid

Sono stati censiti 170 sportellini del vino nel territorio del comune di Firenze, di cui 145 nel centro storico. Il loro numero cresce continuamente grazie all’associazione culturale “Buchette del vino”. Essi costituiscono un elemento architettonico e storico di cui la città del giglio può andare fiera perché evidenziano la sua antica storia enologica. Ce ne sono ovunque. Piero Antinori ha mostrato con orgoglio quella del suo palazzo. Un’altra è in Piazza del Duomo, nella casa in cui si trovava la bottega dello scultore Donatello. Persino i Medici a palazzo Medici Riccardi e poi a Palazzo Pitti, avevano delle buchette per vendere il vino avanzato dalla loro mensa.

Per i cittadini si trattava di uno shopping conveniente perché riguardava quello che oggi chiameremo un “family wine” cioè vino proveniente direttamente dai vigneti e dalle cantine della nobile famiglia residente nel palazzo. Un vino che non era gravato da tasse.

 

TRASFORMAZIONE DELLE BUCHETTE DEL VINO IN EPOCA COVID

Qualche mese fa, l’epidemia covid ha portato al ripristino di questa antica pratica anti contagio: la gelateria Vivoli  ha infatti pensato di usare la porticina per servire caffè, bibite e gelati. Il successo di questo primo esperimento ha spinto altri ad imitarlo e sono state attivate altre tre porticine in pieno centro di Firenze: Babae in via Santo Spirito, Osteria delle Brache in Piazza Peruzzi, Il Latini in via dei Palchetti.

Un ritorno al passato in versione street food che ha incuriosito persino i giornalisti esteri e alla fine la notizia arriva sul New York Post facendo letteralmente il giro del mondo.

Intanto la riapertura delle porte del vino continua e questi pertugi, che prima del covid erano murati, diventano un’autentica attrattiva a cui nessuno vuole rinunciare, anche quando nel piano terra del palazzo nobiliare non c’è più la cantina. Succede in Palazzo Albizi che un tempo vendeva il “gran vino di Pomino” proveniente dalle tenute che andarono ai Frescobaldi per il matrimonio di Leonia con uno dei Marchesi fiorentini. Oggi l’ex cantina del palazzo ospita la legatoria artigiana Abacus che fa osservare il lavoro sul cuoio attraverso la porticina appena riaperta.

 

LE PORTICINE DEL VINO FUORI DALLA TOSCANA

La tradizione dei portoncini del vino non è un’esclusiva di Firenze, anche nelle Langhe e, osservando bene, in Francia, in Liguria e in Sicilia …. molti portoni di dimore aristocratiche hanno sportellini. Sono comunque diversi da quelli toscani per forma e posizione: i fiorentini sono quasi tutti aperti nel muro e hanno una forma ad arco mentre gli altri sono nel portone di legno ed hanno forma quadrotta. Alla fine sembrano più spioncini che accessi alla vendita del vino.

Sembrano più adatti a questa funzione le “buche” a Bologna presenti nel capoluogo emiliano fino dal Settecento come rivendite di vino al minuto dai palazzi signorili.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi