Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

Lezioni di super docenti: Comolli e Loguercio

Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

Gianpietro Comolli l’uomo che ha “inventato” la Franciacorta dello spumante e Simone Loguercio Campione Italiano Sommelier AIS dicono la loro sulla DOC Orcia

Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

Orcia-Wine-Festival-2019-Donatella-CinelliColombini-Giampietro-Comolli

di Donatella Cinelli Colombini

Orcia Wine Festival 2019 una decima edizione trionfale con un’attenzione dei media e un afflusso di pubblico senza precedenti. La festa della giovane DOC Orcia ha avuto due momenti forti che l’hanno messa a confronto con due grandi personaggi del vino italiano: Gianpietro Comolli sul progetto spumante e Simone Loguercio sull’assaggio dei vini.

GIANPIETRO COMOLLI IL MAGO DEL MARKETING DELLE BOLLICINE

Gianpietro Comolli è il mago del marketing delle bollicine, quello che ha disegnato la Franciacorta come un territorio di eccellenza dello spumante, a lui si deve l’ideazione del satèn. Anche il suo lavoro alla guida delle cantine Ferrari di Trento ha lasciato il segno indirizzando la strategia verso l’eccellenza. La DOC Orcia chiede il suo parere sulla modifica del disciplinare con l’introduzione dello spumante e Comolli dice la sua sconvolgendo in parte la strategia predisposta dal consorzio.

Orcia-Wine-Festival-2019-Simone-Loguercio-Campione-italiano-sommelier-AIS

Orcia-Wine-Festival-2019-Simone-Loguercio-Campione-italiano-sommelier-AIS

I VINI SPARKLING ITALIANI E FRANCESI

Premessa: l’Italia produce 700 milioni di bottiglie di spumante e ne esporta 500 di cui 450 di Prosecco. La stragrande maggioranza prodotte con metodo Charmat/Martinotti cioè, come dice Comolli, con metodo italiano.
La Francia produce il 97% delle sue bollicine con metodo classico – Champenoise e le vende in 180 mercati del mondo. I cugini d’oltralpe usano pochissimi vitigni per i loro vini effervescenti mentre in Italia ne vinifichiamo 38 e questo ci offre alcune buone opportunità.

LA RICETTA PER LO SPUMANTE ORCIA

Dopo questo colpo d’occhio allo scenario mondiale eccoci alla “ricetta” per l’Orcia:
1. biologico,
2. solo metodo classico, mettere sotto lo stesso marchio charmat e champenoise sarebbe dannoso
3. uso di un uvaggio di soli vitigni autoctoni uguale per tutti i produttori
4. zonazione per cercare la vocazione dei suoli e le specificità di ogni vigna
5. avere un garante esterno che certifichi l’origine e il contenuto delle bottiglie
6. prezzo molto alto

Orcia-Wine-Festival-produttori-Orcia-con-Simone-Loguercio

Orcia-Wine-Festival-produttori-Orcia-con-Simone-Loguercio

Un progetto su cui molte aziende si stanno spontaneamente già indirizzando come Podere Forte che vende il suo spumante Asya Brut (72 mesi sui lieviti) a 100 € la bottiglia.
Infine Giampietro Comolli consiglia di unire subito le forze delle aziende Orcia produttrici di spumante creando un brand condiviso iniziando a fare azioni di marketing senza aspettare la DOC che, con le attuali regole europee, potrebbe richiedere anni di attesa.
Le cantine che invece scelgono il metodo Martinotti e puntano su vini più freschi, fruttati e facili va adottata una strategia diversa anche perché si rivolgono a un pubblico diverso e vengono commercializzati a prezzi più bassi.
Nel caso poi ci sia un notevole numero di aziende che pur desiderando ampliare la loro gamma con un’etichetta di bollicine non hanno i mezzi e gli spazi per produrre lo spumante è possibile stimolare la creazione di una struttura per la lavorazione “conto terzi”.

SIMONE LOGUERCIO DEGUSTA LA DOC ORCIA

Il campione italiano dei sommelier AIS è un bell’uomo sportivo e dal volto espressivo, ha 37, anni nasce in Campania ma è cresciuto in Toscana dove ha studiato architettura finchè non ha scoperto la passione per il vino e, in soli cinque anni, è passato da semplice Sommelier a campione italiano.
Conosceva già i vini Orcia per averli assaggiati durante le anteprime di Toscana ma nonostante questo è rimasto sbalordito, per la qualità delle bottiglie e perché si aspettava dei vini opulenti nel Sud della Toscana, invece…. Una reazione che ormai i produttori Orcia conoscono bene perché sono abituati a superare le attese degli assaggiatori. E’ arrivato alla Fattoria del Colle qualche ora prima della degustazione per prepararla e mettere in successione le bottiglie. Qui ha scoperto di avere davanti vini caratterizzati dalla freschezza al punto da apparire molto più giovani del millesimo in etichetta. Ne è uscita una successione diversa rispetto all’età anagrafica delle bottiglie. Vini con ottima capacità di invecchiamento, dunque, ma anche diversi da come gli studi sul Sangiovese li facevano prevedere: eleganti, agili e moderni.

Da queste constatazioni nasce una degustazione che costituisce la vera lezione che Simone Loguercio: il coraggio. Il grande assaggiatore si distingue dal coraggio di fidarsi di quello che sente e rimettere in discussione le cose che sa e quelle che si aspetta. Per questo la sua degustazione rimarrà memorabile nel ricordo dei produttori e degli appassionati del vino Orcia.
A San Quirico, in Palazzo Chigi, nella sala da degustazione dell’Onav, Simone Loguercio ha condotto la degustazione in modo magistrale con una capacità di comunicare che ha colpito anche il Professore di multimedialità Maurizio Masini.  Ha entusiasmato anche quando, dopo due ore e 12 vini, ha scambiato i bicchieri e ha dovuto tornare indietro. Il suo modo autoironico di raccontare e raccontarsi, la sua competenza, il suo talento nell’individuare aromi, sapori e suggestioni hanno tenuto l’attenzione generale fino alla fine e poi c’è stata un’ovazione, specialmente da parte dei produttori Orcia.

                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi