Nazionale-calcio-femminile-USA-dallo-sport-al-cinela-all’economia-MeToo

#MeToo una rivoluzione rosa: dal cinema al calcio all’economia

Nazionale-calcio-femminile-USA-dallo-sport-al-cinela-all'economia-MeToo

La squadra di calcio femminile USA fa causa alla sua federazione per discriminazione. Un film su Ruth Bader Ginsburg. 1.330.000 imprese rosa in Italia

Una-giusta-causa-film-MeToo-dal-cinema-ai-diritti-civili

Una-giusta-causa-film-MeToo-dal-cinema-ai-diritti-civili

Di Donatella Cinelli Colombini

La nazionale di calcio USA vincitrice dei mondiali ha presentato un’azione legale alla corte distrettuale di Los Angeles, accusando di «discriminazione di genere istituzionalizzata» la sua federazione sportiva, United States Soccer Federation, ed ha denunciato pubblicamente la disparità fra uomini e donne nelle buste paga, ma anche altri aspetti della vita sportiva delle atlete come i campi in cui giocano, i trattamenti sanitari e le peggiori condizioni di viaggio durante le trasferte. Tutto questo nonostante la squadra femminile sia ben più popolare di quella maschile, con l’attaccante Alex Morgan che è una delle atlete più apprezzate e tifate dal pubblico.

#metoo dal cinema alla parità fra i generi nella società

Nazionale-calcio-femminile-USA-dallo-sport-al-cinela-all'economia-MeToo

Nazionale-calcio-femminile-USA-dallo-sport-al-cinela-all’economia-#MeToo

#MeToo #metoo dal 2017 è l’hashtag della lotta contro le molestie sessuali che attraverso i personaggi dello spettacolo ha avuto un’enorme visibilità producendo un reale cambiamento nella società. Ma il cinema ha dato un altro importante contributo alla parità fra i generi.

Una giusta causa, film su Ruth Bader Ginsburg

Una giusta causa”, un film appena uscito e dedicato a Ruth Bader Ginsburg 86enne da 26 anni giudice della corte suprema americana, un’icona pop, conosciuta con il nickname The Notorius R.B.G. Nata a Brooklyn nel 1933, da genitori ebrei immigrati dalla Russia, RBG fu dagli anni ’50 in poi, un’apripista nella lotta per la parità di genere. Nonostante il suo talento, viene però rifiutata da tutti gli studi legali solo perché donna. Sostenuta dall’avvocato progressista Dorothy Kenyon, accetta un controverso caso di discriminazione di genere. Contro il parere di tutti, Ruth vince il processo che determina un precedente nella storia legale statunitense. Oggi la sua storia è un film con Felicity Jones.

Il motore rosa dell’economia italiana

1.330.000 imprese dirette da donne in Italia +2,7% negli ultimi 5 anni. Danno lavoro a 3 milioni di addetti ma durano meno delle aziende condotte dai maschi (2,3 anni) perché incontra più ostacoli.
Lo studio Donne Motore della Ripresa condotto da Terziario Donna Confcommercio e Unioncamere mostra che queste imprese siano solo l’avanguardia di un auspicabile cambiamento. Se le potenziali imprenditrici diventassero effettive genererebbero un miliardo di consumi in più rispetto all’analogo caso per gli uomini. Questa simulazione, contenuta nello studio, dipende dal più elevato effetto moltiplicativo delle donne e dal modello di sviluppo differente generato dal gentil sesso, un modello che coniuga competitività ed equità.
Il 47% delle donne che fanno impresa nel terziario sono spinte dal desiderio di valorizzare le proprie competenze e puntano al successo personale più che economico contro il 38% degli uomini. Il 14% delle imprenditrici soffre la conciliazione lavoro e famiglia e il 55% investe nella relazione con i clienti. Il 52% delle donne a capo di un’impresa dichiara di avere a cuore il benessere dei dipendenti.
Le 1.330.000 imprese dirette da donne sono il 22% del totale e per un terzo sono nel Sud Italia anche se le regioni dove il loro numero è più alto sono Lombardia e Lazio.
Si tratta di aziende mediamente più piccole di quelle maschili: infatti se la media italiana è di 4 addetti, nelle imprese in rosa questo numero scende a 2,3.

                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi