Napa-Velley-regione-del-vino-dove-sarebbe-dovuto-nascere-il-parco-della-birra

PARCO DELLA BIRRA A NAPA VALLEY?

La falsa notizia del “Parco della birra” ha scatenato il putiferio nella regione del vino più celebre degli USA ma come esperimento di PR ha funzionato eccome

 

Napa-Velley-regione-del-vino-dove-sarebbe-dovuto-nascere-il-parco-della-birra

Napa-Velley-regione-del-vino-dove-sarebbe-dovuto-nascere-il-parco-della-birra

di Donatella Cinelli Colombini

Qualche tempo fa sono usciti degli annunci a tutta pagine sul giornale Napa Valley Register con l’immagine di un teschio ridente che vomita birra e la notizia della costruzione di un nuovo parco IPA Voodoo Ranger. Riguardano un parco a tema birra su un’area rettangolare di 136 acri. Nel disegno sono visibili due otto volanti, una torre altissima con piattaforma, una zona verde centrale con una montagnetta da cui scendono cascate, una monorotaia perimetrale sospesa, almeno sei edifici di cui uno molto grande. Nella descrizione viene indicato che i visitatori avranno la possibilità di fare un giro nel canale-fiume di birra.

 

LA REAZIONE DEI RESIDENTI DI NAPA VALLEY ALLA NOTIZIA DEL PARCO DELLA BIRRA

Come è facile immaginare i residenti e i produttori di vino di Napa Valley, più prestigiosa e ricca regione enologica degli Stati Uniti, non hanno affatto gradito questo progetto e si sono indignati organizzando azioni di protesta. Il gruppo Facebook di “Not in Napa” ha anche distribuito cartelli con la scritta “Stop the beer park”.
Alcuni membri del gruppo hanno raccontato di aver partecipato a un focus group durante il quale avrebbero ascoltato altri dettagli: il parco dovrebbe attirare 40.000 visitatori al mese e organizzerebbe 3 spettacoli pirotecnici a notte.

 

COMINCIANO A SORGERE DUBBI SULLA REALE ESISTENZA DEL PARCO DELLA BIRRA

La questione cominciava a diventare seria con l’opinione pubblica sul piede di guerra e azioni di protesta sempre più vaste e organizzate. Anche le redazioni dei giornali locali hanno iniziato a fare interviste e indagini finché l’assenza di autorizzazioni e di documentazione concreta sul “Paro della Birra” ha cominciato a insospettire. Il commissario alla pianificazione di Napa, David Morrison, ha dichiarato al San Francisco Chronicle: “Non è stata identificata alcuna fonte per l’approvvigionamento d’acqua di un parco di divertimenti durante l’attuale grande siccità” come dire: mancano le concessioni per le cose indispensabili come l’acqua che certamente non può arrivare dal cielo, vista la situazione. Questo parco è una bufala!
A quel punto è cominciata a serpeggiare un’ipotesi alternativa: sarà uno scherzo o un esperimento di comunicazione su larga scala?
Tutto lascia pensare che sia così.

 

IL PARCO DELLA BIRRA A NAPA VALLEY ERA UNA BUFALA

Sembrava probabile che l’annuncio sia un gioco o meglio uno studio sulla comunicazione di massa che purtroppo ha ingannato molta gente.
Bisogna ammettere infatti che ha allarmato parecchio quelli di Napa Valley.
Sono passati oltre 80 anni (30 ottobre 1938) dallo scherzo radiofonico di Orson Welles che spaventò gli USA raccontando la “Guerra dei mondi” cioè lo sbarco degli alieni sulla terra, ma evidentemente la tecnica funziona ancora perché c’è chi crede alle notizie senza andare a vedere se sono vero o no.