Spedizioni-e-pagamenti-dalla-cantina-turistica-Casato-Prime-Donne-Montalcino

SPEDIRE IL VINO DALLA CANTINA A CASA

Spedizioni-e-pagamenti-dalla-cantina-turistica-Casato-Prime-Donne-Montalcino

Molti dei turisti del vino sono stranieri e fanno shopping in cantina solo se le bottiglie arrivano nelle loro  casa con un corriere. Istruzioni per la spedizione e il pagamento 

Spedizioni-e-pagamenti-dalla-cantina-turistica-Casato-Prime-Donne-Montalcino

Spedizioni-e-pagamenti-dalla-cantina-turistica-Casato-Prime-Donne-Montalcino

Di Donatella Cinelli Colombini

La cantina turistica ha bisogno di spedire il vino a casa dei suoi visitatori, specialmente a quelli stranieri che arrivano in aereo. Sono sempre più numerosi e spesso hanno poco tempo ma alta capacità di spesa.  Quasi nessuno di loro accetta di trasportare il vino in valigia benchè le guaine wine-skine salvino quasi sempre i vestiti nel caso le bottiglie si rompano. E’ un tipo di trasporto poco pratico.

LA SPEDIZIONE COME MOLTIPLICATORE DELLE VENDITE

L’importanza di attrezzare la cantina per la spedizione ai clienti privati, viene moltiplicata dagli acquisti da casa via internet che, soprattutto nel caso degli enoturisti, sono molto frequenti.

Per questo le cantine turistiche devono sottoscrivere almeno un contratto con un corriere (Traco, DHL, Logistics, TNT, AWS,

Spedizioni-e-pagamenti-dalla-cantina-turistica-Fattoria-del-Colle-Toscana

Spedizioni-e-pagamenti-dalla-cantina-turistica-Fattoria-del-Colle-Toscana

Express, Mail boxes …)  in modo da disporre di imballaggi, listini e moduli per le spedizioni. Ovviamente solo i vini rari, prodotti in piccole serie, oppure i fine wine ad alto prezzo, rendono conveniente la spedizione rispetto all’acquisto nell’enoteca vicino casa, ma le cantine italiane pullulano di vini d’autore per cui ricevono continue richieste di spedizione .

Le tariffe delle spedizioni dipendono dalla destinazione del vino, sono superiori quando le consegne sono espresse e quando le cantine hanno poche spedizioni mensili.

SPEDIZIONI DEL VINO IN USA

Per l’invio del vino in  USA la cantina deve usare il suo codice di sicurezza come nel caso di qualunque altra esportazione in quella nazione. Si tratta di un documento che va richiesto al  FDA (Food and Drugs Amministration) e,  per le aziende che ne sono sprovviste, può essere sostituito da quello del corriere, come Logistics, che si avvale del suo importatore. Ancora in USA, in alcuni stati è legalmente previsto che il corriere lasci la merce davanti alla porta del cliente. Questo comporta qualche problema perchè, se avviene un furto, è possibile ricevere la revoca del pagamento del vino e della spedizione. 

PAGAMENTI IN CANTINA

<<I soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito>> questo dice il Decreto Ministeriale del 16 settembre 2017 che si applica a pubblici esercizi, attività commerciali, professionisti, attività che offrono servizi … e quindi dunque anche alle cantine aperte al pubblico.

Tuttavia c’è ancora qualche azienda enologica convinta che accettare pagamenti con carta di credito sia un costo e non un’opportunità o un obbligo. Evidentemente la transazione comporta una commissione alla compagnia che gestisce la carta ma lo shopping in cantina diventa enormemente più ridotto se il visitatore è obbligato a pagare in contanti perché tutti hanno in tasca solo pochi spiccioli, specialmente se sono in viaggio.

CARTE DI CREDITO E FINTECH

Oltre tutto c’è un limite di 3.000€ per i pagamenti in contanti e quando viene richiesta la fattura è necessaria la tracciabilità anche per importi più piccoli. Quindi se arriva un enoturista svizzero intenzionato a riempire di vino il bagagliaio della sua auto e gli viene chiesto di pagare in contanti è un bel guaio.

L’accordo con la banca per l’istallazione del pos in cantina deve riguardare anche i pagamenti a distanza del cliente che ordina vino da casa. In questi casi il prelievo richiede l’autorizzazione scritta del cliente gli estremi del suo documento di identità e della carta di credito.

Altri pagamenti a distanza passano attraverso Paypal  o il carrello della vendita on line, la prima richiede l’iscrizione al web site, la seconda passa attraverso la sottoscrizione di un accordo con una banca. Più recenti ma in enorme crescita sono i mobile payment – pagamenti digitali tramite cellulare. Il pagamento viene fatto inquadrando il QRcode dal telefono. L’ambito FinTech  i colossi delle telecomunicazioni  Amazon, Apple, Google e Samsung sono già operativi con sistemi di pagamento nuovissimi  che verranno regolati a livello europeo con una direttiva coordinata PSD2.

Per questo e per l’uso di Cryptomonete come Bitcoin, che hanno fatto capolino anche nell’enoturismo, è bene che ogni cantina approfondisca l’argomento con i suoi consulenti.

 

                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi