FB_IMG_1668773760952

Le Donne del Vino di tutto il mondo firmano un patto 

SIMEI Milano 17 novembre un “Partnership Agreement” fra le 11 associazioni di enologia femminile del mondo fa cresce progetti comuni e professionalità individuali

 

Donatella-Cinelli-Colombini-Convention-mondiale-delle-Donne-del-Vino

Donatella-Cinelli-Colombini-Convention-mondiale-delle-Donne-del-Vino

Di Donatella Cinelli Colombini

In un mondo sempre più diviso le donne dimostrano come sia possibile collaborare facendo leva su ciò che unisce: la voglia di migliorarsi professionalmente, sconfiggere la diseguaglianza di genere e promuovere la cultura del vino. Da questi obiettivi discende un patto di cinque punti che impegna le 11 associazione del vino al femminile a favorire viaggi e esperienze formative delle altre, trasforma la festa delle donne del vino italiana in un evento mondiale, organizza degustazioni scambievoli e trasferimento di informazioni al fine di incrementare i rapporti fra le socie dei vari Paesi e la conoscenza dei mercati.

 

2°CONVENTION DELLE DONNE DEL VINO DEL MONDO A SIMEI 2022

Giuseppe-Festa-Alessandra-Fedi-Donatella-Cinelli-Colombini-Eugenio-Pomarici-Convention-Mondiale-delle-Donne-del-Vino

Giuseppe-Festa-Alessandra-Fedi-Donatella-Cinelli-Colombini-Eugenio-Pomarici-Convention-Mondiale-delle-Donne-del-Vino

La II° convention mondiale delle donne del vino si svolge a Milano durante SimeiSalone delle macchine per l’enologia con l’associazione italiana in veste di capofila. Le Donne del Vino sono infatti la più grande -1.018 socie- e la più attiva associazione di enologia al femminile del mondo.

Le altre partecipanti erano A.MU.VA – ARGENTINA, The Fabulous Ladies’ Wine Society-AUSTRALIA, 11 Frauen und ihre Weine – AUSTRIA, CHILE, WOW- CROAZIA, Femmes de Vin – FRANCIA, BAIA’S WINE – GEORGIA, Vinissima – GERMANIA, Women in Wine -NUOVA ZELANDA, Las Damas del Pisco – PERU’.
Il primo esito è arrivato spontaneamente: Corrina Wright premiata con il titolo Enologo dell’anno 2022 dalla Australian Society of Viticulture and Oenology ASVO ha visitato le cantine delle Donne del Vino della Campania portando il Fiano in purezza e la Falanghina metodo classico prodotti in Australia per confrontarli con quelli autoctoni in una degustazione organizzata da Valentina Carputo.

Cena-all'Osteria-del-Treno-Milano-Convention-mondiale-delle-Donne-del-Vino-2022

Cena-all’Osteria-del-Treno-Milano-Convention-mondiale-delle-Donne-del-Vino-2022

Le peruviane dopo Simei visiteranno le cantine delle Donne del Vino del Piemonte mentre le cilene stanno preparando un winery tour tra Veneto e Lazio.

 

VIAGGIO SUL GARDA ALLA SCOPERTA DEL LUNGANA

Per tutte le delegate estere partecipanti al forum è stato organizzato un bellissimo viaggio nelle provincie di Brescia e Verona per approfondire la conoscenza della denominazione Lugana e del vitigno Turbiana attraverso degustazioni e visite guidate nelle cantine Ca Lojera di Ambra Tiraboschi, Perla del Garda di Giovanna Prandini, Olivini di Giordana Olivini.

Il 2° Forum of the Women in Wine Worldwide ha avuto il suo momento clou il 17 novembre all’interno del SIMEI con il Convegno “Lo scenario del vino: evoluzioni e prospettive».

 

LO SCENARIO DEL VINO: EVOLUZIONI E PROSPETTIVE

Convention-mondiale-delle-Donne-del-Vino-Donatella-Cinelli-Colombini-Anna-Pesenti

Convention-mondiale-delle-Donne-del-Vino-Donatella-Cinelli-Colombini-Anna-Pesenti

Io ho aperto i lavori in veste di padrona di casa. Le relazioni sono state moderate da Alessandra Fedi, Wine educator. Contributi davvero interessanti di Carlos Santos CEO Amorim Cork Italia, Eugenio Pomarici Ordinario presso l’Università di Padova, Giuseppe Festa, dell’Università di Salerno e Roberta Garibaldi Università di Bergamo.

 

FORUM “VINO, DONNE E FUTURO”

Nel pomeriggio il forum vero e proprio intitolato “Donne, Vino, Futuro” e condotto da Suzanne Branciforte, Wine consultant. E’ stato il momento per me di presentare i progetti realizzati dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino e il “Partnership agreement” che legherà nel futuro le 11 associazioni dell’enologia al femminile del mondo. Poi Antonietta Mazzeo, Roberta Urso e Roberta Lanero hanno presentato il Progetto D-Vino sull’insegnamento del vino negli Istituti Alberghieri e Turistici.
E’ stata la volta delle delegazioni estere che hanno illustrato le loro attività, hanno spiegato la situazione post Covid nel loro Paese con specifico riferimento al comparto enologico.

 

PARTNERSHIP AGREEMENT FRA LE DONNE DEL VINO DI TUTTO IL MONDO

Alla fine, la firma del partnership agreement e la foto di gruppo a suggellare un momento importante della storia del vino. Quasi una pietra miliare di una strada verso la parità di genere che usa lo sharing per accrescere competenze e opportunità delle donne.
Festa finale nella Sala Liberty – Osteria del Treno a Milano, location di grande fascino e storia con architettura pre-liberty. Nata nel 1877 come emanazione della Mutua dei Ferrovieri, è stata la casa dei Ferrovieri per oltre un secolo è oggi un Presidio slow food. In questo angolo di storia milanese le donne del vino di tutto il mondo hanno gustato grandi vini fatti dalle colleghe italiane.
Un brindisi internazionale a conclusione del mio mandato da presidente e un modo gioioso per salutare le meravigliose 1.020 socie con cui ho condiviso sette anni pieni di grandi realizzazioni.