invaiatura-sangiovese-2020-Violante-Cinellicolombini

CRONACA 2020 NELLE VIGNE E NELLE CANTINE DI BRUNELLO

invaiatura-sangiovese-2020-Violante-Cinellicolombini

Nell’anno covid le vigne sono le uniche ad aver avuto la vita facile: accudite nonostante il lockdown, mai come quest’anno l’obiettivo era la bassa produzione

 

invaiatura-sangiovese-2020-Violante-Cinellicolombini

Invaiatura Sangiovese 2020 – Violante – Cinelli Colombini

Di Donatella Cinelli Colombini

Nel trambusto dei primi giorni del lockdown, mentre tutti gli italiani si chiudono in casa, i miei vignaioli continuano ad andare nelle vigne con le autodichiarazioni in macchina e le prime mascherine sul volto. Per complicare le cose, intorno al 20 marzo, mentre i germogli delle viti sono appena spuntati, arriva un’ondata di freddo che arrostisce le giovani foglioline. Poco male, tutti sappiamo che bisogna sperare in un’annata scarsa perché il covid devasterà i mercati. Devastazione che è poi avvenuta anche più del previsto. Per questo decido di abbandonare 4 vigneti per un totale di 8 ettari. Su queste superfici, che ovviamente ritengo le meno qualitative, facciamo solo lo stretto indispensabile.

 

GELATA PRIMAVERILE E RIDUZIONE SPONTANEA DELLA PRODUZIONE D’UVA

Insomma prendo in anticipo le decisioni del Ministro Bellanova sulla vendemmia verde.
L’inverno 2019-2020 è stato mite e asciutto. Durante il lookdown, alla Fattoria del Colle deserta io e mio marito Carlo ci consoliamo prendendo il sole all’ora di pranzo. La fioritura avviene fra la fine di maggio (a Montalcino) e l’inizio di giugno (alla Fattoria del Colle).

 

INVERNO ASCIUTTO E MITE, GIUGNO PIOVOSO, LUGLIO TORRIDO

Germoglio-20 marzo-2020-Fattoria-del-Colle

Prima del germoglio – 15 marzo 2020 – Fattoria del Colle

A giugno, dopo mesi di “asciuttore” arriva finalmente la pioggia facendoci tirare un sospiro di sollievo perché nonostante il covid eravamo riusciti a piantare una nuova vigna al Casato Prime Donne. Se non fosse piovuto avremmo dovuto innaffiarla.
Ma la pioggia ha anche risvolti negativi: ci sono grandi attacchi di oidio e i vignaioli ingaggiano un’autentica battaglia per difendere i vigneti. Per fermare la muffa bianca, in un’azienda biologica come la nostra, bisogna lavorare di notte e interrompere i trattamenti di zolfo ai primi raggi del sole. Uno sforzo notevole per i trattoristi e un grosso fastidio per i primi turisti arrivati alla Fattoria del Colle per rigenerarsi dopo i mesi di quarantena in casa. Pazienza, le viti passano avanti a tutto.
Decisamente il 2020 è un anno complicato per tanti motivi.

 

L’AMPLIAMENTO DELLA CANTINA DELLA FATTORIA DEL COLLE

Per paura dei contagi avevamo fermato l’ampliamento della cantina della Fattoria del Colle ma avevamo anche paura di non avere abbastanza spazio per la nuova vendemmia. Dunque all’inizio di maggio, riprendiamo i lavori con l’obiettivo di imbottigliare e usare il nuovo magazzino climatizzato (450 m2) entro giugno. Ancora all’inizio di maggio arrivano dalla Francia le botti e i tonneau. Sebbene con due mesi di ritardo, anche nel 2020, le cantiniere riescono a travasare il vino e metterlo nei nuovi contenitori.

 

NIENTE SPUMANTE 2019

Non tutto viene rimandato. Ci sono state anche alcune rinunce causate dall’epidemia: come la produzione di spumante 2019. La sola idea di fare entrare una ditta di Brescia in cantina ci terrorizza così come rimane imballata la nuova macchina di imbottigliamento perché il collaudo richiede tecnici di Bergamo. Forse siamo fifoni ma alla fine nessuno dell’azienda si ammala e quindi il sacrificio vale la rinuncia.
L’attività nelle vigne e in cantina prosegue tornando quasi alla normalità salvo le mascherine, i sanificanti e la quarantena di tutti i pacchi arrivati per corriere … Finalmente alla fine di giugno riusciamo a chiudere la tinaia sfrattando i piccioni. 7 anni di pratiche edilizie e 5 di ricerca di finanziamenti, ma ora abbiamo la possibilità di aprire e chiudere in base alle esigenze del vino. Le facciate verranno completate più avanti.

 

PREVISIONI SULLE DATE DELLA VENDEMMIA

Con luglio arriva il caldo. La seconda metà del mese è africana e le temperature scendono solo con le piogge dell’inizio di agosto. C’è qualche foglia secca ma le viti stanno bene. L’invaiatura del Sangiovese inizia verso il 20 di luglio al Casato Prime Donne a Montalcino e una settimana dopo alla Fattoria del Colle. Più o meno il ciclo vegetativo di 3 parti, ciascuna di 60 giorni, è stato rispettato: germoglio, fioritura/allegagione, invaiatura, vendemmia. Il piano della raccolta prevede: Traminer e Sangiovese base spumante, Merlot della Fattoria del Colle. Trasferimento a Montalcino per il Brunello verso il 20 settembre e ritorno alla Fattoria del Colle a fine mese per Sangiovese, Foglia Tonda e Sagrantino.
Ora non ci resta che incrociare le dita sperando che il 2020, almeno nei vigneti, ci faccia una bella sorpresa.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi