Donne del Vino festa di fine Vinitaly

Senza il covid sarebbe stato il week-end di Vinitaly

Donne del Vino festa di fine Vinitaly

Come sarebbero questi giorni se non ci fosse stato il covid. Tutto il mondo del vino a Verona con la prospettiva di un grande Vinitaly con tanti affari

 

Vinitaly -Donatella Cinelli Colombini con Sabrina Debora e Violante

Vinitaly -Donatella Cinelli Colombini con Sabrina Debora e Violante

di Donatella Cinelli Colombini

Immaginiamo cosa avremmo fatto oggi se l’epidemia covid non ci fosse stata. Stasera sarei andata nel carcere di Volterra per la Cena Galeotta organizzata da Leonardo Romanelli, iniziativa molto meritevole a sostegno dei detenuti intenzionati a crearsi un futuro come cuochi o camerieri.

 

VINITALY IL GRANDE EVENTO DEL VINO ITALIANO

Domani sarei andata a Verona con la prospettiva di partecipare alla grandiosa cena di benvenuto organizzata da Veronafiere. Si tratta di un evento spettacolare che, in certi anni ha trasformato l’Arena in uno scenario da fiaba e ultimamente si svolge negli ex magazzini del ghiaccio in uno stile industrial chic con spettacoli di ballerini acrobati, luci e menù realizzato da chef stellati. Due anni fa ho avuto in dono un elmetto da cantiere con la scritta Vinitaly che indosso con fierezza ogni volta che scendo nella mia nuova cantina in costruzione.
Durante Vinitaly io e mio marito Carlo abitiamo in un appartamento a 100 metri dalla fiera. E’ una mansarda deliziosa, confortevole e superaccessoriata perché il proprietario è un elettrotecnico.

 

Donatella Cinelli Colombini e Marzia Morganti con elmetti Vinitaly

Donatella Cinelli Colombini e Marzia Morganti con elmetti Vinitaly

VINITALY 2020 UN RIMPIANTO E UNA PROMESSA PER IL 2021

L’edizione 2020 <<sarebbe stato un Vinitaly meraviglioso>> mi ha detto il brand manager Gianni Bruno con una voce emozionata. E possiamo crederci, aveva predisposto ogni cosa nei minimi dettagli, con tutto lo spazio espositivo prenotato. Che peccato!
Fra le novità c’era un’area per gli emergenti top selezionati da Ian D’Agata. Cantine piccole e giovani ma capaci di esprimere vini di livello altissimo con qualcosa di nuovo. Sarebbe stata una proposta rivoluzionaria e capace di mostrare Vinitaly in versione talent scout.

 

DONNE DEL VINO A VINITALY

A noi Donne del Vino era stata assegnata una delle degustazioni principali, quella dei vini in anfora. Era pronta, l’avevamo preparata meticolosamente, con Ian D’Agata, cercando 12 cantine in grado di rappresentare 12 vitigni diversi e 8 regioni. Avrebbe offerto una panoramica senza precedenti dei vini italiani in anfora in cui buyer e stampa avrebbero confrontato vini in cui sono riproposte esperienze storiche, con altri che nascono da soluzioni, a volte inedite, che riguardano vitigni, processi produttivi, materiali diversi.

Degustazione Donne del Vino Vinitaly 2019

Degustazione Donne del Vino Vinitaly 2019

La mia azienda sarebbe stata protagonista di un’altra delle degustazioni TOP organizzata dal giornalista francese Raul Salama e riguardante i vini italiani prodotti sotto la guida di enologi francesi. Noi saremmo stati presenti con il Brunello Prime Donne 2015.

 

I VINI DI DONATELLA CINELLI COLOMBINI A VINITALY

Ovviamente Vinitaly è soprattutto un palcoscenico commerciale con buyer in arrivo da tutto il mondo e una serie infinita di appuntamenti e di assaggi. Quest’anno abbiamo 9 vini con punteggi oltre i 90/100 sulla stampa internazionale e i Brunello 2015 superstar. Avremmo fatto faville!!!!!

Lo stand aziendale è fuori dal padiglione della Toscana, si trova al centro del padiglione 6 perché, quando creai la mia azienda, nel 1998, fu accolta in un’associazione di produttori vignaioli, chiamata VIDE, che aveva la sua area collettiva in quel punto e da li non mi sono più mossa. Anzi, anche il mio importatore in USA, che possiede la splendida azienda Tolaini in Chianti Classico è venuto accanto a noi unificando i servizi “nascosti al pubblico”. In futuro speriamo di sopraelevare insieme perché gli stand sono diventati piccoli per entrambi.
Essere lontani dal padiglione regionale ha vantaggi e svantaggi.

Vinitaly2016 Danese Mantovani e Bruno con Donatella Cinelli Colombini

Vinitaly2016 Danese Mantovani e Bruno con Donatella Cinelli Colombini

Non c’è l’importatore che si ferma per caso, anche se ormai il sistema di matching on line messo in piedi dalla Fiera, rende meno casuale la ricerca delle cantine da parte dei buyers. I vantaggi sono nella maggiore privacy. Le altre cantine, più dirette concorrenti, non vedono chi incontri e soprattutto non vengono a battere sulla spalla di giornalisti e importatori chiedendo loro di passare anche nel loro stand.
Inoltre, il padiglione 6, che contiene le cantine di Friuli Venezia Giulia e Alto Adige, ha una striscia di ottimi produttori misti “nell’area di confine”. Noi siamo in buonissima compagnia: davanti c’è l’Abbazia di Novacella, accanto Villa Matilde, dietro Antonelli  e poco distante lo stand delle Donne del vino con cui devo essere sempre in contatto. Si perché <<a Vinitaly mamma è come non averla>> dice mia figlia Violante, riferendosi ai numerosissimi convegni, incontri … a cui devo presenziare come presidente dell’associazione.

 

LA CENA FINITALY CHE CONCLUDE LA FIERA ALLA GRAND GUARDIA

L’ultimo è quello più bello e riguarda la cena nel Palazzo della Gran Guardia con 250 invitati.

Donne del Vino festa di fine Vinitaly

Donne del Vino festa di fine Vinitaly

Un evento con oltre 150 vini DDV in assaggio serviti dalla squadra delle sommelier Donne del Vino coordinate da Cinzia Mattioli, la cena preparata dalla bravissima chef piemontese Marina Ramasso, musica dal vivo e la premiazione della cantina femminile più etica e sostenibile da parte di Carlos Santos di Amorim Cork, l’annuncio delle 2 Donne del Vino designate come giurate alla Sélections Mondiales des Vins Canada da parte della bravissima Nancy Rossi e ……. la torta della benfinita da tagliare con il Presidente Maurizio Danese, il DG Giovanni Mantovani, Gianni Bruno, Stevie Kim e gli altri amici di Veronafiere per fare una enorme foto di gruppo con tutte le socie e celebrare un Vinitaly meraviglioso.
Un Vinitaly che non c’è stato.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi