Toscana-camino-fattoria-del-Colle

Donatella, i primi anni alla Fattoria del Colle

Fattoria del Colle camino

Donatella Cinelli Colombini racconta il passaggio da Montalcino a Trequanda. 35 km che dividono due mondi molto lontani. Gli anni delle speranze alla Fattoria del Colle

Chiesa Santi Pietro e Andrea Trequanda

Trequanda Chiesa Parrocchiale

I miei primi anni a Trequanda (dal 1998) alla Fattoria del Colle, sono stati davvero difficili. La distanza da Montalcino è solo di 35 km ma tutto sembrava fermo rispetto alla terra del Brunello che correva verso il successo internazionale. D’inverno nella Fattoria del Colle era freddo. Solo una piccola parte della villa  in cui abitavo era riscaldata e per dormire mi trasferivo in un appartamento agrituristico. Per portare fuori il cane di notte bisognava far rumore con i coperchi delle pentole per scacciare i cinghiali che arrivavano davanti al portone. Mi sentivo in esilio e anche un po’ sopraffatta dai problemi anche perché ero sola; mio marito e mia figlia arrivavano solo nel fine settimana.

LA  FATTORIA DEL COLLE ASPETTAVA DONATELLA

Poi successero delle cose strane. Via via che i restauri procedevano scoprivo misteriosi segni del passato che mi dicevano << aspettavamo proprio te >>. I miei antenati Socini avevano costruito la fattoria del 1592 per perderla qualche anno dopo a causa della loro opposizione alla Chiesa. Ma qualcosa li ha misteriosamente riportati qui. Nel 1919 il mio bisnonno Livio Socini ricomprò la Fattoria del Colle per caso e poi scoprì che  c’erano stemmi uguali al suo  dappertutto. Segue un periodo di minore cura, nel 1998 arrivai io, e il passato tornò a galla ancora una volta. Leggevo di un eremo medioevale e poco dopo lo trovavo nascosto sotto tini in disuso. Un vecchio zio mi parlava di un ingegnoso sistema di allarme con una campana sul tetto azionata da una corda nascosta nel “salotto di fattoria”. Arrivando a casa e la vedevo. Comparivano persino stanze rimaste chiuse da tempo immemorabile dentro l’edificio …. La <<mission impossible>> di riportare la Fattoria del Colle al suo antico splendore mi avvinceva sempre di più, anzi più le difficoltà sembravano insormontabili, più mi caricavo.

Trequanda Siena

Trequanda panorama dalla Fattoria del Colle

TREQUANDA  UN PAESE DA AMARE

E le difficoltà contingenti c’erano. Eccome se c’erano. Abituata a Montalcino dove si viene letteralmente sospinti in avanti dalla fama dei brand Montalcino e Brunello mi trovavo in una situazione dove la spinta all’intero territorio dovevo darla io.
Ricordo un episodio: avevo ospitato due amici stranieri che poi proseguirono il viaggio per Montalcino fermandosi dal fioraio per mandarmi un mazzo di rose. Quando dissero l’indirizzo fioraia risposte << Trequanda, provincia di …?>> perché non l’aveva mai sentita nominare benché distasse solo 35Km.
C’era poi una sostanziale differenza di mentalità: se infatti nella mia terra montalcinese tutti erano e sono convinti di essere in un luogo di eccellenza, una specie di terra benedetta da Dio, qui a Trequanda era in contrario. La popolazione si sentiva in un posto di “serie B” dove << non c’è niente>> per cui persino i bambini si chiedevano << cosa ci trovano i turisti, perché vengono? >>.

Fattoria del Colle camino

Toscana camino monumentale della cantina cinquecentesca Fattoria del Colle

LE AZIONI PER COINVOLGERE BAMBINI E ANZIANI DI TREQUANDA

Per questo motivo insieme alla mia amica e ottima PR  Marzia Morganti Tempestini mettemmo in piedi un progetto riguardante i più piccoli. Li facevamo incontrare con i giornalisti in modo che vedendo le proprie immagini nei giornali e in TV aumentasse in loro “l’orgoglio trequandino”. Lavorai anche sulle persone anziane che, allora come ora, costituiscono la maggioranza della popolazione. Ricostruii il ricettario locale attraverso le loro testimonianze orali. Ne derivò un librettino arancione pubblicato dalla Libreria Editrice Fiorentina con il nome “Ricettario di Monte Oliveto e Trequanda nelle Terre Senesi” che viene ancora venduto nei book shop della zona.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi