Zuppa-di-Trequanda-della-Fattoria-del-Colle

ZUPPA DI TREQUANDA

Zuppa-di-Trequanda-della-Fattoria-del-Colle

La zuppa di pane, la più classica delle ricette toscane cambia in ogni paese ma a Trequanda, vicino alla Fattoria del Colle, è speciale

 

Zuppa di Trequanda

Fattoria del Colle Zuppa di Trequanda

 

 

In genere la zuppa di pane toscana è una saporitissima minestra di verdure versata sul pane. E’ dunque vegana. Solo la ciancifricola e la minestra di Pasqua contengono anche l’uovo.
C’è tuttavia un’eccezione: a Trequanda. Il ricettario del piccolo borgo medioevale vicino alla Fattoria del Colle ci sono due minestre di pane con il maiale. La zuppa con lo zampino e la minestra trequandina.
Qui di seguito trascrivo la ricetta che ho ricevuto dalle massaie di Trequanda e che è stata illustrata da Silvia Argilli con straordinaria maestria. Silvia è una delle giovani poliglotte che accolgono i turisti nell’agriturismo della Fattoria del Colle ma ha un passato di pittrice e di illustratrice.

ZUPPA DI TREQUANDA INGREDIENTI

Mezzo chilo di fagioli bianchi
Una cipolla rossa
Due etti di prosciutto salato di cinta senese (è essenziale che sia molto grasso in alternativa usare prosciutto e rigatino) tagliato a fette molto spesse
Un mazzetto di prezzemolo,
Mezzo bicchiere di olio extravergine,
Un quarto di cavolo verza,
Una carota,

zuppa di pane di montalcino

ricetta tipica di Montalcino

Due costole di sedano,
Un mazzetto di bietole,
Qualche cespo di spinaci,
Due o tre zucchini,
Un manciatino di fagiolini,
300 grammi di pane casalingo toscano senza sale
La cucina toscana è semplice ma per sprigionare i suoi intensi sapori ha bisogno di ingredienti di ottima qualità. Verdure appena colte e vero pane fatto con lievito madre. Venite al Ristorante della Fattoria del Colle per assaggiarla e capirete la differenza

PREPARAZIONE DELLA ZUPPA DI TREQUANDA

Mettere a bagno i fagioli bianchi il giorno prima. Lessarli in acqua salata.

A parte soffriggere in olio extravergine la cipolla, il prosciutto tritato a dadini e il prezzemolo. Farli imbiondire.
Tagliare a pezzi cavolo verza, carota, sedano, bietola, spinaci, zucchini e fagiolini. Aggiungerli al soffritto. Salare e cuocere a fuoco basso aggiungendo acqua via via che la minestra si asciuga. Dopo circa un’ora unire metà dei fagioli con la loro acqua e passare i rimanenti nel passaverdure per poi aggiungere anch’essi. La cottura deve proseguire per oltre un’ora a fuoco basso facendo molta attenzione perché tende ad attaccarsi.
Tagliare il pane, tostarlo in forno, deporlo nella zuppiera e rovesciarvi sopra la minestra di verdura ancora bollente. Portare in tavola insieme all’olio extravergine da versare a crudo su ogni porzione.
La minestra avanzata può essere servita il giorno dopo mescolandola al pane e scaldandola in forno. A mio parere è ancora più buona.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi