Forum: vino e tanto altro

I nuovi concorsi enologici hanno una giuria femminile

Il nuovo peso delle donne come esperte, produttrici, acquirenti e consumatrici di vino è consacrato da 4 concorsi enologici a giuria femminile

 

Daniela Scrobogna

Daniela Scrobogna

Negli ultimi 10 anni l’importanza del giudizio femminile sul vino è andato costantemente crescendo di pari passo all’aumento numerico e l’accresciuta competenza delle consumatrici. Se alla fine del Novecento, fra i degustatori della Guida dei vini del Gambero rosso,  c’erano solo maschi oggi Eleonora Guerini  “Lady Wine” vi ricopre un ruolo di primo piano come Daniela

Eleonora Guerini

Eleonora Guerini

Scobogna nel “Duemilavini” di Bibenda AIS.

La manifestazione più eclatante del l’aumento d’ importanza del gentil sesso, riguarda i concorsi enologici con giurie interamente femminili. Ce ne sono almeno 4:

“Wine Women Wont” –  National Women’s Wine Competition che si è svolto a Santa Rosa California  nel 2007 e 2008 prossima edizione settembre 2012.

Femmes et vins du monde

Femmes et vins du monde

Femmes et Vins du Monde” ha luogo nel  Principato di Monaco, è riservato ai vino con denominazione ed ha anch’esso una giuria femminile  presieduta dall’enologa Régine Le Coz. www.femmesetvinsdumonde.com

Féminalise” , Beaune in Francia, è riservato ai vini francesi con denominazione che vengono assaggiati alla cieca da 350 esperte. Creato nel 2007 avrà la prossima edizione 19 aprile 2012. Propone anche un interessante saggio con lo stesso titolo  www.feminalise.com

Premios Vino y mujer”  5° edizione 21-23 marzo 2012 in Spagna ha una giuria di donne che giudica vini fatti dalle donne.  www.vinoymujer.com

lL Governatore Manzari : – Mi piace questo Lions Club!

Il Lions Club Montalcino La Fortezza ha scelto un luogo con ottocento  anni di storia e intorno le vigne di Brunello per ricevere il Governatore Michele Manzari

Montalcino-Pieve di san Sigismondo-Lions Club Montalcino la Fortezza

Montalcino-Pieve di san Sigismondo-Lions Club Montalcino la Fortezza

Pieve di San Sigismondo : un I° d’aprile senza pesce e senza scherzi  perché tutto è filato liscio secondo le previsioni.  Una giornata iniziata presto con la riunione di Consiglio in vista dell’ingresso di nuovi soci. Alle 11, puntualissimo, è arrivato il Governatore del  Distretto Lions 108 La Michele Manzari. Sua moglie Rita e gli altri ospiti hanno proseguito per il vicino castello di Poggio alle Mura – Banfi  dove hanno visitato il Museo del vetro da vino, mentre i 26 soci del Lions Club Montalcino La Fortezza hanno mostrato al Governatore il loro operato. Tante piccole iniziative di tante persone generose, unite e industriose. Tutti hanno dato una mano: c’è chi ha cucinato, chi ha insegnato agli immigrati, chi messo a disposizione la sua casa, chi ha  insegnato a cucinare, chi ha organizzato feste danzanti  o gite …. Un programma che ha unito i soci facendoli sentire utili e felici di vivere esperienze insieme.  Tanto lavoro che ha consentito di raccogliere fondi per il Dynamo Camp e per un service locale che verrà realizzato nei prossimi mesi  e costituirà una prosecuzione del Premio Losappio.

Oscar Giannino critico sul Governo: troppe tasse e poco sviluppo

Ospiti di Confesercenti Siena Oscar Giannino, Andrea Cabrini, Ennio Doris e Marco Venturi scuotono la “città banca” Siena parlando di politica e economia

29 marzo Giannino, Doris, Cabrini, Venturi, Mugnaioli

29 marzo Giannino, Doris, Cabrini, Venturi, Mugnaioli

Di Chiara Nesi

Sembrava “Porta a porta” ma era il  Teatro dei Rozzi di Siena e il padrone di casa non era Bruno Vespa la ma Confesercenti . Il dibattito però era degno del più seguito programma di attualità politica. Un  talk show di altissimo livello con il direttore di “Class” CNBC Andrea Cabrini  in veste di moderatore e  fra gli ospiti Marco Venturi,  Presidente Confesercenti, Ennio Doris Presidente della Banca Mediolanum, Alessandro Mugnaioli Assessore al Comune di Siena e Oscar Giannino, il più eccentrico e brillante fra i giornalisti economici italiani. Giannino è noto per il suo abbigliamento trasgressivo e vistoso, pare anzi che si disegni personalmente gli abiti. A Siena aveva un abito color prugna  decisamente più sobrio rispetto al suo standard, ma diversissimo dal completo grigio “stile manager” degli altri intervenuti.

Kerin O’Keefe brava, bella, giovane e amante del Brunello

Kerin O’Keefe: scrive per The World of Fine Wines,  Wine,  Decanter,  Wine News …. È un’ ottima assaggiatrice, giornalista e consce Montalcino meglio di me

Brunello di Montalcino di Kerin O'Keefe

Brunello di Montalcino di Kerin O'Keefe

Il suo nuovo libro si intitola “Brunello di Montalcino” ( 300 pp. 36,60€) e racconta i posti, le persone e persino le ricette con la sicurezza di cui conosce la zona come le sue tasche e con la precisione di chi ha un archivio di migliaia di appunti.  Non so quanto abbia soggiornato a Montalcino ma certamente parecchio. Il tono è leggero quasi da racconto agli amici ma le notizie sono precise e sempre esaurienti.

E’ chiaro che adora questa terra ma non fino al punto da evitare gli argomenti spinosi, affronta il tema Brunellopoli (in inglese  “Brunellogate”) raccontando i fatti nel dettaglio e dicendo la sua opinione senza troppi complimenti. I titoli di questa sezione hanno l’humor anglosassone “To be Brunello or not to be Brunello” e poi “ Incoclusive conclusions” . Dopo la citazione letteraria il gioco di parole.

Angelo Gaja si chiede: Il vino italiano mancherà?

L’Italia consuma e esporta 45 milioni di ettolitri di vino e ne produce poco più di 40. Una grande opportunità secondo Gaja che propone i modi per sfruttarla

Wine Spectator -copertina Angelo Gaja

Wine Spectator -copertina Angelo Gaja

di Angelo Gaja 19 marzo 2012

IL VENTO DELL’EUROPA    Il mercato del vino italiano attraversa una fase di profondo cambiamento ed offre spunti di lettura contrastanti. Il consumo interno cala mentre l’export cresce. Ci sono produttori di vino che fanno difficoltà a vendere ed hanno le cantine piene, altri che sfruttano le opportunità dei mercati e svuotano le cantine. Il pessimismo di maniera si confronta con la retorica dell’ottimismo. Dove sta la verità? I numeri non dicono tutto ma aiutano a capire.

Ca Marcanda - Bolgheri - Gaja winery

Ca Marcanda - Bolgheri - Gaja winery

L’export del vino italiano sfiora i venticinque milioni di ettolitri annui ed il consumo interno è di poco superiore ai venti: assieme costituiscono un fabbisogno di quarantacinque milioni di ettolitri ai quali va aggiunta la richiesta degli acetifici e degli utilizzatori di alcol. La produzione annuale dell’Italia rilevata dalla media degli ultimi cinque anni stenta a soddisfare il fabbisogno.  Il vino verrà a mancare?

CAUSE CHE CONTRIBUISCONO AD EQUILIBRARE IL MERCATO Hanno contribuito il riscaldamento climatico e lo stato di avanzata obsolescenza del cinquanta per cento dei vigneti italiani ma ad accelerare il processo, in modo largamente inatteso, sono gli effetti prodotti dalla riforma del mercato europeo del vino voluta, imposta da Bruxelles ed entrata in vigore il 1° agosto 2009.

A cena con i Rôtisseurs nella piccola Versailles di Malta

Ospiti di Joseph e Elsie Xuareb a una cena da sogno nel più bel palazzo di Malta con i Rôtisseurs di tutta Europa

Malta Palazzo Parisio - Chaine des Rotisseurs - Gala dinner for 30Th anniversary Bailliage National de Malta

Malta Palazzo Parisio - Chaine des Rotisseurs - Gala dinner for 30Th anniversary Bailliage National de Malta

La Confrérie de la Chaîne des Rôtisseurs è un’associazione internazionale fondata a Parigi riallacciandosi alla corporazione medioevale dei rosticcieri “Les Oyers” o “Goose Roasters” del 1248  da cui il nome “Rotisseurs”.  Per secoli questa confraternita ha promosso l’eccellenza culinaria finchè, nel 1793, la rivoluzione francese, la soppresse. L’associazione moderna nasce nel 1950 come un ordine mondiale di Gourmets Dégustateur. Ne fanno parte  24.000 membri di 75 nazioni, professionisti e amatori uniti dalla passione per i grandi vini e la cucina d’eccellenza.

Ogni Paese  ha un’associazione nazionale chiamata Bailliages con sottosezioni regionali. Il 17 marzo la Belliage nazionale di Malta celebra il 30 compleanno con un “Chapitre International” organizzato dal mio carissimo amico  Joseph Xuereb “Bailli Délégué”. Eccoci al  gala dinner nel Palazzo Parisio  di Naxxar la piccola Versailles di Malta, una residenza aristocratica di grande suggestione che fu anche la casa del Gran Maestro dei Cavalieri di Malta. Soffitti con stucchi dorati, parco con viali di bosso e statue, insomma quasi una reggia in miniatura per una serata in abito lungo.

Marzia Morganti Tempestini e il Ministro Mario Catania

Elegante, calmo, autorevole il Ministro Catania ci piace sempre di più. Finalmente darà  nuove regole alle etichette in modo che rivelino l’origine dei prodotti

Marzia-Morganti-Tempestini

Marzia-Morganti-Tempestini

Visto per voi da Marzia Morganti Tempestini

Di recente, ho avuto modo di seguire un paio di conferenze stampa del Ministro Mario Catania. Mi sono sentita rassicurata da questo distinto signore, sempre impeccabile, misurato, competentissimo di agricoltura. Non ha il piglio comunicativo di Luca Zaia, ma di certo non fa rimpiangere  il Ministro Giancarlo Galan, più adatto ai beni culturali e soprattutto il Ministro Saverio Romano.  Rivaleggia per sobria leganza con Paolo De Castro e, come  Walter Luchetti grande amico di Donatella Cinelli Colombini, si è fatto le ossa difendendo l’agricoltura italiana nelle difficili trattative comunitarie. Non è un politico. L’unico neo è il nome del dicastero MIPAAF. Ma che orribile sigla per un Ministero dal nome chilometrico “Ministero delle politiche agricole, ambientale e forestali”.

Giovani e alcol: dalla ricerca della felicità all’abuso

 “Alcol e giovani” a cura di Augusto Marinelli (Franco Angeli pp. 172 € 23)  utilissimo per capire i giovani e non solo i loro eccessi

Alcol e giovani

Alcol e giovani

Ho conosciuto Augusto Marinelli vent’anni fa.  Augusto era Assessore all’agricoltura alla Provincia di Firenze ed io il Presidente del Movimento del turismo del vino. Lui – napoletano e professore universitario- portava nella politica toscana il coraggio per nuove sfide e insieme facemmo nascere alla Rufina la prima Strada del vino di nuova generazione cioè costruita per le cantine aperte al pubblico. Poi lui diventò Magnifico Rettore dell’Università di Firenze e io Assessore al comune di Siena. Non siamo più riusciti a collaborare benché ci leghi una simpatia e una stima reciproche. Augusto mi ha persino conferito il Salomone d’Oro in occasione degli 80 anni dell’ateneo fiorentino.

Veniamo al libro “Alcol e giovani”. E’ forse il più interessante e stimolante studio pubblicato sull’argomento. Nella

Augusto Marinelli

Augusto Marinelli

prefazione Augusto Marinelli riassume le dimensioni del problema anticipando l’analisi pubblicata alla fine e condotta su un campione di 200 persone.

Decessi e patologie collegabili all’abuso d’alcol hanno un costo stimabile nel 3,5% del pil nazionale. Una cifra enorme che mette la prevenzione al primo posto fra gli obiettivi della salvaguardia della salute. A questo si aggiungono le lacrime e le sofferenze di troppa gente.

Leggendo vengono fuori le cause e le dinamiche del problema con chiarezza agghiacciante. Un disagio giovanile diffuso e innescato dalla ricerca del benessere individuale che induce comportamenti di consumo sbagliati e spesso collegati al bisogno di condividere e di integrarsi nel gruppo.

A Foligno, “nel centro del mondo” a tutto Lions

Foligno, Montefalco, i musei, le cantine, la gastronomia, la tela umbra … una domenica con i Lions Club di Foligno e Montalcino La Fortezza

Per i senesi  l’Umbria è vicina ma culturalmente lontana. La frontiera che divideva il Granducato dallo Stato della Chiesa fino a

Lions Club Montalcino La Fortezza e  Foligno

Lions Club Montalcino La Fortezza e Foligno

150 anni fa è una barriera invisibile che tuttavia fa sembrare distanti anche posti relativamente vicini.

Ecco perché l’escursione a Foligno ha il sapore della scoperta, dell’avventura, del viaggio. Già questo è eccitante, poi c’è il piacere di essere accolti dagli amici del Lions Club con in testa Salvatore Zaiti e di passare una giornata ricchissima di esperienze.

Il centro storico di Foligno sorprende tutti. Non per “lo centru du mundu” l’incrocio che è al centro della città, che è al centro dell’Umbria, che è al centro d’Italia e quindi del globo. Foligno ci fa camminare nel medioevo e che medioevo! La cattedrale con gli splendidi portali ed i rosoni che sembrano merletti, Palazzo Trinci con le sale affrescate da Gentile da Fabriano che fanno rivivere la vita cortese dei ricchi e colti mercanti folignati. Dopo un po’ anche noi ci sentiamo dame e cavalieri quattrocenteschi.

Sorprese al museo del tartufo, vecchi amici e sculture luminose

Il territorio del Tartufo bianco delle Crete senesi ha il suo cuore nel museo  di San Giovanni d’Asso. Ora è il momento del tartufo marzuolo

Il museo è in un elegante castello del XII – XIV secolo in mattoni e bifore gotiche a cui si accede da un viale di lecci.

San Giovanni d'Asso - Museo tarufo - candelieri di Stefano Benassi

San Giovanni d'Asso - Museo tarufo - candelieri di Stefano Benassi

Entrando si sente il brivido da “principe azzurro” perché sembra di vivere una favola. Siamo a 10 km dalla Fattoria del Colle talmente vicino da poterci andare a piedi.

Ci vado ieri, in occasione della festa del Tartufo marzuolo. Per la verità a me piace il mitico tartufo bianco ma  per gustarlo bisogna aspettare novembre.

Nell’ingresso del castello ho delle piacevoli incontri: Bruno Bruchi eccellente gastronomo e superbo fotografo – ha lavorato per Kalvin Klein e per Mercedes -. Per le scale del castello trovo Annamaria Guiducci storica d’arte, coordinatrice della Pinacoteca di Siena e suo marito Gianfranco Molteni antropologo direttore del Museo della Mezzadria di Buonconvento.  Sono reduci dalla degustazione del cioccolato col tartufo – un binomio intrigante. Questa campagna toscana solitaria non è poi così solitaria!

Utero sintetico e carriera, sono queste le mamme del futuro?

Il programma TV ” Voyager” del 5 marzo presenta le ricerche scientifiche sulla gravidanza in laboratorio. Un futuro che sembra gradito a tantissime donne

 

gravidanza

gravidanza

Da qui parte la riflessione sulla gravidanza in Paese “ulta mammone”  come l’Italia. La domanda è: c’è una relazione fra i congedi per maternità  che da noi sono superiori a ogni altro Paese Europeo e la proliferazione di mamme laureate casalinghe che si aggrappano ai figli maschi trasformandoli in bamboccioni e che si comportano come suocere streghe?

L’ Italia è al 20° posto in Europa per natalità benché il dato sia cresciuto dal 2002 al 2008 passando da 1,2 figli a 1,4 solo grazie agli immigrati.  Già qui ci sono evidenti sintomi di criticità ma il bello viene dopo.  Mentre in Francia e in Olanda le differenze fra i tassi di occupazione delle donne senza figli, con 1 figlio o con 2 figli sono modestissime in Italia la forbice fra la percentuale di occupazione delle donne senza prole e quelle con un figlio è di 4 punti e arriva a 10% con il secondo. In pratica, in Italia, una donna su 4 lascia il lavoro dopo la maternità.  Di queste donne circa la metà  è letteralmente spinta  fuori cioè licenziata o messa nelle condizioni di dimettersi. Parliamo di 800.000 madri soprattutto del Sud e soprattutto con basso titolo di studio.

Ricetta: seppia nera con triglia di Zazzeri per le Donne

8 marzo con le Donne del vino della Toscana, i Sommelier AIS di Livorno e lo chef stellato Michelin del Luciano Zazzeri del ristorante La Pineta di Bibbonavisto per voi da Marzia Morganti Tempestini[caption id="attachment_6816" align="alignleft" width="221" caption="Luciano Zazzeri ricetta seppia nera con triglie"][/caption]L’8 marzo - festa delle donne - una serata da sogno, tutta in rosa, vedrà protagoniste le Donne del Vino della Toscana coordinate da Donatella Cinelli Colombini e i sommelier AIS di Livorno guidati da Paola Rastelli e il grande chef Luciano Zazzeri che ha studiato un menù speciale per una festa della donna indimenticabile. A...

Il turismo che varrà? Il doppio di oggi

In vent’anni passeremo dai 980 milioni di viaggiatori di oggi a un miliardo e 800 milioni. Bel cambiamento! Nel 1950  varcavo i loro confini in 25 milioni

letto per voi Donatella Cinelli Colombini

Taleb Rifai

Taleb Rifai

Ci aspetta dunque un’accelerazione di opportunità e di rischi. Infatti il turismo porta in grembo affari, nuovi posti di lavoro, ma allo stesso tempo cannibalizza le destinazioni riempiendole di negozi  di souvenir tarocchi, modifica i menù dei ristoranti in base al gusto della clientela turistica ed è persino in grado di omologare  le architetture trasformando bar, ristoranti e alberghi in “non luoghi” uguali in tutto il mondo.

Insomma il rischio c’è ma ci sono anche grandi opportunità che scaturiscono tuttavia dalla possibilità di investire per consentire ai visitatori di arrivare, infatti la metà di loro viaggerà in aereo e se vogliamo che volino fino a noi bisogna pensare fin d’ora all’allargamento degli aeroporti come la Gran Bretagna con il nuovo scalo dell’isola di Grain.

Le proiezioni sul turismo del futuro sono tratte da un bellissimo articolo di Taleb Rifai ( WTO Segretario Organizzazione mondiale del turismo) pubblicato in “Risposte Turismo” un periodico scientifico che fornisce sempre dati utili e assolutamente attendibili.

Antonio Galloni bravo, onesto e bello, sarà il re del vino

Può un delfino nuotare nel vino? Si, è Antonio Galloni l’erede e quindi delfino di Rober Parker Jr. del Wine Advocate il re e più ascoltato critico del vino

Robert Parker Jr - Wine Advocate

Robert Parker Jr - Wine Advocate

letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

Il Wine Advocate ha un’apparenza dimessa:  è un fascicolo in carta gialla spillata al centro e stampata in nero, non ci sono foto e la grafica è schematica come un catalogo di prezzi. Invece è la più temuta (dai produttori) e autorevole rivista di giudizi sul vino. La dirige Robert Parker Jr. un ex avvocato di Baltimora  che poco dopo i quarant’anni  lasciò la professione e inventò il punteggio in centesimi per i vini. Oggi lui e il suo staff  degustando 10.000 bottiglie di tutto il mondo ogni anno.  Sono inavvicinabili e incorruttibili. Nessuno può vantarsi di aver loro fatto regali o inviti. Nel Wine Advocate non c’è pubblicità  e questo gli da libertà di giudizio e una forza enorme.

Ora Parker ha 65 anni e sceglie il suo successore. Si tratta di Antonio Galloni 41 anni, un bell’uomo, calmo, intelligente, che parla italiano e ama la musica. 

Enogastronomicamente comunicando

Letto per voi da Donatella Cinelli Colombini

E’ il manuale scritto da Fabio Piccoli e Lavinia Furlani  che insegna a valorizzare sé stessi e la propria azienda

Enogastronomicamente comunicando

Enogastronomicamente comunicando

(Edizioni Le Foglie del Gelso pp. 112, € 18)

Una coppia di autori davvero sorprendente: Fabio è un giornalista del settore agroalimentare, esperto di marketing, Lavinia è una consulente filosofica. Coppia sorprendente ma dai risultati formidabili perché il libro ha un taglio autenticamente nuovo e invece del solito elenco di consigli pratici “pronti per l’uso”, va alla radice dei problemi: la sincerità, la coerenza, il coraggio, la narrazione di sé, la noia per le cose già dette e il bisogno di essere creativi, ottimisti, orgogliosi del proprio lavoro….

La tattica scelta  per insegnare questi “fondamentali” è degna di un filosofo come Lavinia Furlani, perché parte dalle parole dai loro significati. C’è dunque una sorta di glossario che, passo dopo passo, insegna ad assumere un atteggiamento comunicativo.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi