Forum: vino e tanto altro

Baci da Polignano

Luca Bianchini ha scritto il terzo divertentissimo libro della saga di Don Mimì e Ninella. Baci da Polignano diventerà un film? Forse ma intanto leggete il libro

 

Luca Bianchini - Baci da Polignano

Luca Bianchini – Baci da Polignano

di Donatella Cinelli Colombini

Ricordate “Io che amo solo te” e poi “La cena di Natale” che sono diventati film con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Michele Placido … e ricordate la canzone interpretata da Alessandra Amoroso con la sua voce potente, calda e sensuale? La storia continua in un libro che dovete assolutamente comprare prima di andare al mare.

 

BACI DA POLIGNANO DI LUCA BIANCHINI

Si intitola “Baci da Polignano” (Mondadori pp. 235 € 18) di Luca Bianchini e ci racconta una Puglia che cavalca il successo turistico alternando ostentazione e tradizionalismo, nomi inglesi come cake designer o fitting insieme alle orecchiette fatte a mano, matrimoni hollywoodiani e piccole gelosie domestiche. Un ritratto ironico divertente ma anche molto vero di una società dove le apparenze, amplificate dai social, condizionano la realtà e i rapporti finché l’amore e i sentimenti rimettono le cose a posto.

Baci da Polignano di Luca Bianchini

Baci da Polignano di Luca Bianchini

 

TANTE STORIE D’AMORE CHE INSEGNANO A CREDERE NEI SENTIMENTI

Amori veri, aspettati per anni come quello fra Don Mimì e Ninella nato in giovinezza e troncato dalle famiglie ma talmente forte da continuare tutta la vita. Amore che stava per finire e invece ricomincia ad ardere fra Chiara e Damiano, giovani sposi con troppe tentazioni extraconiugali. L’amore improbabile fra la presuntuosa Matilde e il suo inserviente Pasqualino che tuttavia è meglio di come sembra. Amore fra amici come quello fra Daniela e Mario entrambi gay che si ficcano in situazioni paradossali fingendosi una coppia e andando a cena da una coppia di scambisti etero.
Mentre leggevo il libro avevo 4 costole rotte per cui ho dovuto letteralmente saltare le pagine più divertenti perché avrei finito di troncare i miei ossicini. Ovviamente le ho lette dopo, erano troppo forti!!!!!

 

Maria Rosaria Ciullo e le borse dei desideri di Gallipoli

Andate al mare in Puglia? Ecco una cosa da non perdere: nel castello di Gallipoli troverete delle borse fatte a mano dove mettere i desideri ed andare per il mondo

 

Gallipoli, borse, Emozioni in libertà, Maria Rosaria Ciullo

Gallipoli, borse, Emozioni in libertà, Maria Rosaria Ciullo

Di Donatella Cinelli Colombini

I primi di ottobre, mentre era ancora in corso la vendemmia, sono andata in Puglia invitata dal mio amico Senatore Dario Stefano per un convegno sul turismo del vino. Ero stanchissima dopo un viaggio in Russia e con le valige già pronte per altri tre impegni di lavoro all’estero uno dietro l’altro.

 

IL CASTELLO DI GALLIPOLI E LE BORSE CON I DISEGNI DELLE CEMENTINE PUGLIESI

In Puglia mi sono rigenerata: la bellezza raffinata di Lecce, i frantoi ipogei di Gallipoli, la strepitosa cucina locale ed i vini rosati da far innamorare … e ovviamente tanti amici.

Poco prima del convegno, dentro la poderosa fortezza di Gallipoli, località estiva più cool d’Italia, vedo un negozio di artigianato pugliese molto diverso da tutti gli altri.

Puglia - convegno sull'enoturismo organizzato da Dario Stefano

Puglia – convegno sull’enoturismo organizzato da Dario Stefano

In particolare mi colpiscono delle borse in cuoio e tessuto stampato con i disegni delle antiche cementine salentine. Non avevo mai visto oggetti così ben fatti e così capaci di unire la tradizione locale con le nuove tendenze della moda. Adoro le cose fatte a mano, quelle dove la maestria degli artigiani recupera e rinnova la cultura locale. Per questo mi avevano colpito e mi ero complimentata.

 

EMOZIONI IN LIBERTA’ DI MARIA ROSARIA CIULLO

Oggi mi è arrivato un pacco azzurro che sembra dipinto ad acquarello e sopra la scritta <<Emozioni in Libertà – Made in Salento>>, ma erano le frasi sui lati a colpire <<nell’imperfezione la bellezza>> e <<le vere emozioni non si cancellano più, perché hanno toccato il cuore e tutto quello che tocca il cuore non va più via>>. All’interno del coperchio i messaggi continuano <<… riempila di ciò che desideri perché i desideri creano il mondo>>. Dentro trovo una delle bellissime borse che avevo visto nel Castello di Gallipoli, un sacchetto con i fiori di cotone da seminare, un quaderno pieno di disegni e di dediche. C’è anche una lunga lettera scritta a mano e finalmente capisco il motivo di questo dono tanto inaspettato e immeritato quanto gradito. E’ scritta da Maria Rosaria Ciullo, fioraia da 25 anni, che ha scelto di diventare un’artigiana creativa dando vita al progetto “Emozioni in libertà” a Vitigliano, paese del Salento di 900 abitanti. Una storia talmente bella che sembra incredibile.

 

WINE BLOGGER PIU’ FORTI DEL MONDO

Wine blogger ovvero i comunicatori virtuali del vino. Alcuni erano nomi già celebri ma altri sono nati on line. Più friendly, aperti al dialogo e ironici

Wine-blogger- Joulien-Miguel-Social-Vignerons-mostra-WineFolly

Wine-blogger-Julien Miquel-Social-Vignerons-mostra-WineFolly

di Donatella Cinelli Colombini

Le classifiche mondiali dei wine blogger più influenti sono un misto di nomi noti come Wine Spectator o Jancis Robinson e nuove creazioni che precedentemente non avevano la stessa fama e la stessa influenza come Wine Folly o Social Vigneron. In altre parole in certi casi la forza on line dipende da un riposizionamento di chi ha saputo mantenere e accrescere la propria influenza ma certi wine expert sono partiti dal loro talento di comunicatori e assaggiatori usando il web per farsi notare.

 

I WINE BLOGGER PIU’ FORTI DEL MONDO SCELTI DA FEEDSPOT

La classifica di Feedspot, società di comunicazione internet capace di creare i contatti a tutti i livelli,  è recentissima e mette sul trono Wine

VinePair-i-top-wine-blogger

VinePair-i-top-wine-blogger

Spectator seguito da VinePair e WineFolly. La forza della celebre rivista newyorkese è di pubblicare i punteggi e le recensioni di 15.000 vini ogni anno. Ha 432.0000 followers su Instagram.  Insomma era ed è un potenza.

WinePair è il blog ideale per chi beve il vino per piacere e per rilassarsi. Pubblica 7 post al giorno ed ha 59mila follower in Instagram,

WineFolly ha la sua base a Seattle. La sua tattica è diversa e più orientata a scrutare dietro le quinte del vino: pubblica un post alla settimana fra racconti, video, articoli e corsi online. 267.000 followers Instagram. Seguono The Wine Cellar Insider e Social Vignerons del geniale enologo francese Julien Miquel. Sesto il colosso della formazione sul vino WSET   Wine & Spirit Education Trust, poi la lista continua fino al numero 100 ma, almeno all’inizio, mancano nomi italiani.

VINI PREMIUM VITTIME DEL CORONAVIRUS

Il coronavirus cambia il mercato del vino che ora tende all’austerità e poi si polarizzerà fra il primo prezzo e l’ultra caro, i premium in mezzo rischiano

 

Vini-premium-e-coronavirus-le-diverse-reazioni-delle-cantine-e-l'uso-dei-wine-club

Vini premium e coronavirus – le diverse reazioni delle cantine e l’uso dei wine club

Di Donatella Cinelli Colombini

Tutte le cantine dei grandi vini, ovunque nel mondo, soffrono per l’epidemia coronavirus insieme ai ristoranti che erano il loro principale canale di vendita. Meno colpiti i vini di fascia più bassa destinati soprattutto alla vendita in supermercato e al consumo domestico.
Un vero collasso per le bollicine con lo Champagne che segna un meno 75% nei primi mesi della crisi dopo un 2019 da record con 4 miliardi di fatturato.

 

PRIMA REAZIONE AL CORONAVIRUS E’ L’AUSTERITA’

Coronavirus-Bordeaux

Coronavirus – Bordeaux

Kathleen Willcox in un lunghissimo articolo di Wine Searcher, che vi invito a leggere, intervista produttori di tutto il mondo ottenendo più o meno le stesse risposte ovunque: i vini da 10 Dollari si vendono ma quelli premium sono in enorme difficoltà. Secondo il Bureau of Labor Statistics, il settore del tempo libero e dell’ospitalità negli Stati Uniti ha perso 7,7 milioni di posti di lavoro in aprile.
Le tendenze del settore fashion e lusso possono dare qualche indicazione su quello che potrebbe avvenire anche nel comparto vino premium. Apparentemente ora c’è una forte virata dei consumi verso l’austerità e l’utilizzo di ciò che i clienti già possiedono senza fare nuovi acquisti. <<J. Crew in bancarotta, la settimana della moda cancellata, Christian Dior, Burberry, Christian Siriano e Ralph Lauren che sformano maschere e dispositivi di protezione individuale al posto dell’alta moda>>.
La ricerca di Kathleen Willcox punta su cosa sta succedendo ora e cosa potrebbe avvenire più avanti. Il primo quesito è capire come conciliare l’immagine <<inaccessibilmente aspirazionale>> dei super brand del vino con un mercato che chiede quasi solo “vino di medio livello” senza svendere, perdere reputazione o andare in bancarotta.

 

Mettiamo o no gli ingredienti del vino in etichetta?

I produttori di vino sono contrari e i legislatori favorevoli ma il punto è: lo zucchero aggiunto è da segnalare o no? E’ un ingrediente o no?

ingredienti-aggiunti-al-vino-in-etichetta-il-problema-è-lo-zucchero

ingredienti-aggiunti-al-vino-in-etichetta-il-problema-è-lo-zucchero

di Donatella Cinelli Colombini

La polemica dura da anni all’interno del Parlamento e delle Commissioni europee. Inizialmente c’erano i rappresentanti inglesi che volevano un’etichetta con calorie e la segnalazione di ogni aggiunta nel succo dell’uva mentre, sul lato opposto, i francesi erano contrari.
Contemporaneamente i sostenitori del vino biodinamico e naturale accusavano i produttori convenzionali di aggiungere al vino prodotti chimici capaci di camuffarne i caratteri e fare male alla salute.

INGREDIENTI E VALORI NUTRIZIONALI IN ETICHETTA

segnalazione-di-valori-nutrizionali-in-etichetta

segnalazione-di-valori-nutrizionali-in-etichetta

A questo vanno aggiunte le richieste dei consumatori più salutisti e soprattutto delle donne giovani sull’apporto calorico di ogni calice al fine di salvaguardare la linea.
Insomma, negli ultimi anni, sono stati spesi fiumi di inchiostro sulla normativa relativa agli ingredienti del vino in etichetta. Barnaby Eales dello staff di Wine-Searcher ha provato a fare chiarezza su quella che sembra un’imminente decisione UE.
Allo stato attuale è obbligatorio segnalare nell’etichetta del vino la presenza di ciò che può scatenare allergie come l’uovo o la colla di pesce o i solfiti.

LA DIFFERENZA FRA INGREDIENTI E ADDITIVI

Non è invece obbligatorio segnalare le altre sostanze aggiunte come invece avviene con gli altri alimenti.
Questo perché c’è una gran confusione fra i termini “ingredienti” e “additivi”.
Sembra un problema linguistico e invece è quello più spinoso perché riguarda l’aggiunta di zucchero. Thomas Montagne, presidente della CEVI, l’Associazione europea dei viticoltori indipendenti, aveva preannunciato che la questione dello zucchero sarebbe diventata uno dei punti chiave nei negoziati. In effetti i legislatori hanno difficoltà a dare regole uguali in tutta l’UE in presenza di pratiche ammesse in Francia o in Germania ma considerate sofisticazione in Italia dove lo zuccheraggio è un reato molto grave.

Donne del Vino, Touring Club e i Camper in cantina

Nasce il progetto Donne del Vino camper friendly organizzato con il Touring Club Italiano per offrire soste, visite e assaggi a chi fa viaggi in libertà

 

Di Donatella Cinelli Colombini

 

Le Donne del Vino aspettano i turisti in caravan e camper nelle loro cantine per offrire loro la sosta di una notte fra i vigneti e uno sconto sulle bottiglie acquistate. Le aziende del vino al femminile sono in tutta Italia e producono etichette straordinarie in contesti naturali e storici di grande bellezza.

Donne del Vino Touring Club Italiano Cantine camper friendly

Donne del Vino Touring Club Italiano Cantine camper friendly

Il progetto, realizzato in collaborazione con TCI Touring Club Italiano, mira ad avvicinare la grande enologia a chi fa turismo itinerante e, tradizionalmente, intende il viaggio come una scoperta emozionante che lo porta a diretto contatto con la natura, i territori e le persone.
Proprio il concetto di ospitalità costituisce il punto di partenza del progetto “Donne del Vino camper friendly” che intende proporre i luoghi del vino come destinazioni privilegiate di chi fa viaggi itineranti. Per loro, le Donne del Vino hanno pensato anche a speciali pic-nic da organizzare su misura (a pagamento) per vivere ogni sosta in cantina come un momento unico e irripetibile.

 

Donne del Vino Touring Club Italiano Cantine camper friendly

Donne del Vino Touring Club Italiano Cantine camper friendly

Touring Club digital e camper: un legame sempre più forte

Il progetto si sviluppa attraverso la raccolta delle adesioni delle cantine camper friendly delle Donne del Vino e la pubblicazione della lista in articoli redazionali postati nel sito del Touring Club a luglio e a settembre in concomitanza con l’invio di informazioni al cluster TCI riservato agli amanti del turismo itinerante. Contemporaneamente ci sarà il lancio di un comunicato stampa e la diffusione di notizie e foto attraverso i canali social nazionali e regionali delle Donne del Vino.

Nel digitale il Touring Club Italiano è forte: oltre 400 mila utenti iscritti al sito, 8 milioni di utenti unici e 22 milioni di pagine visualizzate nel 2019. Altro elemento da tenere presente è il profilo dei “followers” che corrisponde a persone di età superiore ai 35 anni, prevalentemente con famiglia e laurea. Un identikit abbastanza vicino a quello del tipico turista del vino italiano. Infatti, fra le categorie su cui si orienta la ricerca nei canali del TCI, nelle prime posizioni oltre ai viaggi, c’è il “Food e dining”.

Tornando all’argomento caravan-camper esso costituisce il terzo tematismo, per numero di utenti registrati, fra i cluster proposti dal Touring Club Italiano, con oltre 12.000 persone che ricevono periodicamente informazioni e proposte su questo tema. Le pagine visitate lo scorso anno sono state 800.000 e il dato è in continua crescita.

I promessi sposi, Violante ed Enrico, domani le nozze

I primi amici degli sposi sono già arrivati alla Fattoria del Colle dove fervono i preparativi per le nozze di Enrico e Violante domani

 

Enrico-e-Violante-promessi-sposi

Enrico e Violante promessi sposi

di Donatella Cinelli Colombini

 

Violante ha fatto il suo addio al nubilato, a Firenze in piscina, con le sue testimoni Emanuela Tamburini Jermann, Giulia Di Stefano e  l’amica Federica Ranucci.

 

PROMESSI SPOSI VIOLANTE E ENRICO ALLA VIGILIA DELLE NOZZE

La vigilia delle nozze è il momento giusto per raccontare la storia d’amore di Violante e Enrico. I nostri promessi sposi hanno caratteri opposti: esplosiva lei, riflessivo lui, temeraria lei prudente lui. Violante è un motorino nella vita e nel lavoro, mentre Enrico legge e elabora di più. Alla fine si completano a vicenda.
Si sono conosciuti più di 10 anni fa grazie all’associazione LEO Club – giovani del Lions, di cui entrambi facevano parte. All’inizio non si piacevano perché, mentre era Presidente regionale Violante aveva contrastato le scelte del Leo Club di Enrico guadagnandosi la duratura ostilità dei suoi membri. Nell’autunno 2016, entrambi si lasciano burrascosamente dai rispettivi partners e poco dopo si trovano a Firenze insieme ad altri amici. <<Ero scottato e ce l’avevo col mondo>> racconta Enrico <<e parlai tutto il tempo della mia ex>>. Ma nonostante questo scattò la scintilla e Enrico chiese a Violante di incontrarsi di nuovo a Colle Val d’Elsa.

 

VIOLANTE, ENRICO ED IL PRIMO APPUNTAMENTO

Violante-addio-al-nubilato

Violante – addio al nubilato

Lei era impegnata con le riprese di un video aziendale alla Fattoria del Colle, per cui era in ritardo ma poi una deviazione stradale aggravò la situazione per cui arrivò all’appuntamento tardissimo. Mentre aspettava, lui vide un fioraio, comprò un mazzo di fiori e lo nascose nel baule della macchina. Quando finalmente si trovarono Enrico disse <<Stasera non voglio pensare ad altro che a godermi la serata con te>> e chiuse il cellulare nel portaoggetti della macchina. Un segno di attenzione che colpì l’indole molto romantica di Violante. Quando, a fine serata, lui tirò fuori il mazzo di fiori, lei si sentì battere il cuore. Cominciava a nascere qualcosa di più della semplice simpatia.

 

I vini di Sangiovese più conosciuti del mondo

7 Brunello e 3 Supertuscan sono i vini di Sangiovese più cool: Fontodi, Casanova di Neri e Montevertine. La lista arriva da WineSearcher ed è sorprendente

Sangiovese Montalcino

Sangiovese Montalcino Casato Prime Donne

Di Donatella Cinelli Colombini

Come sempre Don Kovanagh ci sorprende con un argomento intrigante per tutti i wine lover e soprattutto gli appassionati di vino toscano. I vini a base di Sangiovese che attraggono maggiormente la curiosità e sono più cercati on line nell’enorme portale Wine Searcher, una banca dati di 6 milioni di offerte che cresce continuamente.

I SANGIOVESE PIU’ POPOLARI NEL MONDO

Al primo posto un Supertuscan l’IGT Flaccianello della Pieve di Fontodi. Medaglia d’argento per il Brunello Tenuta Nuova di Casanova di Neri, il vino arrivato primo nella Top 100 del Wine Spectator del 2006. Terzo posto per Montevertine con il suo Pergole Torte Toscana IGT. Segue un quartetto di Montalcino: Poggione, Biondi Santi, Banfi, Soldera, Frescobaldi e Valdicava tutti con il Brunello salvo Case Basse-Soldera con i IGT a base della stessa uva di Sangiovese dei suoi celebri Brunello.

Storie e personaggi della Doc Orcia

Orcia una denominazione giovane in un territorio antico pieno di leggende e di personaggi storici. Ve la racconto e vi invito a venire nelle terre dove nasce

 

Orcia-il.vino-più-bello-del-mondo-San Quirico d'Orcia Collegiata

Orcia – Il vino più bello del mondo – San Quirico d’Orcia – Collegiata

di Donatella Cinelli Colombini

Molti studiosi considerano Siena “figlia della strada”, cioè della Via Francigena che, dopo il VII secolo, spostò il passaggio di pellegrini, eserciti, mercanti e regnanti …. dalla via consolare Cassia ad un percorso più collinare che passava appunto da Siena e proseguiva per Buonconvento, Torrenieri, San Quirico, Castiglion d’Orcia, Abbadia San Salvatore …. Le terre dalla Doc Orcia.

 

LA VIA FRANCIGENA CIRCONDATA DALLE TERRE DELLA DOC ORCIA

Le ragioni dello spostamento sono nella guerra fra Bizantini e Longobardi che impediva l’utilizzo del percorso Bologna-Firenze imponendo di valicare l’Appennino più a Nord, ma anche nell’impaludamento della Valdichiana che rendeva impercorribile la strada romana che da Arezzo andava verso Roma.

Orcia-San-Quirico-Festa-del-Barbarossa

Orcia – San Quirico – Festa del Barbarossa

Un cambiamento di percorso che fece la fortuna dei territori collinari. Le cittadine lungo il tragitto si riempirono di torri, chiese, ospedali, castelli, artigiani e opere d’arte diventando degli autentici gioielli.
E’ proprio lungo questo tracciato che avviene la produzione della DOC Orcia, il vino più bello del mondo, perché nato in un paesaggio intatto e straordinariamente armonico, costellato di piccole città d’arte.
Cittadine come San Quirico raccontano nei muri questo passato glorioso e basta osservare con attenzione per vedere gli archi a ogiva delle case torri, le corti interne dove sostavano le merci dei mercanti, l’ospedale per il ricovero dei pellegrini e una ricchezza artistica che sbalordisce.

 

COME COMUNICARE E A CHI VENDERE IL VINO DOPO IL COVID

Reverge spending – spesa della vendetta per i Millennials, le previsioni sul dopo lockdown del vino sono promettenti ma le cantine devono farsi vedere

 

di Donatella Cinelli Colombini

Denis-Pantini-Nomisma-Wine-Monitor- il-vino-dopo-il-covid

Denis-Pantini-Nomisma-Wine-Monitor- il-vino-dopo-il-covid

L’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor ha verificato su un campione di consumatori la propensione a tornare alle vecchie abitudini <<il 58% per cui non cambierà nulla, fatte salve le adeguate misure di sicurezza da prendere (45%)>> spiega Denis Pantini responsabile dell’indagine <<anzi il 10% prevede di spenderne più di prima fuori casa, valore che sale al 15% per i millennials (25-40 anni) e per chi non ha avuto problemi sul lavoro (13%)>>.

 

I MILLENNIALS E LA LORO VOGLIA DI BERE VINO FUORI CASA DOPO IL COVID

Se la previsione è giusta segnerebbe una boccata di ossigeno per le cantine, infatti, in Italia circa un terzo dei consumatori beve prevalentemente fuori casa (42% i millennials), con un valore che incide per il 45% sul totale delle vendite. Il prezzo medio alla bottiglia è di 15,4 Euro, mentre al calice la spesa è di 5,7 Euro. Da Vincenzo Russo, professore di neuromarketing alla Iulm di Milano, arrivano le prime indicazioni sui desideri dei consumatori e la comunicazione del vino dopo la quarantena: è necessario farsi vedere, agire in gruppo, dare attenzione al cliente ed essere empatici.

Il Professor Russo ci fa riflettere sugli studi cinesi riguardanti la modifica dei desideri di chi è stato due mesi chiuso in lockdown. A seconda delle età cambiano le aspirazioni: i giovani (21-30 anni) hanno voglia di stare insieme e andare in ristoranti e bar anche se percepiscono paura e chiedono garanzie contro i contagi. Gli adulti (31-40 anni) sognano di viaggiare, aspirazione molto più diffusa in Cina che da noi.

Vincenzo Russo-la-comunicazione-del-vino-dopo-il-covid

Vincenzo Russo-la-comunicazione-del-vino-dopo-il-covid

Quelli con età fra i 41 e i 50 anni, vorrebbero comprare prodotti salutari e di più alta qualità. Il 73% del totale dichiara che spenderà di più soprattutto nei prodotti alimentari.

 

TRASPARENZA, SICUREZZA, AUTENTICITA’, SEMPLICITA’ E SOBIETA’: LE PAROLE CHIAVE DEL DOPO COVID

Una fotografia che non corrisponde del tutto a quella dei consumatori italiani. Infatti la produzione industriale cinese è ritornata sopra i livelli del 2019 nell’aprile scorso, mentre in Italia la caduta del PIL e dei redditi saranno più forti.
Per questo il Professor Russo ipotizza, in Italia, un’evoluzione che poggia su 5 parole chiave: trasparenza, sicurezza, autenticità, semplicità e sobrietà. Tradotto in strategie di marketing c’è dunque bisogno di rassicurare chi compra ma anche <<sviluppare una comunicazione sempre più capace di interattività, riconoscibilità dell’interlocutore, desideroso di socialità, e coinvolgimento emotivo>> in altre parole bisogna che i produttori imparino a dialogare direttamente con i propri clienti.

 

Il lockdown ha cambiato per sempre il mercato del vino?

Il boom dell’e-commerce del vino durante la quarantena covid è destinato a durare o no? Tutto fa credere che il cambiamento sia permanente

 

e-commerce-del-vino-Winelivery

e-commerce-del-vino-Winelivery

di Donatella Cinelli Colombini

Durante il lockdown, le vendite di vino on line sono cresciute di cinque volte negli Stati Uniti. E’ probabile che la necessità di trovare un canale di approvvigionamento alternativo abbia rotto il ghiaccio e molti si siano familiarizzati con l’e-commerce e dopo aver rotto il ghiaccio continueranno a comprare via web anche in futuro.

 

DELIVERY ED E-COMMERCE, IL COMPORTAMENTO DEI CONSUMATORI CAMBIA PER SEMPRE

Il dubbio è che anche altre abitudini dei consumatori stiano cambiando.
Infatti la paura dei contagi e l’effetto dissuasivo che questo ingenera sulla frequentazione dei ristoranti, anche a causa dei distanziamenti, delle mascherine e delle barriere in plexiglass, porterà come conseguenza un maggior consumo di pasti a casa con servizi delivery che riguarderanno sia vini che cibi.

 

SUCCESSO DEL VINO QUOTIDIANO E DEL ROSATO NELL’ E-COMMERCE DURANTE LA QUARANTENA

vino e e-commerce-durerà-il-boom-del-lockdow

vino ed e-commerce-durerà-il-boom-del-lockdown

Bob Orlandi di Aabalat ha detto a Wine Searcher che la sua agenzia di vendita on line ha visto crescere gli acquisti di vini quotidiani anche in cartoni misti come se i clienti comprassero ciò che serve per pranzi a casa. Al contrario i collezionisti, che sono lo zoccolo duro della clientela, durante l’epidemia hanno saccheggiato le proprie cantine domestiche. Ecco che le bottiglie da 6 a 30€ sono state molto richieste e il flusso dell’e-commerce è cresciuto, durante la quarantena, con il passare dei giorni.

 

Michel Rolland esce di scena; la fine di un’epoca

Michel Rolland e Robert Parker, sono stati protagonisti assoluti del mondo del vino per trent’anni. Molto, forse troppo influenti hanno spinto verso la qualità

 

di Donatella Cinelli Colombini

Michel-Rolland-consulente-enologo-si-ritira

Michel-Rolland-consulente-enologo-si-ritira

L’annuncio arriva all’inizio di maggio e lascia tutti a bocca aperta: Michel Rolland e sua moglie Dany cedono la società di consulenza da loro fondata nel 1973 a Bordeaux, alle persone che ci lavorano e che saranno dirette dai collaboratori storici del famoso enologo francese: Julien Viaud, Mikael Laizet e Jean-Philippe Fort.

 

CHI E’ MICHEL ROLLAND ENOLOGO VOLANTE

Sembra un normale pensionamento ma non lo è perché Michel Rolland è stato per trent’anni l’enologo più potente e ascoltato nel mondo. Talmente influente da cambiare lo stile del vino a livello planetario. Il primo vero flying winemaker con consulenze in un centinaio di cantine di alta fascia in oltre 20 Nazioni. Lui stesso possiede una decina di tenute a Bordeaux, in Argentina, in Spagna e in Sud Africa.
I suoi laboratori sono in grado di seguire tutte le fasi della vigna e della cantina. Aerei ed elicotteri per spostarsi incessantemente ed un’organizzazione quasi militare per accorciare i tempi che arrivava persino nel guardaroba personale di Rolland, permettendogli di fare le valigie in pochissimi minuti.
Oltre a questo, un rapporto forte con la stampa più importante e il mondo dei grandi négociant, cioè degli intermediari commerciali, broker del vino capaci di muovere mercati, aste e collezionisti.
Un’influenza così enorme sugli opinion maker da trasformare le scelte di Michel Rolland in favore di vini muscolari con alti estratti e forte impronta di legno nuovo, nei  sinonimi di alta qualità e di successo.

 

E’ la senese Carlotta Salvini la TOP sommelier FISAR

Due lauree, ottima assaggiatrice, spigliata e poliglotta, Carlotta Salvini senese della Contrada della Torre è la migliore sommelier d’Italia 2019 FISAR

 

Carlotta Salvini miglior sommelier FISAR 2019

Carlotta Salvini miglior sommelier FISAR 2019

Di Donatella Cinelli Colombini

Ha 31 anni, una laurea in agraria e una in enologia, ha superato i tre livelli WSET, parla perfettamente inglese e, dal 2016, è Sommelier Fisar. Lavora a Felsina, in Chianti Classico dove dirige la wine hospitality e ora,  durante il periodo di quarantena covid ha rilasciato una video intervista a Marco Montemagno, il mitico Monty, che ha lasciato tutti di stucco per la simpatia, la competenza, l’entusiasmo, la chiarezza espositiva con cui ha parlato di vino ad un pubblico internazionale che segue Montemagno soprattutto per ascoltare marketing e economia.

 

CARLOTTA SALVINI MIGLIOR SOMMELIER FISAR 2019

Ma chi è Carlotta Salvini, la giovane donna che è salita sul gradino più alto dei sommelier FISAR 2019? E’ nata a Siena ed è entrata nel mondo del vino, come tanti studenti, partecipando alla vendemmia.

Carlotta Salvini miglior sommelier FISAR 2019 da Marco Montemagno

Carlotta Salvini miglior sommelier FISAR 2019 da Marco Montemagno

La competizione al titolo nazionale 2019 è avvenuta il 16 novembre nell’acquario di Livorno in occasione del XXVI concorso Miglior sommelier d’Italia Fisar (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori). Un concorso a cui Carlotta partecipava in rappresentanza della delegazione di Siena Valdelsa. C’erano una prova scritta di conoscenza sui vini, una prova pratica sulla tecnica di servizio e degustazione, infine una prova orale nella quale è importante anche l’aspetto di comunicazione. I candidati dovevano descrivere un vino assaggiato al buio.

 

28 tecniche di persuasione spiegate da Montemagno

Trucchi psicologici di marketing in cui tutti cascano, spiegati da uno dei guru della comunicazione internet: il super influencer Marco Montemagno

 

Marco Montemagno

Marco Montemagno marketing e web

Di Donatella Cinelli Colombini

 

Guardate Marco Montemagno on line?
No? Male, guardatelo e vi aprirà gli occhi sul mondo e sul nuovo.
Montemagno detto Monty, faceva l’avvocato in Lombardia, oggi vive in UK, ha 4 figli e propone tutorial e interviste on line. Ha scritto il libro di business più venduto nel 2019. E’ uno degli influencer più seguiti e più capaci di aprire la mente a chi lo ascolta.
Marco Montemagno ha riassunto in uno spassosissimo video, che vi invito a guardare, le principali tecniche usate per vendere prodotti via internet. Qui l’elenco in modo da lasciarvi qualcosa di scritto, ma non privatevi del piacere di ascoltare Marco e la sua consueta ironia.

 

Enoteche: meno shopping e più talent scout

Le enoteche continuano ad aumentare in Italia, sono 7.209 e diventano luoghi di intrattenimento e scoperta assumendo un’importanza decisiva per il turismo

Andrea-Gori-su Au-.Brion

Enoteche crescono di numero e di competenze legate al turismo. Andrea Gori Da Burde

di Donatella Cinelli Colombini

Nel turismo moderno le enoteche hanno un ruolo chiave perché l’esperienza enogastronomica è ormai un must del viaggio. Basti pensare che nel 2006 solo il 17% dei turisti faceva un’esperienza di cibo e vino mentre oggi si tratta del 95%, così come è cresciuta, oltre la metà del totale, la quota di quelli che decidono la destinazione del viaggio in base alle proposte golose che offre (3° Rapporto sul turismo enogastronomico di Roberta Garibaldi).

IL RUOLO DELLE ENOTECHE NEL TURISMO MODERNO

In altre parole la presenza di enoteche che organizzano degustazioni o assaggi combinati di vini e cibi tipici così come la possibilità di scoprire e comprare le bottiglie di piccole cantine eccellenti difficilissime da trovare sul mercato, costituisce un elemento di grande arricchimento della scoperta dei luoghi visitati e un modo di conoscerli più profondamente. Ovviamente questo ha significato un drastico cambiamento delle rivendite di vino dove è ormai molto frequente trovare personale poliglotta e sommelier capaci di trasformare una degustazione verticale in un’esperienza emozionate e arricchita da storytelling.

Enoteca-Pierangioli-Montalcino-Stefania

Enoteca-Pierangioli-Montalcino-Stefania

MENTRE I NEGOZI CHIUDONO LE ENOTECHE APRONO

Un “cambiamento di pelle” salutare e premiato con una crescita numerica delle enoteche che perdono l’aspetto di luoghi di shopping per trasformarsi nel posto in cui trovare nuovi amici e condividere con loro momenti unici legati al vino.  Potrebbe essere questa la ragione dell’aumento, mentre il settore del commercio al dettaglio vive, in Italia, il suo periodo più nero con la chiusura di 14 attività commerciali al giorno nel 2019 per un totale veramente impressionante: -0,4% delle vendite, meno un miliardo di business, meno 32.000 negozi dal 2011.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi